Mercoledì 26 Giugno 2019 | 18:01

NEWS DALLA SEZIONE

L'analisi
Giù le mani dall’unità ma serve più luce a Mezzogiorno

Giù le mani dall’unità ma serve più luce a Mezzogiorno

 
L'analisi
Dalle scosse nel governo alle crepe nei due partiti

Dalle scosse nel governo alle crepe nei due partiti

 
L'analisi
La sfida della manovra e il gioco del risiko

La sfida della manovra e il gioco del risiko

 
L'analisi
Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

Il baluardo del Quirinale e la questione giustizia

 
L'analisi
Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

Ma l'eccessivo euro-castigo «sovranizza» il belpaese

 
La riflessione
Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

Ma il Nord l’autonomia l’ha già presa (con i soldi)

 
L'analisi
Sud avanti in letteratura indietro in economia

Sud avanti in letteratura indietro in economia

 
L'analisi
Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

Tra spifferi e correnti terzo potere senza bussola

 
L'analisi
Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

Se l’Italia si smarca da Bruxelles a Washington

 
La riflessione
Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

Sud, la nuova frontiera indicata dalle città

 
Il punto
Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

Euro-trattativa e urgenza di ridurre le tasse

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVandalismo
Torre a Mare, vandali in azione al chioschetto della p.zza del Porto

Torre a Mare, vandali in azione al chioschetto della p.zza del Porto

 
GdM.TVIl rogo
Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva:  interviene il Canadair

Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva: distrutti tre ettari

 
PotenzaL'inchiesta
Potenza, raccolta abusiva di scommesse: sequestro in una ricevitoria

Potenza, raccolta abusiva di scommesse: sequestro in una ricevitoria

 
FoggiaLa lettera agli assassini
Lupara bianca nel Foggiano, mamma vittima: «Pentitevi, dopo di me c'è solo la giustizia»

Lupara bianca nel Foggiano, mamma vittima: «Pentitevi, dopo di me c'è solo la giustizia»

 
TarantoLe aggressioni
Manduria, botte e calci all'anziano per condividere i video sui social: le azioni della baby-gang

Manduria: «È diventato pazzo il triplo», così il branco derideva il disabile

 
LecceL'inchiesta
Scorrano, c’è l’ipotesi scioglimento per il Comune

Mafia, a Scorrano ipotesi scioglimento del Comune
Il sindaco: «Nessun patto elettorale con clan»

 
MateraGiustizia
Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

 
BatIl caso
Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

 

i più letti

La riflessione

Attenti a non fare il gioco dell’oca

«Il diritto all'ambiente e alla salute dei tarantini non diventi uno slogan buono solo per le campagne elettorali»

Ilva

Salvato l'acciaio, puntellato il Pil, tutelato il lavoro, per evitare che la storia si ripeta, in un mix formidabile di farsa e tragedia che Taranto non può permettersi, ora occorre che lo Stato faccia la sua parte, assicurando mezzi, fondi e strumenti. Il diritto all'ambiente e alla salute dei tarantini non diventi uno slogan buono solo per le campagne elettorali. 

Sei anni fa la magistratura sequestrò gli impianti dell'area a caldo dell'Ilva perché ritenuti – da una perizia non ancora confutata - fonte di malattie e morti per operai e cittadini. Quegli impianti, dopo l'esproprio governativo compiuto nel giugno del 2013 ai danni della famiglia Riva (che non finirà mai di santificare quel provvedimento, ché l'ha tolta da tutti gli impicci), passano ora ad ArcelorMittal, multinazionale dell'acciaio, chiamata ad investire circa 2 miliardi di euro per rimetterli a nuovo e andare così a bussare alla Procura di Taranto per ottenerne il dissequestro. Il quadro sancito ieri a Roma si chiude con la garanzia che nessun dipendente perderà il posto di lavoro.

Il dossier Ilva non può finire in archivio così, però. Non è giusto per una città che per 50 anni ha ospitato l'acciaieria più grande d'Europa, garantendo coils e lamiere alla Fiat e ad altre fabbriche italiane e subendo fumi ed emissioni incontrollate con la compromissione, urbanistica prima ancora che altro, di un territorio altrimenti bellissimo. E non serve a nessuno, perché altrimenti nel giro di pochi anni ci ritroveremo al punto di partenza, come un gioco dell'oca che il 4 marzo ha portato il Movimento 5 Stelle a sfiorare il 50 per cento dei consensi, eleggendo cinque parlamentari al grido di <Chiudiamo l'Ilva> e ieri sera, nella centralissima piazza della Vittoria, una di quei cinque parlamentari costretta a fuggire, protetta dalla polizia, inseguita dagli insulti e dalle urla di quelli che ormai possono essere considerati suoi ex elettori.

Che l'Ilva non dovesse, né potesse chiudere, era ormai chiaro da settimane. Non c'erano i soldi per garantire altrimenti 14mila stipendi e la promessa riconversione economica ma si è preferito rinviare ogni decisione, con un gioco di rimandi che alla fine non poteva non ritorcersi contro chi lo stava conducendo. Il vicepremier Di Maio, dopo aver siglato l'accordo tra azienda e sindacati, ha annunciato una legge speciale per Taranto, nel tentativo di placare la base del suo movimento, illusa per mesi. La legge speciale per Taranto non solo è utile e necessaria, giacché salvati i 14mila dipendenti dell'Ilva restano i 100mila residenti nel capoluogo e provincia ancora alla ricerca di occupazione, ma doveva essere la pre-condizione dell'accordo di ieri. Si è scelta un'altra strada ma ora altri errori non saranno ammessi, pena l'ulteriore perdita di credibilità di una classe dirigente incapace di guardare al generale, non in grado di affrontare un caso – e il caso Taranto è sui tavoli dei governi italiani ormai dal 2012 – e risolverlo in tutte le sue sfaccettature, dando ai cittadini la sensazione di uno Stato che non prende solamente ma è in grado anche di dare, di mettere a sistema un puzzle che è sicuramente composto da lavoro e produzione, ieri messe al sicuro, ma anche da ambiente e salute che erano i punti che hanno fatto esplodere l'affaire-Ilva. I tarantini sognano di vivere in una città nella quale non si debba correre il rischio di ammalarsi per condotte illecite altrui, peraltro coperte da immunità. Un sogno che ad oggi non si è ancora avverato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie