Giovedì 25 Febbraio 2021 | 18:21

NEWS DALLA SEZIONE

Nel tarantino
Martina Franca, raggirano 80enne all'uscita dalla Posta e gli rubano tutta la pensione

Martina Franca, raggirano 80enne all'uscita dalla Posta e gli rubano tutta la pensione

 
La scoperta
Taranto, 1kg di cocaina trovato in uno scantinato al rione Tamburi

Taranto, 1kg di cocaina trovato in uno scantinato al rione Tamburi

 
guardia di finanza
Truffa gasolio a Taranto; sequestrati 2 mln di beni a 5 imprese

Truffa gasolio a Taranto; sequestrati 2 mln di beni a 5 imprese

 
Cultura
Grottaglie, una campagna di crowdfunding per 2021, mostra d'arte contemporanea che ricongiunge la città al suo «spazio»

Grottaglie, una campagna di crowdfunding per 2021, mostra d'arte contemporanea che ricongiunge la città al suo «spazio»

 
lavoro
Mittal Taranto, ritardo pagamenti indotto: sindacati chiedono incontro con prefetto e minacciano sit in

Mittal Taranto, ritardo pagamenti indotto: chiesto incontro e minaccia di sit in. Melucci: «Cronoprogramma spegnimento»

 
«Splendida stronza»
Da Taranto Michelle canta un brano contro l'ansia di un vero talento

Da Taranto Michelle canta un brano contro l'ansia di un vero talento

 
commercio
Taranto, sequestrati 90 chili di cozze senza tracciabilità: sanzionato titolare pescheria

Taranto, sequestrati 90 chili di cozze senza tracciabilità: sanzionato titolare pescheria

 
a ridosso dell'ex Ilva
Taranto, rigenerazione rione Tamburi: attesa per i due bandi

Taranto, rigenerazione rione Tamburi: attesa per i due bandi

 
Ambiente svenduto
Processo Ilva, comune Traanto chiede risarcimento 10 miliardi di euro

Processo Ilva, comune Taranto chiede risarcimento 10 miliardi di euro

 
Nel Tarantino
Martina Franca, 43enne perseguita l'ex moglie: arrestato

Martina Franca, 43enne perseguita l'ex moglie: arrestato

 
Il caso
Mittal, Usb Taranto denuncia: «Operai si scoprono in cig dai badge disattivati»

Mittal, Usb Taranto denuncia: «Operai si scoprono in cig dai badge disattivati»

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaSerie C
Troppi casi di Covid nella Cavese: rinviata gara col Potenza

Troppi casi di Covid nella Cavese: rinviata gara col Potenza

 
Foggianel foggiano
San Severo, estrae coltello: «Dov'è l'assessore?»

San Severo, estrae coltello: «Dov'è l'assessore?»

 
TarantoNel tarantino
Martina Franca, raggirano 80enne all'uscita dalla Posta e gli rubano tutta la pensione

Martina Franca, raggirano 80enne all'uscita dalla Posta e gli rubano tutta la pensione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
Barinel Barese
Gravina, fidanzamento osteggiato dalle famiglie sfocia in una rissa in strada: 4 arresti

Gravina, fidanzamento osteggiato dalle famiglie sfocia in una rissa in strada: 4 arresti

 
LecceL'incidente
Auto travolge bici: muore ciclista 45enne in Salento

Auto travolge bici: muore ciclista 45enne in Salento

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

a taranto

Mittal, il 30 dicembre decisione su ricorso spegnimento Afo2. Verso richiesta rinvio udienza

Lo scorso 10 dicembre il Tribunale di Taranto ha rigettato la richiesta di proroga presentata dai commissari straordinari Ilva sull'uso dell’Altoforno

Ilva

E’ stata fissata per il 30 dicembre la decisione in camera di consiglio sul ricorso dell’Ilva in amministrazione straordinaria contro lo stop all’altoforno due dell’acciaieria di Taranto. E’ dello scorso 10 dicembre la decisione del Tribunale di Taranto che ha rigettato la richiesta di proroga presentata dai commissari straordinari Ilva sull'uso dell’Altoforno 2, sequestrato e dissequestrato più volte nel corso dell’inchiesta sull'incidente che nel 2015 in cui ha perso la vita l’operaio Alessandro Morricella.

VERSO RINVIO UDIENZA EX ILVA - Per i legali di Arcelor Mittal la negoziazione in corso con i commissari dell’ex Ilva è in fase di stallo e, se non si troverà un accordo di massima per andare avanti nelle trattative entro domani sera, gli avvocati del gruppo franco indiano chiederanno di discutere la causa davanti al giudice di Milano, fissata per venerdì. I commissari straordinari dell’ex Ilva, tramite i loro legali, sono orientati a chiedere un rinvio dell’udienza, fissata per venerdì a Milano, quantomeno a dopo l'esito del ricorso al Riesame di Taranto sull'altoforno 2. E' quanto si è appreso da fonti vicine all’amministrazione straordinaria. Comunque, sarà il giudice civile Claudio Marangoni a dover decidere se rinviare il procedimento e a quale data. 

In sostanza, ci sarà tempo fino a domani sera (l'udienza è fissata per venerdì alle ore 11 a Milano) per arrivare ad un’intesa di massima tra Mittal e i commissari, un accordo su 'macrotemì necessario per proseguire, poi, le trattative nei dettagli. In caso di accordo, i legali si potrebbero presentare in udienza, davanti al giudice Claudio Marangoni, con una richiesta congiunta di rinvio per andare avanti con più calma nel negoziato. Ad ogni modo, al momento, stando a fonti legali di Mittal, la negoziazione è «in un fase di stallo» e, dunque, se non si raggiungerà un’intesa nelle prossime ore, gli avvocati del gruppo sono pronti a discutere il procedimento sul ricorso cautelare d’urgenza presentato dai commissari ex Ilva (lunedì sera ArcelorMittal ha depositato una memoria 'durissimà per replicare all’amministrazione straordinaria). Il centro della causa, in pratica, è il recesso dal contratto di affitto e acquisizione degli stabilimenti esercitato a inizio novembre dalla multinazionale. Sull'altro fronte, invece, i commissari straordinari, da quanto si è saputo, sono orientati a chiedere al giudice, tramite i loro avvocati, un rinvio dell’udienza a gennaio, ossia a dopo l’esito del ricorso al Riesame di Taranto sull'altoforno 2. Anche in caso di istanze diverse delle due parti (di discussione della causa e di rinvio) spetterà, comunque, sempre al giudice decidere il da farsi e semmai indicare la data di aggiornamento dell’udienza. Mittal, da quanto si è saputo, avrebbe predisposto già lunedì un memorandum per arrivare ad un’intesa di massima e sarebbe in attesa di risposte da parte dei commissari ex Ilva, in una partita che, ovviamente, coinvolge anche il Governo. Un punto da risolvere è la mancata definizione dell’entità, della misura e della modalità degli interventi degli eventuali soggetti pubblici e privati italiani che potrebbero entrare nell’operazione per rivitalizzare il polo siderurgico italiano.

Da quanto si è appreso da fonti vicine al procedimento, l’udienza fissata per venerdì si terrà con le parti presenti in aula e si potrebbe arrivare, verosimilmente, ad un rinvio a gennaio in attesa della decisione del Riesame di Taranto (l'udienza è fissata per il 30 dicembre) sull'altoforno 2. Anche in assenza di un accordo di massima tra le due parti entro domani sera, coi legali di Mittal, nel caso, pronti a discutere la causa, il giudice potrebbe, comunque, optare per un aggiornamento a gennaio dell’udienza per favorire il negoziato e in attesa della decisione dei magistrati tarantini.
Nel frattempo, resta sempre a carico di ignoti e per le ipotesi di aggiotaggio informativo e distrazione di beni dal fallimento l’inchiesta aperta dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli e dai pm Mauro Clerici e Stefano Civardi sulla gestione dell’ex Ilva da parte di ArcelorMittal. Le indagini di queste settimane del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Gdf milanese sono state riassunte in due rapporti depositati nei giorni scorsi agli inquirenti, che attendono di capire come andrà avanti il procedimento civile. Tanto che la Procura stessa è parte nella causa, a fianco dei commissari dell’ex Ilva e contro l’addio del gruppo franco indiano che ha esercitato il recesso dal contratto. In Procura, infine, c'è anche un fascicolo autonomo per omessa dichiarazione dei redditi per gli anni 2014-2015 e con al centro una società del gruppo Mittal.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie