Martedì 11 Agosto 2020 | 12:16

NEWS DALLA SEZIONE

L'INTERVISTA
Diodato, canto un'altra estate

Diodato, canto «Un'altra estate» per dare senso a ciò che vale

 
nel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
l'intervista
Fatoumata Diawara al Locus Festival: «Nella mia musica l'invito a non dimenticare le minoranze»

Fatoumata Diawara al Locus Festival: «Nella mia musica l'invito a non dimenticare le minoranze»

 
nuove uscite
«Luce»: la band salentina Il Purgatorio di Tom e il loro messaggio di speranza in musica

«Luce»: la band salentina Il Purgatorio di Tom e il loro messaggio di speranza in musica

 
MUSICA
L’anima della musica dalla Scala a Molfetta

L’anima della musica dalla Scala a Molfetta

 
musica
«Vieni via con me», il nuovo singolo del pugliese 21 Graffi, scritto durante il lockdown

«Vieni via con me», il nuovo singolo del pugliese 21 Graffi, scritto durante il lockdown

 
MUSICA
Il Bari Piano Festival

Il Bari Piano Festival tra virtuosi, talenti e sinergie col Bif&st

 
nuove uscite
«Anche l'ozio vuole la sua partner»: l'amore cantato dal tarantino Gregucci

«Anche l'ozio vuole la sua partner»: l'amore cantato dal tarantino Gregucci

 
6 e 9 agosto
Daniela Mastandrea porta in tour i suoi «Mondi Paralleli»: appuntamento a Fasano e Martina Franca

Daniela Mastandrea porta in tour i suoi «Mondi Paralleli»: appuntamento a Fasano e Martina Franca

 
MUSICA
A Bari in jazz il pianoforte di Omar Sosa

A Bari in Jazz il pianoforte di Omar Sosa

 
solidarietà
«Purple Rain the Rainbow Project»: il progetto benefico a sostegno dell'ospedale di Forlì

«Purple Rain the Rainbow Project»: il progetto benefico a sostegno dell'ospedale di Forlì

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccel'iniziativa
Benessere e fisioterapia, un «mare» di solidarietà

Benessere e fisioterapia, l'Ordine dei Medici supporta il progetto «Il mare di tutti»

 
BatIL RACCONTO
Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

Nella Murgia di notte fino all'alba con Federico

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
Tarantonel Tarantino
«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

«Combustioni Sonore»: a Manduria la musica non si ferma

 
FoggiaRIQUALIFICAZIONE
San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

San Severo, immobili confiscati alle cosche mafiose destinati al Comune

 
BariLA TRAGEDIA
Ruvo, malore fatale in spiaggia per un 82enne

Specchiarica, malore fatale in spiaggia per un 82enne di Ruvo di Puglia

 
MateraCovid 19
Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

Coronavirus, altri 2 migranti positivi dal Materano a Roma

 

i più letti

rassegna

Valle d'Itria, il «Viva Festival» ai nastri di partenza

Esclusiva collaborazione fra 72-Hour Post Fight e il rapper Massimo Pericolo

Locorotondo, il «Viva Festival» ai nastri di partenza

La Valle d’Itria è senza dubbio uno dei territori che sta rispondendo con maggior vigore e coraggio all’emergenza Covid, uno stato di allerta che ha colpito duramente il settore dello spettacolo dal vivo e della cultura. A fare da baluardo verso un’impostazione contemporanea e di alto profilo nella proposta artistica si conferma il «Viva! Festival», la manifestazione giunta alla quarta edizione con base operativa a Locorotondo. Anche per l’edizione 2020 resta centrale l’attitudine alla realizzazione di un cartellone coerente e di taglio assolutamente moderno.

Il Viva! riparte dalla propria identità, tracciando un percorso avventuroso attraverso le maglie dell’innovazione: da Populous a Jolly Mare, da Sanja Markovic ai Dining Rooms, passando per il nuovo progetto Afrocosmico di Nicola Conte e l’esclusiva collaborazione fra 72-Hour Post Fight e il rapper Massimo Pericolo, la rassegna curata dalla società pugliese Turnè e l’associazione Xplosiva (che organizza il noto C2C Festival a Torino) segna un nuovo traguardo nella sua ardita ricerca sonora.

Ma la quarta edizione, da poco ufficializzata dal 6 al 9 agosto, è stata in bilico per settimana, come ci racconta il direttore artistico Ninni Laterza: «A gennaio avevamo completato un programma colmo di artisti internazionali, provenienti principalmente da Stati Uniti ed Europa, ma l’emergenza Covid ha costretto alla cancellazione di tutte le tournée e noi ci siamo travati davanti a un bivio. Abbiamo quindi deciso di confermare il Viva!, nonostante tutti i problemi di distanziamento sociale che riducono sensibilmente la capienza delle location e gli introiti da botteghino. Il nostro intento è stato quello di mettere in risalto le eccellenze regionali e nazionali, perché crediamo davvero che ci siano artisti con capacità equivalenti a quelle di altre star internazionali. Volevamo dare un palcoscenico di risalto a una scena oggi in grave crisi. Per noi si tratta di una scelta fondamentale e determinante, una scelta soprattutto di responsabilità».

Accanto alla musica, il Viva! prosegue anche nelle sue attività di formazione del pubblico, organizzando una no-stop di concerti, dj-set, incontri e talk su tutto ciò che riguarda la musica dei nostri giorni. A fare da complemento essenziale saranno le bellezze paesaggistiche e architettoniche della Valle D’Itria, che non fungeranno da mera cornice agli eventi ma saranno parte delle performance audiovisive. Locorotondo e la Valle D’Itria rappresentano infatti elementi essenziali per la scelta di Audi di supportare il festival e le sue scelte di diffusione culturale.

«Negli anni Viva! Festival ha sempre inserito nel programma artistico tanti (e nuovi) nomi del panorama internazionale - racconta Sergio Ricciardone, direttore artistico dell’evento pugliese e del C2C torinese - L’emergenza Covid-19 ha però spinto il festival verso un doppio binario programmatico: da un lato il forte spirito di responsabilità, che in questi mesi accomuna il mondo produttivo planetario e in particolare l’ambito dello spettacolo dal vivo. Dall’altro crediamo nel coraggio necessario per continuare la ricerca verso i suoni del contemporaneo, verso l’incontro fra analogico e digitale e verso l’imprescindibile rivendicazione dell’identità del nostro tempo, a supporto delle scene locali e di quella nazionale indipendente».
Il cartellone completo sarà svelato nei prossimi giorni e promette come sempre momenti importanti anche negli incontri pomeridiani e nei dj-set dell’alba.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie