Domenica 24 Gennaio 2021 | 16:56

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, oggi (ore 15) al San Nicola derby col Francavilla: Auteri pretende punti e gioco

Bari calcio, oggi (ore 15) al San Nicola derby col Francavilla: Auteri pretende punti e gioco

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiaquesta mattina
Foggia, provoca incidente e fugge senza soccorrere feriti: «pirata» della strada rintracciato dalla Polizia locale

Foggia, provoca incidente e fugge senza soccorrere feriti: «pirata» della strada rintracciato dalla Polizia locale

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
Tarantocontrolli della ps
Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
BrindisiControlli dei CC
Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

La scuola non può essere spietata

Sulla «Gazzetta» del 23 novembre il signor Maselli «lancia la pietra e nasconde la mano», affermando che la scuola non deve vergognarsi di essere severa e, poi, passa oltre come se tale affermazione fosse ovvia, non contestabile. Non sono, assolutamente, d’accordo. Di quale severità stiamo parlando? Di ragazzi da bocciare a più non posso, prescindendo dai fini educativi?
Ho vissuto una vita nella scuola e per la scuola, e per aver bocciato un ragazzo come commissario esterno agli esami di maturità (determinante fu il mio voto, espresso per ultimo) sento ancora il senso di colpa. Quale diritto abbiamo su ragazzi a cui, dopo aver dato un diploma (o una laurea), diciamo «adesso vedetevela voi e non seccateci più».
Li abbandoniamo a se stessi e a quelli peggiori di noi, alle politiche di chi pensa solo a salvaguardare le proprie posizioni, i propri privilegi, a lucrare sulle grandi opere, (ma anche sulle piccole se capita!), senza lungimiranze, altruismo, necessità del bene comune. Se un paziente va in ospedale lo si tenta di guarire. Nella scuola il paziente è l’allievo. I «medici» devono far il massimo per salvarlo, senza illuderlo, certo, restituendo alla società una persona che non rischierà di diventare “mafioso», ma educato, formato, appunto.

Prof. Antonio Ingravallo, Mola di Bari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie