Venerdì 22 Febbraio 2019 | 13:48

NEWS DALLE PROVINCE

HomeIn vista del 24 marzo
Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

 
HomeSalute femminile
Acquaviva, l'ospedale Miulli "in Rosa": porte aperte per visite gratuite e consulti

Acquaviva, l'ospedale Miulli "in Rosa": porte aperte per visite gratuite e consulti

 
TarantoL'arresto
Bancarotta fraudolenta, ai domiciliari un imprenditore tarantino

Bancarotta fraudolenta, ai domiciliari un imprenditore tarantino

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
HomeLa scoperta della Gdf
Lecce, maxi frode fiscale di oltre 12 mln con gli imballaggi: 3 arresti

Lecce, maxi frode fiscale da 14 mln: 3 arresti, tra cui noto imprenditore di Presicce VD

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

LETTERE ALLA GAZZETTA

La Costituzione e i suoi giovani riformatori

I 70 anni di Repubblica con una parata nella quale, per dichiarate questioni di sobrietà, non hanno sfilato i mezzi. A partire dal 1992 è in atto la svendita della nazione, si sono fatti fuori di tutto chiamando questa operazione privatizzazione. Dunque i mezzi militari sono ancora in dotazione alle forze armate o ci siamo venduti, a peso, pure quelli? Come ipotesi alternativa, viste le difficoltà che hanno le forze dell'ordine nel trovare i fondi per la benzina o per le riparazioni, può essere che i mezzi siano rimasti nei garage perché a secco?
Ormai il numero di elettori superstiti che votarono per quel referendum e per quella assemblea costituente è sempre più esiguo. Sempre meno persone che a posteriori ora potrebbero dire se quelle scelte siano state sagge o meno, in grado di valutare gli effetti di quanto deciso allora.
Nessuno tra coloro che hanno votato allora è stato chiamato in causa per esprimere una opinione in merito ai cambiamenti che qualcuno vorrebbe apportare alla Carta. Proprio la stessa Carta che in extremis venne privata di un articolo che ai giorni nostri sarebbe quanto mai attuale: il diritto alla insurrezione contro un governo illegittimo, lo stesso diritto che è stato alla base della tanto osannata resistenza partigiana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400