Martedì 19 Febbraio 2019 | 07:17

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Lettere alla Gazzetta

L'ospedale di Putignano tra i migliori in Puglia

Caro Presidente Emiliano, non ci sono riusciti i politici, che negli ultimi venti anni hanno scaldato le sedie della regione Puglia, hanno eliminato reparti, ne hanno depotenziati altri, hanno dimezzato il numero dei primari, hanno fatto scarsa manutenzione, hanno fatto mancare anche la carta igienica, ma l’ospedale di Putignano è ancora lì.
Con i suoi numeri, con le sue recensioni positive ed adesso anche con “Programma nazionale «Esiti», studio sulla qualità della Sanità pugliese” dove è tra i primi il santa Maria degli Angeli di Putignano, mentre quello di Monopoli che dovrebbe «assorbire», «accorpare» quello di Putignano, viene classificato quasi tra quelli da chiudere o da mandare nel piano di rientro, in quanto con livelli di qualità classificati basso o molto basso per più del 33%.
Vogliamo parlare anche della centralità di Putignano che potrebbe, con la creazione di un unico nosocomio con l’altro eccellente ospedale IRRCS di Castellana (distante circa 3 km.), servire circa 200.000 cittadini con livelli di eccellenza. Ed i reparti smantellati, la mancanza di primari, di Rianimazione, sono tutte misure politiche assurde di chi l’ha preceduta in Regione Puglia caro Presidente Emiliano.
Pensavamo che la sua elezione potesse troncare quella politica che porta servizi e benefici ai paesi o città dei singoli consiglieri, assessori e non dove tali servizi seguano un criterio di meritorietà.
Probabilmente è stata la mancanza di tempo a sua disposizione, la delega a funzionari burocrati o ad assessori inesperti nel settore a non permetterle una valutazione sulla meritorietà dei vari nosocomi e le aggiungo che l’ospedale di Putignano, che ancora oggi viene ritenuto tra i migliori da organismi esterni è anche peggiorato negli ultimi dieci anni per le scelte dissennate e punitive subite nel corso degli anni.
Non è campanilismo, ma è giustizia che viene chiesta, tutto a favore dei cittadini che continuerebbero ad avere una assistenza migliore senza dover fare anche settanta chilometri visti i tanti nosocomi intoccabili nella città di Bari ed ai quali per determinate patologie bisognerà rivolgersi sempre più.
Cosa vuole Presidente, che si venga in mille sotto la sede della Regione Puglia per far sentire che siamo tanti a chiederlo, siamo persone civili, siamo gente che lavora e non ha tempo da togliere alle proprie famiglie, al proprio lavoro, le chiediamo solo, prenda le carte in mano e si accorgerà che la soluzione di un ospedale Putignano-Castellana sarebbe la migliore per soddisfare le aspettative di buona sanità di 200.000 cittadini del sud barese.

Leo Gianfrate, Putignano (Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400