Domenica 13 Giugno 2021 | 17:13

NEWS DALLA SEZIONE

Ladro seriale
Taranto, 22 auto danneggiate in una sola notte per rubare dagli abitacoli: 57enne in carcere

Taranto, 22 auto danneggiate in una sola notte per rubare dagli abitacoli: 57enne in carcere

 
Il confronto
Sud, Letta a Taranto: «Pnrr dia risposte a disuguaglianze»

Sud, Letta: «Pnrr dia risposte a disuguaglianze. L'Italia deve risarcire Taranto»

 
La tragedia
Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

Taranto, infortunio mortale alla foce del Tara

 
la richiesta
Taranto, l’associazione Genitori Tarantini: «Vogliamo parlare con Letta»

Taranto, l'associazione Genitori Tarantini: «Vogliamo parlare con Letta»

 
Dogana
Taranto, sequestrati al porto oltre 3 milioni di mascherine non conformi

Taranto, sequestrati al porto oltre 3 milioni di mascherine non conformi

 
Il progetto
Taranto, a scuola si fa lezione di attualità, dall'immigrazione alla violenza sulle donne

Taranto, a scuola si fa lezione di attualità, dall'immigrazione alla violenza sulle donne

 
La storia
Taranto, Cosimo da Como in bicicletta per l'ambiente

Taranto, Cosimo da Como in bicicletta per l'ambiente

 
Il caso
Taranto, sequestrato laboratorio clandestino per la lavorazione di mitili

Taranto, sequestrato laboratorio clandestino per la lavorazione di mitili

 
Il caso
Ex Ilva e caso Capristo, il gruppo Riva: «noi estranei e danneggiati»

Ex Ilva e caso Capristo, il gruppo Riva: «noi estranei e danneggiati»

 
Il caso
Taranto, sequestrati 14 videopoker non autorizzati nel quartiere Paolo VI

Taranto, sequestrati 14 videopoker non autorizzati nel quartiere Paolo VI

 
ex ilva
Qual è il piano B per Taranto? Le aziende dell'indotto incalzano il Governo

Qual è il piano B per Taranto? Le aziende dell'indotto incalzano il Governo. Carfagna: «Presto tavolo per Cis»

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, De Laurentiis: «Polito è qui per vincere»

Bari, De Laurentiis: «Polito è qui per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaNel Foggiano
Carlantino, il parroco viene trasferito: sindaco protesta e diserta messa S.Antonio

Carlantino, il parroco viene trasferito: sindaco protesta e diserta messa S.Antonio

 
BariPolizia locale
Bari, travolge due motociclisti e scappa: pirata della strada rintracciato a Valenzano

Bari, travolge due motociclisti e scappa: pirata della strada rintracciato a Valenzano

 
PotenzaNel Potentino
Melfi, scritte e atti vandalici contro sede del Pd. Letta su Twitter: «Non ci fermiamo»

Melfi, scritte e atti vandalici contro sede del Pd. Letta su Twitter: «Non ci fermiamo»

 
TarantoLadro seriale
Taranto, 22 auto danneggiate in una sola notte per rubare dagli abitacoli: 57enne in carcere

Taranto, 22 auto danneggiate in una sola notte per rubare dagli abitacoli: 57enne in carcere

 
LecceIl gip: manca la prova
Covid, «Non contagiò paziente in studio»: archiviazione per un medico salentino

Covid, «Non contagiò paziente in studio»: archiviazione per un medico salentino

 
BrindisiIl virus
Covid 19, a Brindisi due casi accertati di variante indiana

Covid 19, a Brindisi due casi accertati di variante indiana

 
Materafelicità
Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

Miglionico, «Felice per la nostra prima unione civile»

 

i più letti

Ambiente

Taranto, in arrivo il «santuario dei delfini» all’isola di San Paolo

Prende quota il progetto di Comune e Jonian Dolphin Conservation di Richard O'Barry

Taranto, santuario dei delfini all’isola di San Paolo

TARANTO - Portare a Taranto, in prossimità dell’isola di San Paolo in Mar Grande, un’area per il “ricovero” dei delfini. È l’idea-progetto su cui stanno lavorando Comune di Taranto e Jonian Dolphin Conservation. Quest’ultima è un’associazione privata che ha fatto della cura e dell’attenzione ai cetacei una sua priorità e da anni organizza affollate escursione al largo, nello Jonio, per portare turisti ed appassionati a scoprire le evoluzioni in mare dei delfini. Che ormai “abitano” costantemente il mare di Taranto, anzi nei giorni del lockdown alcuni esemplari sono stati anche avvistati nel tratto di mare vicinissimo alla città.
Quello cui pensano Comune di Tatanto e Jdc è «un centro di recupero e rieducazione alla libertà dei delfini provenienti da delfinari sparsi per il Mediterraneo e l'Europa». La localizzazione ideale è stata individuata nell’isola di San Paolo, nella rada del Mar Grande di Taranto, poiché lo si ritiene un sito adatto da allestire «secondo le esigenze di questo progetto di respiro internazionale». L’isola appartiene alla Marina militare - come anche la vicina isola di San Pietro - ma il Comune, si spiega, ha avviato un confronto sulla permuta delle aree ancora della Marina, del ministero della Difesa e del Demanio. Obiettivo è quello di «predisporre un percorso condiviso per il trasferimento delle stesse in favore del Comune di Taranto e della collettività».

Per l’assessore all’Ambiente, Francesca Viggiano, «l’idea progettuale alla quale stiamo lavorando, è stata redatta con la finalità di indicare interventi rapidi e concreti secondo scelte sostenibili. Il futuro dell’isola di San Paolo - sottolinea - è da contemperare con ulteriori destinazioni funzionali di un sito ricco di storia, fascino e possibilità». Per il Comune di Taranto, «l’area ricovero dei delfini assume un ruolo centrale per lo sviluppo del territorio non solo in relazione alla protezione della specie amata e dal forte significato identitario e simbolico», il delfino è infatti nello stemma municipale di Taranto, «ma anche perché - rileva ancora il Comune - favorisce la progettazione di iniziative in grado di sostenere ricadute economiche. Un’area ricovero per i delfini può essere considerata come una risorsa fortemente attrattiva, in grado di rispondere ad una particolare tipologia di domanda turistica». Il Comune precisa che l'area non sarà un “luogo di detenzione” per animali a fini ludici o economici ma un centro di studio ed educazione alla sostenibilità ambientale. In particolare si guarda ad «attività di rieducazione degli esemplari ospitati, aumentandone le possibilità di successo del percorso riabilitativo in caso di rilascio».

Oltre a vedere insieme Comune e Jdc, la collaborazione è allargata al Dolphin Project di Richard O’Barry, premio Oscar per il documentario “The cove” e ritenuto simbolo della tutela dei cetacei in libertà, promotore del progetto gemello realizzato nel 2019 a Bali. L’idea di un’area protetta per i delfini si inserisce in un percorso che ha già visto, mesi addietro, l’avvio di Kétos, il Centro Euromediterraneo del mare e dei cetacei ubicato in un palazzo storico della città vecchia, ma che fa soprattutto leva sulla promozione del mare a 360 gradi. Dal rilancio del porto con i nuovi traffici all’economia marittima, dalle crociere alla mitilicoltura, l’amministrazione comunale ritiene infatti che il futuro economico di Taranto sarà sempre più legato al mare e sempre meno all’acciaio, che costituisce, per il Comune, un’attività dalla quale prendere ormai progressivamente le distanze anche per una questione di sostenibilità ambientale. E in linea con questa ritrovata centralità del mare, che si vuole unire ad una nuova immagine della città, sono anche i primi passi per il bando del concorso progettazione finalizzato al recupero di un’area periferica, Porta Napoli, vicina al porto e alla stazione, piena di capannoni abbandonati da anni, e la scelta di inserire la realizzazione di un acquario tra i nuovi progetti del Contratto istituzionale di sviluppo per Taranto a seguito della recente riprogrammazione delle risorse finanziarie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie