Mercoledì 16 Ottobre 2019 | 06:43

NEWS DALLA SEZIONE

Diritto a una migliore qualità di vita
Tumore al seno, «Guernica» di Turrini vincitore del contest a sostegno delle donne

Tumore al seno, «Guernica» di Turrini vincitore del contest a sostegno delle donne

 
La musica come metafora
B-Side (foto da www.emofiliabside.it)

B-Side, la faccia «pop-rock» dell'emofilia

 
LA CAMPAGNA
Tumore del polmone

Bari, tumore polmone: all'Oncologico prima tappa nuova narrativa della malattia

 
Si adattano alla disponibilità di ossigeno
Cellula, cellule

La cellula, respira, come? Ed è subito Nobel

 
Di rigore a partire dai 50 anni
Vaccinazioni in età adulta scelta vincente

Vaccinazioni in età adulta scelta vincente

 
4 OTTOBRE
Sorriso, denti

Giornata mondiale del sorriso

 
OSSERVATORIO «STORIE DAL FUTURO» DI ASSOBIOTEC-FEDERCHIMICA
Media e social parlano di biotecnologie

Media e social parlano di biotecnologie

 
Cambiamento culturale
Disbertologo nuovo: certificato esperto per prendersi cura la meglio del diabetico

Diabetologo nuovo: certificato esperto per prendersi cura la meglio del diabetico

 
Appello degli infettivologi italiani
Urgente fare educazione sanitaria nelle scuole

Urgente fare educazione sanitaria nelle scuole

 

Il Biancorosso

Lega pro
Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantonel tarantino
Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

 
Barisanità
Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

 
Materamorirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 
Brindisinel Brindisino
Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

 
Leccenel Leccese
Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

 
Foggianel foggiano
San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

 
Batl'iniziativa
«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

 
PotenzaI dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 

i più letti

L'ESEMPIO DELLA REGIONE TOSCANA

Sepsi ovvero infezione diffusa

Italia maglia nera in Europa: 34.000 morti l'anno

Salute & Benessere

Nicola Simonetti

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

Sepsi ovvero infezione diffusa

La sepsi è causata da una risposta sregolata a un’infezione da parte del sistema immunitario che, invece di reagire contro i microorganismi invasori, attacca l’organismo stesso, danneggiando anche organi e tessuti che non sono sede dell’infezione primaria. Si tratta di una grave complicazione che mette in pericolo la vita nell’arco di poche ore. Per questa ragione la si può definire come una patologia tempo-dipendente, al pari dell’ictus o dell’infarto miocardico, ed impone una risposta sanitaria rapida che presuppone una diagnosi altrettanto tempestiva e soprattutto accurata.

Il fattore tempo e il ruolo della microbiologia sono fondamentali per un’adeguata risposta sanitaria che deve essere interdisciplinare e integrata. La sepsi causa in Italia oltre 15.000 casi e circa 34.000 morti l’anno. In occasione della Giornata Mondiale della Sepsi, la Toscana prende l’iniziativa con un piano operativo che fa scuola: un lavoro di squadra frutto del contributo di professionisti di diversa estrazione, con il coordinamento del Centro Regionale di Gestione del Rischio Clinico e dell’Agenzia Regionale di Sanità. Call to Action, il documento di indirizzo della Regione Toscana per la lotta alla sepsi. Secondo la Global SepsisAlliance la sepsi colpisce ogni anno nel mondo tra i 27 e i 30 milioni di persone, e ne uccide 7-9 milioni. “Questa patologia – dice Fabrizio Gemmi, coordinatore Osservatorio Qualità e Equità ARS Toscana – riguarda circa l’1,8 per cento dei pazienti ricoverati in Toscana, con un’incidenza pari a 261 pazienti ogni 100.000 abitanti”.

Nei sopravvissuti, la sepsi può lasciare importanti sequele. “La casistica toscana mostra come un paziente su cinque, ospedalizzato per sepsi, necessiti di un nuovo ricovero entro un mese dalla sua dimissione - afferma Sabino Scolletta, direttore UOC Rianimazione e Medicina Critica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria, Siena - circa il 50% dei pazienti ha un recupero funzionale più o meno completo; Il 30% spesso non sopravvive nei successivi 12 mesi e, il restante 20% può presentare gravi disturbi che includono importanti limitazioni quotidiane funzionali e cognitive. Proprio per il fatto che il rischio sepsi è multifattoriale, il principio ispiratore di fondo del nostro documento d’indirizzo Call to Action è stato quello di promuovere la consapevolezza del problema in tutti i settori del Servizi Sanitari coinvolti, dai consultori all’emergenza territoriale e alla medicina di base”.

“Occorre poi fare in modo – aggiunge – ha dichiarato Giulio Toccafondi, Centro Gestione Rischio Clinico e Sicurezza del Paziente, Regione Toscana - che, una volta identificato un caso di sepsi le risorse del sistema sanitario operino in sinergia e in modo integrato, attraverso il concorso di più professionisti, che si ritrovino intorno al letto del paziente, superando l’abituale routine del singolo reparto”. Centrale è anche il ruolo dei Laboratori e della Microbiologia. “L’emocoltura è l’indagine microbiologica fondamentale per identificare i batteri eventualmente presenti nel sangue.

Per un orientamento diagnostico rapido esistono inoltre biomarcatori e, oggi, sono disponibili metodiche di microbiologia rapida (“fast microbiology”), che accorciano notevolmente i tempi della diagnosi e consentono di identificare i batteri in attesa dell’esito dell’emocoltura, verificando se siano portatori di resistenza nei confronti degli antibiotici di maggiore impiego. Informazione, quest’ultima, estremamente preziosa perché, in attesa dell’antibiogramma, consente di definire la corretta e personalizzata terapia antibiotica, la cui precocità è determinante per la prognosi” (prof. Gian Maria Rossolini, università, Firenze).

In sintesi si può affermare che:

 • circa il 70% delle decisioni cliniche sono guidate da esami di laboratorio: per questa ragione è molto importante poter contare su risultati affidabili, rapidi e di alta qualità

 • gli esami microbiologici eseguiti tempestivamente e senza margine di errore sono fondamentali per individuare una terapia mirata, migliorando le possibilità di guarigione del paziente e riducendo il rischio di un uso inappropriato degli antibiotici

 • se i laboratori di microbiologia non rispondono ai migliori standard organizzativi e tecnologici disponibili, i risultati possono non essere affidabili mettendo a rischio l’inizio di una corretta terapia

 • per garantire che i laboratori rispondano agli standard di qualità necessari bisogna puntare sulla riorganizzazione dei laboratori in modo da utilizzare al meglio le più avanzate tecnologie diagnostiche all’interno di processi nuovi e migliorati; in questo senso l’automazione può rappresentare un vantaggio, garantendo la completa tracciabilità dei campioni, dall’accettazione fino al referto finale e una semplificazione di processi complessi, con tempi di risposta più rapidi

Nell’ultimo report pubblicato, relativo al 2018 (scaricabile dal link http://www.giviti.marionegri.it/), sono raccolti i dati dei 37.926 pazienti ricoverati nei 118 reparti di terapia intensiva che hanno aderito al progetto: di questi 12.609 hanno sviluppato infezioni, nel 19,6% dei casi senza sepsi, nel 51,4% complicata da sepsi e nel restante 29% da shock settico.

La mortalità in terapia intensiva per sepsi e shock settico è stata rispettivamente del 18,4% e del 46,1%. Lo sforzo della Regione Toscana è quello di creare un Osservatorio della Sepsi con i dati ricavati dalle schede di dimissione ospedaliera (SDO) e quindi da tutti i reparti ospedalieri, compilate con una corretta codifica della sepsi e dello shock settico. È perciò fondamentale la creazione da parte dell’Istituto Superiore di Sanità di un Osservatorio Nazionale della Sepsi e dello Shock Settico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie