Sabato 25 Maggio 2019 | 22:53

NEWS DALLA SEZIONE

In aumento nei Paesi occidentali
Morbo di Crohn

Le malattie infiammatorie croniche intestinali

 
Formazione di cisti e noduli dolorosi
Idrosadenite suppurativa (HS) o acne inversa

Acne inversa, malattia infiammatoria cronica della pelle

 
Campagna di prevenzione
Sindrome dell'occhio secco, l'estate peggiora i sintomi

Sindrome dell'occhio secco, l'estate peggiora i sintomi

 
APPELLO DEGLI ORTOPEDICI: “SMETTI DI FUMARE”
Fumo sigaretta

Fumo e ossa, muscoli e tendini nemici giurati

 
Ad essere attaccata è la mielina
Sclerosi multipla - Trattamento orale

Sclerosi multipla - Trattamento orale

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
LecceDopo un raid
Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

 
BrindisiUn 48enne
Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

 
MateraImpianto Intrec
Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

 
BariL'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 

i più letti

La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere

Salute & Benessere

Nicola Simonetti

Nicola Simonetti

Vivere in salute: suggerimenti, risposte, piccoli accorgimenti per gestire la propria giornata, l’umore, l’alimentazione, il ricorso a farmaci, come affrontare al meglio gli impegni di lavoro, di responsabilità, il riposo ed il diporto, l’attività fisica. Inoltre, una finestra aperta sulla ricerca, sulle novità che la medicina ci offre ora e ci riserva e promette per il prossimo futuro.

Rinnovato a Roma, patto tra le forze politiche (tutti i Gruppi) e le 21 associazioni di pazienti oncologici ed onco-ematologici per migliorare la presa in carico dei pazienti oncologici e realizzare il progetto “La salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”. In Italia oltre 3.300.000 (5% della popolazione) persone convivono con un tumore cui, nel 2017, si sono aggiunti 373.000 nuovi casi di cancro.

Nonostante il buon livello del nostro SSN, anche in oncologia, ci sono disparità di trattamento che originano tempi e qualità della prestazione diversi e spesso conflittuali. “Intravedo ora la possibilità di avere con le Istituzioni un dialogo più maturo e fattivo che sappia scardinare – dice A.M. Mancuso, presid. SaluteDonna onlus - certe politiche che ancora oggi, specie in alcune Regioni - rendono arduo il cammino delle persone colpite da tumore”. “L’atto di indirizzo politico – ha detto il sottosegretario Garavaglia - impegnerà il Governo sui 15 punti elencati nell’Accordo, rispecchiando le intenzioni di tutti i soggetti che partecipano al progetto ed aprirà riflessione sugli strumenti utili per assicurare la migliore presa in carico dei pazienti”. “L’attivazione di Reti di patologia nel SSN in ambito Oncologico ed Ematologico – ha detto la prof. Giorgina Specchia direttore ematologia con trapianto del policlinico università di Bari - sta contribuendo ad ottimizzare ed uniformare i percorsi di diagnosi e cura di tutti i pazienti affetti da neoplasie del nostro Paese. Nel 2009 gli ematologi delle 9 UOC di Ematologia della Regione Puglia hanno condiviso la necessità di istituire un “Network organizzativo e Professionale” per individuare le diverse problematiche dell’ematologia regionale, proporre modelli organizzativi specifici nell’ambito della Programmazione Sanitaria Regionale.

La Rete Ematologica Pugliese (REP) fin dall’istituzione (2010) si è proposta come “partner qualificato” delle Istituzioni per ottimizzare le risorse umane e tecnologiche, garantire al paziente ematologico un percorso di cura ottimale ed uniforme su tutto il territorio regionale tenendo conto delle continue acquisizioni scientifiche in campo diagnostico e terapeutico e operare un contrasto alla migrazione sanitaria passiva garantendo una migliore qualità di vita con la famiglia nella sua terra. L’impegno di tutti gli ematologi della REP ha consentito di attuare già molti degli obiettivi, ma anche di collaborare con il territorio interagendo con l’Ordine dei Medici, con gli specialisti di altre discipline come ad esempio con i cardiologi creando un Network di Cardio-Ematologi per lo screening e monitoraggio del rischio-cardiologico soprattutto di alcuni farmaci innovativi e molto efficaci in alcune patologie.

In via di realizzazione, l’ospedalizzazione domiciliare e telemedicina; programmi di terapie domiciliari con il supporto dell’AIL; corsi di formazione specialistica per i giovani ematologi e gli internisti; sito web REP. Ma i propositi e le iniziative funzionano solo se essi si mutano in realizzazioni a favore dei malati per garantire ad ogni paziente la migliore cura oggi disponibile nel mondo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400