Mercoledì 22 Settembre 2021 | 23:59

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

tradizioni a vico del gargano

Innamorati, a San Valentino
mangiano arance
e coronano il loro sogno

san valentino a vico

VICO DEL GARGANO (FOGGIA) - La leggenda racconta che mangiando le arance di Vico del Gargano o bevendone il succo, ci sia la possibilità di coronare il proprio sogno d’amore. Da questa antica leggenda legata a San Valentino, patrono da 400 anni (da quando nel 1618 i vichesi lo sostituirono a San Norberto) della cittadina garganica che protegge non solo gli innamorati ma anche gli agrumi, nasce Terrarancia.
L’evento in programma a Vico del Gargano, dal 16 al 18 febbraio 2018, racconta storia, tradizioni e tipicità del paese dell’amore ed è organizzato da Regione Puglia, Assessorato all’Agricoltura della Regione Puglia, Parco Nazionale del Gargano, Comune di Vico del Gargano. Durante il weekend Vico del Gargano - cittadina dal cuore antico che sorge su un promontorio roccioso tra il mare e la Foresta Umbra, e che rientra tra I Borghi più Belli d’Italia - si vestirà a festa per celebrare San Valentino. Ornamenti originali a base di agrumi decoreranno la Chiesa Matrice, il centro storico di origine medievale, le vecchie case «a pujedd» (a schiera con scala esterna), archi, portoni e vicoli, a partire dal «Vicolo del Bacio», stretta e pittoresca stradina simbolo del paese dell’amore.

«Vico del Gargano è un borgo molto suggestivo e ricco di storia che merita di essere visitato in qualsiasi periodo dell’anno. Per questo abbiamo scelto di valorizzarlo attraverso un evento come Terrarancia, capace di esaltarne le caratteristiche e destagionalizzare i flussi turistici», afferma il sindaco di Vico del Gargano Michele Sementino. «Con Terrarancia abbiamo voluto regalare ai vichesi e agli ospiti una grande festa, degna del Santo Patrono proprio in occasione del quattrocentesimo anniversario della sua proclamazione. Non solo un forte richiamo di fede, ma un’impronta culturale che pone Vico al centro del Gargano, per la sua storia, la sua tradizione, l’autenticità dell’offerta e l'innegabile fascino che il centro storico e la proverbiale amicizia dei vichesi, riescono a donare» dichiara l’assessore alla Cultura, Manifestazioni ed Eventi di Vico del Gargano Raffaele Sciscio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie