Venerdì 25 Settembre 2020 | 11:37

NEWS DALLA SEZIONE

il siderurgico
Mittal Taranto, sicurezza impianti: al via focus sulle criticità

Mittal Taranto, sicurezza impianti: al via focus sulle criticità

 
L'evento
Castellaneta, i segreti dei 100 anni di nonna Angela? Una vita in campagna

Castellaneta, i segreti dei 100 anni di nonna Angela? Una vita in campagna

 
L'annuncio
Covid, sindaco Sava annuncia su Fb: sono positivo e sto in ospedale

Covid, sindaco Sava annuncia su Fb: sono positivo e sto in ospedale

 
Un pregiudicato
Taranto, lancia dal balcone due pistole: in cella 35enne

Taranto, lancia dal balcone due pistole: in cella 35enne

 
la vertenza
Miattal Taranto, stop sciopero di domani: «C'è impegno ministro Patuanelli»

Mittal Taranto, stop sciopero di domani: «C'è impegno ministro Patuanelli»
«Nessun licenziato in Ilva As»

 
il rogo
Taranto, bruciano sterpaglie: incendio divampa vicino ponte Punta Penna

Taranto, bruciano sterpaglie: incendio divampa vicino ponte Punta Penna

 
L'incontro
Mittal Taranto, Patuanelli: «Serve sostenibilità su tutti i fronti»

Mittal Taranto, Patuanelli: «Serve sostenibilità su tutti i fronti»

 
indagini della Ps
Taranto, furti con spaccata: arrestato 28enne «tradito» dai tatuaggi

Taranto, furti con spaccata: arrestato 28enne «tradito» dai tatuaggi

 
L'inchiesta
Castellaneta, fiamme a concessionario per ripicca: «Lavori a un altro fabbro». Tre arresti

Castellaneta, fiamme a concessionario per ripicca: «Lavori a un altro fabbro». Tre arresti

 
L'appello
Taranto, il vescovo a Emiliano: su Ilva la pazienza della gente è finita

Taranto, il vescovo a Emiliano: su Ilva la pazienza della gente è finita

 
la ricorrenza
Taranto, Santi Medici: riapre l'antico santuario

Taranto, Santi Medici: riapre l'antico santuario

 

Il Biancorosso

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiControlli dei CC
Mesagne, a spasso con fucile, machete e munizioni: arrestato 29enne ghanese

Mesagne, a spasso con fucile, machete e munizioni: arrestato 29enne ghanese

 
Tarantoil siderurgico
Mittal Taranto, sicurezza impianti: al via focus sulle criticità

Mittal Taranto, sicurezza impianti: al via focus sulle criticità

 
FoggiaCriminalità
Foggia, rubano nel ristornate mentre è in corso blitz interforze

Foggia, rubano nel ristornate mentre è in corso blitz interforze

 
Baricontagi coronavirus
Polignano, dopo i contagi nella «Sop» c’è il primo morto da Covid

Polignano, dopo i contagi nella «Sop» c’è il primo morto da Covid

 
HomeIl delitto
Lecce, arbitro e fidanzata uccisi: su Eleonora almeno 30 coltellate

Lecce, arbitro e fidanzata uccisi: su Eleonora almeno 30 coltellate

 
BatAl Cafiero
Barletta, studente positivo: chiuso per due giorni liceo scientifico

Barletta, studente positivo al Covid: chiuso per due giorni liceo scientifico

 
PotenzaL'opera
Potenza, un team italo svizzero restaurerà il Ponte Musmeci

Potenza, un team italo svizzero restaurerà il Ponte Musmeci

 

i più letti

Il siderurgico

Arcelor Mittal, Bentivogli (Fim): «Decarbonizzazione è ormai slogan». Emiliano: Non è vero. È centrale per il clima»

Ne ha parlato a margine del 'Wired digital day' in corso al Teatro Petruzzelli di Bari

Conte: «Mittal chiede 5000 esuberi, inaccettabile». Governo disponibile a discutere immunità

TARANTO - «Questa parola, decarbonizzazione, ormai è diventata uno slogan, uno spot che serve molto spesso alla politica locale e nelle elezioni regionali». Lo ha detto il segretario della Fim Cisl, Marco Bentivogli, parlando con i giornalisti dei progetti di decarbonizzazione dello stabilimento siderurgico ex Ilva di Taranto. Bentivogli ne ha parlato a margine del 'Wired digital day' in corso al Teatro Petruzzelli di Bari.
«Noi - ha sottolineato - ne vediamo poco di 'green', perché bloccare lo stabilimento e il piano ambientale significa fare tutto ciò che si può fare lontano dalla ambientalizzazione e dalla messa in ecosostenibilità dello stabilimento». "Bisognerebbe interrompere la propaganda - ha rilevato - e cominciare a fare cose concrete e far ripartire quello stabilimento, attuare tutto ciò che è prescritto dall’Aia e dal piano ambientale». «E soprattutto - ha concluso - onorare l'accordo del 6 settembre 2018». 

«L'assurdo è che i tempi, anche del confronto sindacale e della vita di decine di migliaia di persone, sono scanditi dalle udienze in tribunale. La giustizia deve fare il suo corso ma credo che il governo, e il Paese complessivamente, nei confronti con le parti sociali abbia l'onere di fare la politica industriale. Su questo non bisogna perdere più tempo, se ne è perso anche troppo». Lo ha detto il segretario della Film Cisl, Marco Bentivogli, parlando con i giornalisti del futuro dello stabilimento ex Ilva di Taranto, oggi a margine del 'Wired digital day' in corso al Teatro Petruzzelli di Bari. "Bisogna realizzare - ha sottolineato - il piano che avevamo concordato, quindi zero esuberi, il piano ambientale che riprende celermente, e soprattutto una fabbrica che si riqualifica e riparte». "L'idea di smontare piano piano lo stabilimento e fare un mix tra forni elettrici e ciclo integrale - ha concluso - sembra un pò più dettata dall’agenda regionale del governatore della Puglia, ma non ha nulla a che fare con quello che serve alla siderurgia e all’ambiente».

LE PAROLE DI EMILIANO - «Non so di cosa parla. La decarbonizzazione è l’elemento centrale dei documenti sui mutamenti climatici europei, è il centro del trattato di Parigi, è il mantra anche sul quale si sta sviluppando la trattativa tra il governo e ArcelorMittal. Non so che altro aggiungere, anche perché non voglio fare polemiche quindi lascio cadere». Così il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano di commentare le affermazioni del segretario Fim Cisl, Marco Bentivogli secondo il quale la decarbonizzazione è uno «slogan, uno spot che serve alla politica locale e nelle elezioni regionali». Sia il sindacalista sia Emiliano ne hanno parlato a Bari, in occasione del 'Wired digital day'

MITTAL IPOTIZZA CHIUSURA IMPIANTO IN FRANCIA -  Il gruppo siderurgico franco-indiano ArcelorMittal ha annunciato di star studiando la possibilità di chiudere nel 2022-23 un impianto per la produzione di coke, il carbone utilizzato come combustibile nelle acciaierie, che dà lavoro a circa 250 persone, a Florange, nella regione francese della Mosella, dove già sono stati chiusi due altiforni. Lo comunica l’azienda, che ha in gestione anche l'impianto dell’ex Ilva di Taranto.
«Tenuto conto del piano di investimenti finalizzato a ridurre le nostre emissioni di CO2 di oltre il 30% da qui al 2030 - scrive l’azienda in un comunicato -, la richiesta di coke è destinata a diminuire e l’impianto di Dunkerque potrebbe diventare autosufficiente a breve termine». Dunque, fa sapere ArcelorMittal, «l'utilizzo della cokeria di Florange, la cui scadenza era inizialmente previsto al 2032, potrebbe essere rimesso in causa». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie