Giovedì 19 Settembre 2019 | 10:17

NEWS DALLA SEZIONE

nel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

 
Serie D
Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

 
Nella notte
Foggia, danneggiata auto assessore: terza intimidazione al Comune

Foggia, danneggiata auto assessore: terza intimidazione, disposta tutela

 
L'inchiesta
Foggia, truffa fondi Ue: sequestrati beni, interdetti 5 imprenditori

Foggia, truffa fondi Ue: sequestrati beni, interdetti 5 imprenditori

 
L'inchiesta
Cerignola, olio di semi spacciato per extra vergine: arresti e sequestri in Puglia e Toscana

Cerignola, olio di semi spacciato per extra vergine: arresti e sequestri. «Una ciofeca»

 
Lotta alla droga
Cagnano Varano, spunta piantagione di 100 piante di marijuana: arrestato 56enne

Cagnano Varano, spunta piantagione di 100 piante di marijuana: arrestato 56enne

 
Incidente stradale
San Severo, scontro tra auto e camion su SS16: morto un 60enne

San Severo, scontro tra auto e camion su SS16: morto un 60enne

 
tragedia nel Foggiano
Tremiti, cade dal tetto mentre monta grondaia: muore operaio

Tremiti, cade dal tetto mentre monta grondaia: muore operaio

 
i roghi
Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto

Incendio a lago Salso nel Foggiano, distrutti ettari di canneto. Fiamme anche a Torre Colimena, nel Tarantino

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari non sa vestirsi da Grande: Cornacchini all'ultimo esame

Il Bari non sa vestirsi da Grande: Cornacchini all'ultimo esame

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggianel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
BariL'inchiesta
Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

Carbonara, medici in trincea. Lo sfogo del direttore: «Nessuna regola, tante aggressioni»

 
PotenzaTragedia sfiorata
Potenza, in fiamme bus pieno di studenti: tutti illesi, danni a 3 auto

Potenza, in fiamme bus pieno di studenti: tutti illesi, danni a 3 auto

 
LecceTragedia sfiorata
Melendugno, piccolo aereo atterra su muretto a secco: 2 feriti

Melendugno, piccolo aereo si schianta contro muretto a secco: 2 feriti

 
TarantoL'operazione
Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

Taranto, Polstrada scopre officina abusiva a Lama: sanzioni e sequestri

 
BatNordbarese
Scontro treni Ferrotramviaria: Tribunale rigetta patteggiamento capostazione

Scontro treni Ferrotramviaria: Tribunale rigetta patteggiamento capostazione

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 
MateraPreso dai Cc
Tito, ai domiciliari ma spacciava: n cella un 49enne

Tito, ai domiciliari ma spacciava: in cella un 49enne

 

i più letti

7 arresti

Nel mirino poste e gioiellerie: così agiva la banda nel Foggiano

C'è la Società Foggiana dietro le rapine. Procuratore Vaccaro: «Impoverisce il territorio»

Due esponenti di spicco della Società Foggiana avevano costituito, insieme a due sanseveresi, una banda per rapinare gioiellerie e uffici postali in città e in provincia. Per questo sette persone sono state arrestate dai Carabinieri all’alba nell’operazione 'Gold Rush', in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Foggia. Alessandro Aprile, 35 anni, è già detenuto e finiscono in carcere anche Giuseppe Spiritoso, 62 anni, Arnaldo Sardella di 33 e Nazario Carovilla di 34; arresti domiciliari per i fratelli Giuseppe e Domenico Aprile, di 31 e 38 anni, e per Alessio Piemontese di 35. Sono tutti accusati a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata a rapine, ricettazione ed estorsioni.
Alessandro Aprile e Giuseppe Spiritoso sono considerati dagli inquirenti elementi di spicco del clan «Sinesi-Francavilla». Inoltre Alessandro Aprile, Nazario Carovilla e Arnaldo Sardella, sfruttando il supporto logistico dei fratelli Giuseppe e Domenico Aprile, sono ritenuti responsabili della rapina del 28 gennaio 2018 alla gioielleria Follie d’Oro al centro commerciale Antica Fornace di Lucera, che fruttò circa 392mila euro.

Alessandro Aprile e Arnaldo Sardella sono accusati anche di aver cercato di estorcere soldi a un testimone che li ha notati a bordo di una Bmw X6, pronti a una rapina nell’ufficio postale di San Paolo in Civitate (Foggia) che però poi non hanno compiuto: secondo gli investigatori, dal testimone pretendevano una sorta di risarcimento per il «mancato guadagno». Per i carabinieri la banda, capeggiata da Alessandro Aprile, aveva già pianificato per Natale un’altra rapina, alla gioielleria Ciletti di Foggia, che fallì per la massiccia presenza di carabinieri nella zona. Emblematica una intercettazione telefonica tra due degli indagati: «Vedi come stanno pattugliando l’ira di Dio. Sta il bordello». L’episodio non è tuttavia contestato dal Gip nell’ordinanza.

«Ci troviamo di fronte a un gruppo di persone che sta impoverendo questo territorio». Così il procuratore capo di Foggia, Ludovico Vaccaro, commenta lo smantellamento della banda della Società Foggiana dedita a rapine ed estorsioni, con l’operazione Gold Rush dei Carabinieri che ha portato all’arresto di sette persone.
«Continuiamo a tenere altissima la soglia d’attenzione - sottolinea - sia dal punto di vista investigativo che repressivo. Interveniamo in maniera forte sul piano cautelare». Ma secondo Vaccaro in provincia di Foggia occorre qualcosa in più: «La criminalità si combatte con la repressione ma anche creando le condizioni di una collettività diversa. La sensazione è che questo territorio sia povero: non ci sono iniziative che lo migliorino». Il procuratore capo lancia una sorta di appello: "Questo territorio deve avviare un processo di sviluppo economico sociale e culturale e creare nuove opportunità».
Per il procuratore aggiunto Antonio Laronga questa è stata una «indagine da manuale. Oggi possiamo essere più tranquilli perché siamo riusciti a estirpare un gruppo pericolosissimo dal nostro territorio. Una operazione - conclude - che mette in evidenza collegamenti tra la criminalità organizzata dell’Alto Tavoliere e la Società Foggiana».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie