Martedì 22 Gennaio 2019 | 10:11

LETTERE ALLA GAZZETTA

Non vogliono capire che l’Isis ha dichiarato guerra

La strage in un club gay di Orlando è la peggiore carneficina degli Stati Uniti. Un atto di terrore e di odio, rivendicato ancora una volta dall’Isis. È l’Isis l’ago della bilancia degli equilibri democratici mondiali. Un ago velenoso, violento, impazzito.
Ormai è dappertutto, questo gruppo terroristico islamista. Ficca gli artigli in ogni nazione, nei luoghi più disparati, nelle anime di migliaia di innocenti.
Fino a oggi le diplomazie internazionali non sono riuscite ad acciuffare le menti strategiche, le quali diffondono la paura con calcolato rigore.
L’Isis definisce se stesso come Stato e non come gruppo. Usa metodi violenti e combatte ormai da tempo anche sul fronte occidentale, senza risparmiare niente e nessuno.
Si chiama guerra. Temo che qualcuno - detto senza spazientire i soloni della politica - non l’abbia ancora capito.

Fabio Sìcari, Bergamo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400