Mercoledì 20 Marzo 2019 | 06:44

Il Biancorosso

Al San Nicola
Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni

Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeVerso le elezioni
Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

Berlusconi operato d'urgenza per ernia inguinale: annullato tour in Basilicata

 
BariAlla Casa del Popolo di Bari
Mister Ulivieri ricorda Maestrelli e si schiera: «Voterò la sinistra del noi»

Mister Ulivieri ricorda Maestrelli e si schiera: «Voterò la sinistra del noi»

 
TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

La violenza sulle donne

Anna, 17 anni, vittima di stalking: «La poesia mi ha salvata»

La testimonianza di una ragazza che ha trasformato il dolore provato all'età di 15 anni per un fidanzato «oppressivo»

La storia di Giovanna, vittima di stalking: «La poesia mi ha salvata»

BARI - Anna è un'adolescente come tante: gli amici, la scuola, la parrocchia. Un giorno, però, la sua vita è stata stravolta del tutto. Aveva 15 anni quando un ragazzo ha iniziato a perseguitarla. Messaggi, telefonate, appostamenti sotto casa: non doveva vedere le amiche, non doveva frequentare la palestra, un vero e proprio incubo. Da ragazza allegra e libera ha iniziato ad avere paura di uscire, di andare a scuola. Oggi ha 17 anni (vive nel Nord Barese), ma nella sua giovane vita ha già assaggiato il senso di oppressione. A renderle la vita un inferno per 7 mesi ci ha pensato il suo fidanzatino. Già fidanzatino, perché quando questa storia ha avuto inizio, Anna era poco più di una bambina. Lo precisiamo, Anna è un nome di fantasia: nonostante la ragazza e la mamma abbiano manifestato l'intenzione di metterci la faccia, abbiamo ritenuto opportuno tutelarla raccontando la sua storia in maniera anonima.

«L'ho conosciuto a una festa di alcuni amici dei miei, lui con una scusa si è avvicinato e abbiamo iniziato a chiacchierare, poi ci siamo scambiati i numeri, ma lui viveva a Torino, quindi era difficile incontrarci. Abbiamo iniziato a scriverci, così per gioco. Poi il caso ha voluto che si trasferisse nel Brindisino e quindi è iniziata la nostra “amicizia”. Parlavamo tanto, lui mi raccontava dei suoi problemi, di quanto avesse sofferto da piccolo a causa di una malattia e io lo ascoltavo e a ogni sua parola mi intenerivo sempre più. Mi dispiaceva per ciò che aveva subito in passato, poi all'improvviso mi ha baciata. Io all'inizio l'ho respinto: era troppo presto. Ma abbiamo continuato a sentirci».

Il ragazzo, suo coetaneo, non ha desistito e ha continuato a contattarla finché non si è presentato a casa sua per farle una sorpresa: «Io non mi aspettavo di trovarlo lì, mi ha sorpresa ma m'ha fatto piacere ricevere queste sue attenzioni. Così quel giorno ci siamo messi insieme. Non sapevo però in che guaio mi stessi cacciando». I due si vedevano una volta a settimana, all'inizio tutto bene finché lui non ha iniziato a imporle di non truccarsi più, di non andare in palestra, di non vedere le sue amiche e di informarlo su tutti i suoi spostamenti. «Non potevo fare più niente senza che lui ne fosse al corrente. La prima avvisaglia l'ho avuta dopo poco più di un mese: gli avevo detto che avrei staccato il telefono per alcune ore e lui ha dato di matto. Nonostante l'avessi avvisato mi ha chiamata centinaia di volte, senza riuscire a contattarmi così ha chiamato le mie amiche e mia madre. Io mi sono molto arrabbiata ma lui si è giustificato dicendo che era preoccupato per me, pensava mi fosse successo qualcosa di brutto. Così l'ho perdonato».

I suoi atteggiamenti soffocanti sono peggiorati con il passare del tempo e dalla violenza psicologica è passato ad imporle di fare “cose spinte” che lei non voleva fare. Ma Anna acconsentiva perché lo amava: «La mia famiglia era preoccupata, non mi riconosceva più. A far suonare il campanello d'allarme è stata una mia amica, stavo cambiando e non me ne ero accorta. Ma a farmi riflettere davvero è stato mio papà che pieno di preoccupazione mi ha parlato con il cuore in mano e mi ha fatto ragionare: sono stata ingenua, forse, però ho capito che non meritavo tutto questo. Quella sera stessa l'ho chiamato per dirgli che era finita e di tutta risposta ho ricevuto un no secco - “Tu non hai nessun diritto di decidere! - mi ha urlato contro. Io ero scioccata, non mi aspettavo questa reazione. Ma pensavo di poterlo cambiare, di poterlo aiutare».

A salvare Anna ci hanno pensato i suoi genitori, ma una grande mano gliel'ha data la sorte: il ragazzo poco tempo dopo si è trasferito di nuovo e i due non si sono più visti. Anna ha canalizzato quel dolore e l'ha esorcizzato con la scrittura: «Tutta quella rabbia, quella paura l'ho buttata su un foglio. Ho iniziato a scrivere poesie. Solo così mi sentivo bene e sputavo fuori tutto ciò che provavo». Da lì la decisione di parlarne a scuola: «Voglio aiutare le altre ragazze che hanno vissuto il mio stesso incubo». Una testimonianza, quella di Anna che vuole e deve far riflettere proprio oggi, 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. «L'unico modo per combattere tutto questo è quello di metterci la faccia. Bisogna avere la forza di ribellarsi, di parlarne: solo così si può spezzare la catena di violenza, perché un uomo che maltratta una donna non è un uomo che la ama. La violenza, di qualsiasi tipo, non è mai amore. Mai».

Ecco una delle sue poesie:

Abbraccio

Abbraccio caldo di un cuore freddo,
Ti ho stretto a me per non farti crollare,
Mi hai stretta a te per non farmi fuggire,
Hai stretto forte, mi fai male, non ti importa.
Abbraccio stretto,
Abbraccio di serpe,
Abbraccio,
abbraccio mortale,
Soffoco tra le tue braccia,
Annego tra le tue grida di parole velenose.
Togli il fiato ma non per lo stupore
Mani sul collo, sarebbero poco diverse
A stringere, a stringere.
Abbraccio,
Tra le tue braccia io sparisco
Tra le tue braccia io ci muoio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Coralli nei fondali di Monopoli, ecco le nuove immagini: è il primo caso nel Mediterraneo

Coralli nei fondali di Monopoli, ecco le nuove immagini: è il primo caso nel Mediterraneo

 
Emiliano a Carpino per inaugurare nuovo ponte dopo dissesto idrogeologico

Emiliano a Carpino per inaugurare nuovo ponte dopo dissesto idrogeologico

 
Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

Melfi, Salvini a contestatori: «Siete 10 sfigati, partigiani si rivolterebbero nella tomba»

 
Van Gogh Experience: a Lecce con la realtà virtuale si «entra» nei quadri dell'artista

Van Gogh Experience: a Lecce con la realtà virtuale si «entra» nei quadri dell'artista

 
«Da che mondo è mondo», da Brindisi Maggiore, autoprodotto, canta il mare e la felicità

«Da che mondo è mondo», da Brindisi Maggiore, autoprodotto, canta il mare e la felicità

 
Berlusconi in Basilicata: «Impossibile che qui non ci sia aeroporto»

Berlusconi in Basilicata: «Impossibile che non ci sia aeroporto». «Hai fiducia in Governo? Sei un cogl***e»

 
Sciopero clima, da Bari a Taranto un solo slogan: ci avete rotto i polmoni

Sciopero clima, da Bari Taranto Lecce e Potenza un solo slogan: «ci avete rotto i polmoni»

 
Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

Potenza, sfondano una gioielleria a colpi di martello: ladri in fuga

 
Terlizzi, rubarono ad anziano auto con cane: Chicco è stato ritrovato

Terlizzi, rubarono ad anziano auto con cane a bordo: Chicco è tornato a casa

 
Taranto, intercettazioni Tamburrano

Taranto, intercettazioni Tamburrano