Mercoledì 28 Settembre 2022 | 01:59

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

La decisione

Mittal Taranto, da lunedì stop attività in reparti Laf , zincatura e decapaggio: turni ridotti altrove

Conte: «Mittal chiede 5000 esuberi, inaccettabile». Governo disponibile a discutere immunità

Foto Todaro

I sindacati temono ulteriore riduzione presenze in stabilimento

18 Settembre 2020

Redazione online

TARANTO - ArcelorMittal ha comunicato alle organizzazioni sindacali che da lunedì, nello stabilimento di Taranto, i reparti Laf (Laminatoio a freddo), Zincatura 1 e decapaggio si fermano fino a data da destinarsi e per altri impianti vengono ridotti i turni. Nello specifico il Tna2 (Treno nastri) da 21 turni scenderà a 15 turni settimanali, Fna (Finitura nastri) e Hsl passeranno da 15 a 10 turni settimanali. "Tutto questo - commenta la Fim Cisl - è causato da un calo di ordini che causerà riduzioni di personale a cascata su tutti gli impianti di esercizio e manutenzione».

Allo stato attuale sono impiegati giornalmente circa 4mila dipendenti diretti. I sindacati già nei giorni scorsi avevano paventato l’aumento di un altro migliaio di dipendenti da collocare in cassa integrazione, ma che rientrerebbero comunque nei numeri previsti dalla procedura. Da lunedì scorso è partita infatti la proroga della cassa integrazione Covid chiesta per 9 settimane per un numero massimo di 8.147 dipendenti (l'intera forza-lavoro ad eccezione dei dirigenti).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725