Domenica 08 Dicembre 2019 | 19:23

NEWS DALLA SEZIONE

Il siderurgico
Cantiere Taranto, a studio sgravi del 100% per chi assume lavoratori ex Ilva

Cantiere Taranto, a studio sgravi del 100% per chi assume lavoratori ex Ilva

 
Ambiente
Taranto, 145 ex dipendenti «Isolaverde» impiegati per la bonifica della città

Taranto, 145 ex dipendenti «Isolaverde» impiegati per la bonifica della città

 
La denuncia
Mittal  “precetta” i lavoratori in vista dello sciopero di martedì. Operaio: «Perché dovremmo farlo?»

Mittal «precetta» i lavoratori in vista dello sciopero di martedì. Operaio: «Perché dovremmo farlo?» AUDIO

 
La rissa
Taranto, 30enne ubriaco aggredisce con una scopa commerciante e poliziotti

Taranto, 30enne ubriaco aggredisce con una scopa commerciante e poliziotti

 
Il siderurgico
Taranto, ex Ilva: attesa per il piano del ministro Patuanelli che punta all'ecosostenibilità

Ex Ilva: attesa per piano Patuanelli che punta all'ecosostenibilità

 
L'indagine
Taranto, genitori picchiano e lanciano sedia contro maestra: «Atto ignobile»

Taranto, genitori picchiano e lanciano sedia contro maestra: «Atto ignobile»

 
La decisione
Sava, baby gang vessava disabile: Riesame conferma misure cautelari

Sava, baby gang vessava disabile: Riesame conferma misure cautelari

 
A Crispiano
Beccato dal proprietario mentre ruba arance, tenta di investirlo: arrestato nel Tarantino

Beccato da contadino mentre ruba arance, tenta di investirlo: arrestato nel Tarantino

 
Il folle gesto
Taranto, minaccia di gettarsi dal cornicione del lungomare: salvata dalla polizia

Taranto, minaccia di gettarsi dal cornicione del lungomare: salvata dalla polizia

 
il siderurgico
Arcelor Mittal, Fim Taranto e Brindisi: «Martedì a Roma contro esuberi»

Mittal, Fim: «Martedì a Roma contro esuberi». Stop anche ai servizi in appalto

 
La decisione
Manduria, anziano picchiato a morte: la baby gang non andrà in carcere

Manduria, anziano picchiato a morte: la baby gang non andrà in carcere

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Bari, operazioni aggancio al Potenza. Segui la diretta dalle 17.30

Bari, operazione aggancio al Potenza. Segui la diretta dalle 17.30

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa cena del cuore
Metti una sera a cena con i bimbi autistici dietro i fornelli

Metti una sera a cena a Bari con i bimbi autistici dietro i fornelli

 
BatNuoto
La biscegliese Elena Di Liddo è argento europeo nei 100 farfalla

La biscegliese Elena Di Liddo è argento europeo nei 100 farfalla

 
FoggiaL'arresto
Preparavano assalto ad un bancomat a Chieti: in manette 4 foggiani

Preparavano assalto ad un bancomat a Chieti: in manette 4 foggiani

 
PotenzaL'intervista
Cappelli: «Il Capodanno Rai ci ha fatto scoprire Potenza»

Cappelli: «Il Capodanno Rai ci ha fatto scoprire Potenza»

 
HomeIl siderurgico
Cantiere Taranto, a studio sgravi del 100% per chi assume lavoratori ex Ilva

Cantiere Taranto, a studio sgravi del 100% per chi assume lavoratori ex Ilva

 
BrindisiPub Ciporti
Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

 
LecceL'analisi
Lecce, il boom della grande distribuzione: in provincia ci sono 402 strutture

Lecce, il boom della grande distribuzione: in provincia ci sono 402 strutture

 
MateraOperazione dei Cc
Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

 

i più letti

L'intervista

Mittal, parla Pertosa, fondatore gruppo Angel: «Contratto scritto male, e il profitto non è tutto»

Per Vito Pertosa bisogna coniugare lavoro e ambiente: la città ha riportato grandi ferite in questi anni

Mittal, parla Pertosa, fondatore gruppo Angel: «Contratto scritto male, e il profitto non è tutto»

Un giudizio severo sull’iter scelto da ArcelorMittal per disimpegnarsi dall’acciaieria di Taranto, un ritratto senza filtro del magnate indiano e un riconoscimento della determinazione con cui il governo e il premier Conte stanno seguendo la vertenza che riguarda il futuro dell’insediamento industriale ionico: Vito Pertosa, fondatore del gruppo industriale Angel, offre una lettura analitica della complessa vicenda rivendicando il punto ferma della difesa delle eccellenze presenti nel settore industriale legato all’acciaio in Puglia e il valore del manifatturiero italiano.

Presidente Pertosa, che impatto ha per l’Italia negli scenari internazionali l’incertezza giuridica e politica che caratterizza la crisi industriale dell’ex Ilva?
«Si tratta di una crisi grave per l’Italia e spero che la decisione presa da una società così importante come Mittal possa avere riflessi negativi internazionali anche per la multinazionale, dal momento che sta scappando da un impegno assunto, pur adducendo questioni legali. Non emerge un quadro di serietà».

Eppure l’ArcelorMittal è leader mondiale nella produzione dell’acciaio.
«Ho conosciuto l’anno scorso il signor Lakshmi Mittal a Parigi, per una cena a Versailles nella quale il presidente francese Emmanuel Macron incontrava gli imprenditori che avevano relazioni commerciali con la Francia, per invitarle a fare investimenti. Mi è sembrato una persona che per raggiungere l’obiettivo del profitto è pronto a sacrificare altri valori. Questo approccio porterà un calo di credibilità anche per l’azienda indiana. Bisogna farlo riflettere: gli aspetti contrattuali sono importanti, ma alcuni alibi che utilizza, sono assolutamente pretestuosi. La mia impressione è che il contratto sia scritto molto male, non ci sono reali garanzie…».

Che vantaggi ha per la filiera industriale italiana la possibilità di avere acciaio prodotto a caldo nel nostro paese?
«Ci sono vantaggi sul costo di trasporto, per l’indipendenza dalle produzioni turche, russe e indiane - nostri competitor che aspettano solo di guadagnare ulteriori quote di mercato - e per una più sicura disponibilità dell’acciaio avendo un’industria nazionale. Ma bisogna contemperare lavoro e ambiente: Taranto ha riportato grandi ferite in questi anni”.

Il governo è in prima linea nel mostrare massima attenzione per il caso Taranto.
«Il premier Conte sta dando prova di grande sensibilità, occupandosi della vicenda con un piano vero per trovare soluzioni qualsiasi cosa accada».

L’acciaio va interpretato anche come simbolo dell’avanguardia della ricerca italiana, dallo spazio alla mobilità?
«Era un simbolo. Ora l’acciaio lo è meno. È importantissimo ma non è più centrale come prima. Ho iniziato a lavorare da giovane andando a Taranto, vedevo sole, mare, il golfo e immaginavo la Magna Grecia: la culla della civiltà mentre Berlino, Parigi, Londra, erano leggermente più indietro…. Pensavo che impiantare lì le ciminiere fosse stata una scelta azzardata. Tuttavia, questa acciaieria esiste, c’è una cultura industriale importante che non può essere persa. Si può cogliere questa sventurata occasione per riprendere un primato utilizzando nuove modalità di produzione compatibili con l’ambiente».

Ne ha mai parlato con Mittal?
«Sì, gli dissi di pensare seriamente all’ipotesi di produrre acciaio con un marchio carbon free, attento all’ambiente, ma sul tema era scocciato ed evasivo».

Da imprenditore cosa pensa della questione dello scudo penale?
«I commissari che stavano prima ce l’avevano. È comprensibile che un manager che deve portare avanti un programma di ambientalizzazione e pensa di rispettare legge non debba avere angosce. C’è da dire che questo elemento non c’era nel contratto. Ma l’ha richiesto Mittal. Ora è solo un alibi: ha problemi di produzione e di mercato. Aveva portato avanti l’investimento in un contesto economico diverso, capisco, ma ora non può andare via così facilmente. Bisogna far riflettere i maggiori buyer italiani che comprano l’acciaio da Mittal, su come comportarsi con un fornitore che fa un danno di questo tipo al proprio paese».

L’opzione nazionalizzazione è l’extrema ratio?
«Secondo me è una prospettiva sbagliata. Offriamo una facile way out a questa multinazionale. Altro discorso è lavorare ad un piano B ed uno C contemporaneamente a quello che accade nel frattempo».

Che cosa si aspetta dalla politica sulla questione Ilva?
«Il governo mostra determinazione. Il premier Conte in fabbrica, in mezzo agli operai ha trasmesso una bella immagine. Da quello che mi risulta si sta lavorando a varie iniziative e bisogna rimediare agli errori passati senza concentrarsi su chi sia il colpevole, ma solo su cosa fare tutti insieme per dare una mano. Quello che è certo e che non ci deve essere maggioranza ed opposizione, ma un paese unito in blocco per difendere i propri interessi e dare un concreto futuro alle persone di questo territorio, che tanto hanno sofferto negli anni per questa situazione».

La Gazzetta del Mezzogiorno, con la proposta del rettore Umberto Ruggiero, sostiene che vada realizzato un piano di esodo indennizzato per gli abitanti del rione Tamburi.
«È una iniziativa meritevole e valida quella della Gazzetta. Avrei auspicato che fosse stata fatta prima, per consentire ai cittadini del Tamburi di spostarsi altrove e patire meno le conseguenze della vicinanza con la fabbrica».

Resta sullo sfondo il nodo della debolezza nelle politiche industriali dell’Italia, con un partner di governo che ha tra i capisaldi la «decrescita felice».
«La manifattura italiana è la seconda in Europa e con la crisi della Germania potrebbe ambire a diventare anche la prima, se fossimo in grado di cogliere l’occasione. Non abbiamo il petrolio né le miniere, ma custodiamo creatività e una eccellente qualità tra tecnici, operai, ingegneri, manager italiani. La decrescita? L’Italia ha bisogno della «crescita felice». Ci sono tutte le condizioni per farlo, ci vuole solo unità d’intenti, come in Francia e Usa. Noi, purtroppo, abbiamo un problema politico legato alla instabilità del sistema, connessa ad una legge elettorale che non garantisce a chi vince la possibilità di governare cinque anni e di programmare quindi il lavoro, senza avere l’ansia ogni tre mesi di quello che accade alla prossima elezione amministrativa, altrimenti il governo traballa. Ogni scelta ha il fiato corto e si ha sempre il terrore di scontentare qualcuno».


A breve ci saranno le elezioni anche in Puglia, quali sono le qualità che dovrebbe avere chi si candida?
«Non penso di dire nulla di speciale, dicendo che nel mio gruppo, quando scegliamo le persone che hanno responsabilità di comando, lo facciamo usando il criterio che debbano essere oneste, competenti e capaci. Non sempre ci sono tutte e tre insieme queste qualità, perché dando per scontata l’onestà, la competenza da sola non è sufficiente, ci vuole anche la capacità. Ovviamente non sempre si riesce, si fanno degli errori, l’importante è cercare di farne tesoro e di migliorarsi. Purtroppo invece oggigiorno, in tutte le elezioni politiche, per avere delle concrete chance di essere eletti, nessuna di queste tre qualità è indispensabile, ce ne vuole bensì una quarta, quella di saper comunicare bene, di bucare lo schermo, di fare il Tweet giusto. Quando andiamo a votare dovremmo pensare invece alle prime tre, ma non sempre accade».

Nel suo percorso imprenditoriale, quando ha “incontrato” per la prima volta il siderurgico di Taranto?
«Negli anni ottanta abbiamo realizzato per l’Italsider un progetto innovativo per un locomotore dedicato al trasporto del carro per la cokeria. Non nascondo che soffrivo per l’ossimoro tra la bellezza del golfo della città ionica e le ciminiere fumanti. Lì però ho rilevato che si era formata una straordinaria competenza sul piano industriale, interloquendo con gli ottimi tecnici del siderurgico. Una ricchezza che non va perduta».

È fiducioso per il futuro di Taranto?
«Il programma del governo per la città deve diventare il programma per il riscatto del Paese, per restituire a Taranto una opportunità. Anche le Zes sono una occasione da non perdere per lo sviluppo del territorio. Bisogna combattere con l’Europa per avere vantaggi concreti per attrarre gli investimenti. Sinceramente penso che se si lavora con unità di intenti, ci siano le condizioni per disegnare un futuro migliore, anche grazie alla positiva circostanza di un Presidente del Consiglio che conosce bene la Puglia e che insieme al Sottosegretario Turco, originario del territorio, stanno lavorando alacremente ad un piano di rilancio. Nessuna iniziativa però potrà avere possibilità di successo, se si perdono inutilmente energie ad accusare qualcun altro; gli avversari non sono in Italia, ma da qualche altra parte; ora bisogna difendere l’industria italiana e sentirsi tutti tarantini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie