Martedì 09 Agosto 2022 | 09:16

In Puglia e Basilicata

industria

Bozza Decreto «aiuti bis»: fino a 1 miliardo per sostenere l'Ilva. Rimandato incontro in Regione Puglia

Ilva

Per salvare l’azienda viene autorizzata la possibilità di sottoscrivere aumenti di capitale fino ad un miliardo di euro

04 Agosto 2022

Redazione online

TARANTO - Per salvare l’Ilva viene autorizzata la possibilità di sottoscrivere aumenti di capitale fino ad un miliardo di euro. Lo prevede una nuova bozza, ancora soggetta a modifiche, del decreto aiuti bis. Nell’articolo contenente misure urgenti per il sostegno alla siderurgia, non si fa esplicito riferimento all’Ilva, ma si autorizza Invitalia a "sottoscrivere aumenti di capitale o diversi strumenti, comunque idonei al rafforzamento patrimoniale, anche nella forma di finanziamento soci in conto aumento di capitale, ulteriori rispetto a quelli previsti ai precedenti periodi» e fino ad un importo non superiore a un miliardo di euro.

E’ stato annullato l’incontro sul futuro di Acciaierie d’Italia previsto domani a Taranto, con Regione e i sindacati, lo annuncia la Regione. «Non posso non prendere atto - dice il governatore Michele Emiliano - del comunicato a firma di una sigla sindacale invitata all’incontro di domani che esprime una posizione che non prelude alla migliore discussione. L’incontro mirava a chiarire le posizioni reciproche tenute finora dalla Regione Puglia e dal Comune di Taranto nel confronto col Governo sulla assoluta necessità di rendere concreto e verificabile il processo di decarbonizzazione della fabbrica cosi come proposto dall’azienda e dallo stesso governo Draghi con l’impiego dei finanziamenti Europei del Just Transition Fund. Resta la disponibilità della Regione Puglia a riconvocare la riunione non appena sussisteranno le condizioni per la migliore riuscita della stessa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725