Martedì 25 Febbraio 2020 | 04:33

Il Biancorosso

Calcio
Cavese-Bari: la diretta della partita

Bari, solo un punto con la Cavese

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantotragedia sfiorata
Taranto Mittal, incendio divampa in Colata, il video inviato a Patuanelli

Taranto Mittal, incendio divampa in Colata, il video inviato a Patuanelli

 
BatL'appuntamento
Barletta, tutto pronto per la «Disfida della sicurezza»

Barletta, tutto pronto per la «Disfida della sicurezza»

 
BariIl rientro
Terremoto Albania, dimessi i due pazienti curati a Bari

Terremoto Albania, dimessi i due pazienti curati a Bari

 
PotenzaIl caso
Coronavirus: da Milano a Potenza, allontanato avvocato dal Tribunale

Coronavirus: da Milano a Potenza, allontanato avvocato dal Tribunale

 
FoggiaL'incendio nel Foggiano
Borgo Mezzanone, scoppia rogo in baraccopoli: nessun ferito

Borgo Mezzanone, scoppia rogo in baraccopoli: nessun ferito

 
BrindisiLa riserva
Palle verdi, alghe rosse e foglie nere: Torre Guaceto e... i «doni» del mare:

Palle verdi, alghe rosse e foglie nere: Torre Guaceto e... i «doni» del mare

 
LecceI controlli
Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

 

i più letti

Lettera alla Gazzetta

Forse sarà bene acquistare un libro di grammatica

Grandi e gravi errori linguistici come “aquisto”, “disciendente”, “rattopo” o “sono stato invitato a un’evento” sono emersi nelle risposte scritte per ingaggiare nuove maestre in Veneto, tanto da costringere gli esaminatori a bocciare oltre il 50% dei partecipanti al concorso. Stiamo parlando di errori che molto spesso sono corretti ai bambini delle scuole elementari, le stesse in cui queste maestre sarebbero dovute andare a insegnare. Alcuni dei bocciati hanno persino aperto dei gruppi facebook prendendo di mira i commissari, tacciandoli di essere stati troppo severi. Le elementari sono le prime classi dove i bambini iniziano a imparare i principi fondamentali della lingua italiana, ossia le basi per conoscere quella grammatica che servirà loro per tutta la vita. La cosa che rattrista di più è che il requisito di ammissione al concorso era la laurea in Scienze della formazione o il diploma magistrale. Certamente bisogna trovare il modo per rattopare la cosa, altrimenti rimarrà un’evento senza soluzione, forse sarà bere acquistare un bel libro di grammatica. Non scholae sed vitae discimus.

Carmelo Costanzo, Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie