Sabato 17 Aprile 2021 | 08:32

NEWS DALLA SEZIONE

la protesta
Mittal Taranto, presidio al Mise il 22 aprile per operaio licenziato

Mittal Taranto, sciopero e presidio al Mise il 22 aprile per operaio licenziato

 
Nel Tarantino
Ginosa, spiagge ai privati: l'Antitrust contro il Comune

Ginosa, spiagge ai privati: l'Antitrust contro il Comune

 
controlli guardia costiera
Taranto, sequestrati 8 quintali di cozze di dubbia provenienza: due persone denunciate

Taranto, sequestrati 8 quintali di cozze di dubbia provenienza: due denunciati

 
Agricoltura
Primitivo di Manduria, produzione +26% nel 2020 e giro d'affari di 182 mln

Primitivo di Manduria, produzione +26% nel 2020 e giro d'affari di 182 mln

 
controlli della ps
Grottaglie, nascondevano in casa droga ed una pistola giocattolo: arrestati due 21enni

Grottaglie, nascondevano in casa droga ed una pistola giocattolo: arrestati due 21enni

 
La vicenda
Mittal, ministro Orlando incontra operaio licenziato: «Rivoglio il mio lavoro»

Mittal, ministro Orlando incontra operaio licenziato: «Rivoglio il mio lavoro»

 
A Taranto
ArcelorMittal, precipita porta-lance in Acciaieria 2, nessun ferito

ArcelorMittal, precipita porta-lance in Acciaieria 2, nessun ferito

 
Il caso
Taranto, la Procura barese indaga sui lavori del nuovo ospedale

Taranto, la Procura barese indaga sui lavori del nuovo ospedale

 
Il caso
Taranto, pressing su Mittal per il reintegro del dipendente licenziato dopo post su Fb

Taranto, pressing su Mittal per il reintegro del dipendente licenziato dopo post su Fb

 

Il Biancorosso

Serie C
Gli ex di Bari-Palermo: Floriano, il "re" della serie D

Gli ex di Bari-Palermo: Floriano, il «re» della serie D

 

NEWS DALLE PROVINCE

Newsweekl'iniziativa
Bari, infermieri del Di Venere su tute Covid: «DDL ZAN» contro discriminazioni di genere

Bari, infermieri del Di Venere su tute Covid: «DDL ZAN» contro discriminazioni di genere

 
Tarantola protesta
Mittal Taranto, presidio al Mise il 22 aprile per operaio licenziato

Mittal Taranto, sciopero e presidio al Mise il 22 aprile per operaio licenziato

 
Leccel'esposto
Galatina, donna incinta abortisce dopo essere andata in ospedale per controllo e rimandata a casa

Galatina, donna incinta abortisce dopo essere andata in ospedale per controllo e rimandata a casa

 
PotenzaL'intervento
Stellantis di Melfi, il sottosegretario Moles: «No si perda neanche un posto di lavoro»

Stellantis di Melfi, il sottosegretario Moles: «Non si perda neanche un posto di lavoro»

 
Foggiala denuncia
Foggia, assistenza psichiatrica insufficiente nel carcere: uno specialista per poche ore al giorno

Foggia, assistenza psichiatrica insufficiente nel carcere: uno specialista per poche ore al giorno

 
Batla decisione
Popolare Bari, truffa su polizze vita: assolti dipendenti filiale di Barletta

Popolare Bari, truffa su polizze vita: assolti dipendenti filiale di Barletta

 
BasilicataEconomia
Bardi: «Con Recovery Fund ridurre divario fra Nord e Sud»

Bardi: «Con Recovery Fund ridurre divario fra Nord e Sud»

 
Brindisial Perrino
Brindisi, muore povero e solo: la città gli paga il funerale

Brindisi, muore povero e solo: la città gli paga il funerale

 

i più letti

il fatto

Taranto, a Paolo VI lavori fermi e ponteggi eterni: 20 famiglie vivono «ingabbiate»

Case popolari: sospesi gli interventi di manutenzione in viale della Repubblica

Taranto, a Paolo VI lavori fermi e ponteggi «eterni»: 20 famiglie da tempo vivono «ingabbiate»

TARANTO - «Da anni ormai ci sentiamo ingabbiati. In trappola». È questo il filo conduttore, anzi il minimo comune denominatore, degli inquilini delle palazzine di viale della Repubblica. Alcuni tra loro, una ventina di famiglie, hanno ancora le impalcature posizionate sulla facciata per dei lavori di manutenzione che sono stati interrotti. Da almeno tre - quattro anni. Le abitazioni furono costruite poco più di quarant’anni fa e sono di proprietà dell’agenzia regionale per la casa Arca Puglia (ex Iacp). Acronimi a parte, si tratta di case popolari che insistono nel quartiere Paolo VI di Taranto.

Il caso segnalato alla Gazzetta da Giuseppe Miceli, presidente di Ataij (associazione per la tutela e gli interessi degli inquilini e assegnatari di terra jonica), in particolare, riguarda i cosiddetti Canali A e si riferisce ad uno dei tre lotti in cui fu diviso il progetto di manutenzione. In effetti, gli interventi sono stati ultimati nei lotti B e C, ma attendono ancora la conclusione proprio per quel che riguarda il lotto A. E se l’Ataij non solo ha raccolto le istanze dei cittadini ma è andata in pressing sugli uffici, il consigliere comunale del Pd, già presidente della circoscrizione Paolo VI, Emanuele Di Todaro, fa sapere di «aver chiamato, anche di recente, la direzione dell’Arca per porre nuovamente il problema e sbloccare questa situazione». Già, l’agenzia regionale per la casa e l’abitare. E, dal canto loro, dalla sede di Taranto, contattata dalla Gazzetta, si ammette il problema (confermato poi dalle nostre foto), ma al tempo stesso si traccia una linea che consente di nutrire un (cauto) ottimismo.

«In effetti - fanno sapere dagli uffici tecnici di Arca Puglia - gli interventi di manutenzione finanziati anni fa, per quel che riguarda il lotto A non sono stati completati. Detto questo, però, è stata praticamente definita una perizia di variante che, se approvata dalla Regione, ci consentirà di riprendere gli interventi programmati».

Da quel che si apprende, infatti, i lavoro furono sospesi soprattutto in considerazione del fatto che l’azienda aggiudicataria dell’appalto riscontrò la necessità di realizzare una serie di opere inizialmente non previste in fase progettuale. Si tratta di piccoli interventi di cui ci si sarebbe resi conto solo dopo aver allestito le impalcature e i ponteggi davanti e alle spalle di viale della Repubblica. Per questa ragione, è necessario modificare la proposta originaria. In questo senso, un passo è stato compiuto con la definizione della cosiddetta perizia di variante, ma l’ultima parola spetterà agli uffici regionali.

Nel caso in cui ci dovesse essere il via libera, i lavori potrebbero ripartire anche entro la prossima estate, ma con la consapevolezza che il cantiere potrà ripartire «solo rimuovendo - fanno sapere dagli uffici tecnici di Arca Puglia - tutti quegli ostacoli presenti sulle coperture di molte abitazioni e anche rivedendo le esatte perimetrazioni e ridefinendo gli spazi che, in questi anni, si sono creati o sono stati modificati alle spalle di viale della Repubblica».

A proposito di Paolo VI, infine, il Comune di Taranto (entro fine marzo) candiderà un’ampia porzione del territorio a partecipare ai finanziamenti (15 milioni di euro) messi a disposizione dal ministero delle Infrastrutture nell’ambito del programma “Qualità dell’abitare”. Paola d’ordine: rigenerare. Che, in questa zona, è davvero quello che servirebbe.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie