Martedì 15 Ottobre 2019 | 23:14

NEWS DALLA SEZIONE

nel tarantino
Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

 
la decisione
Tribunale Taranto, marinaio morto per amianto: 200mila euro di risarcimento agli eredi

Tribunale Taranto, marinaio morto per amianto: 200mila euro di risarcimento agli eredi

 
cambio al vertice
Mittal, fonti sindacali: «Ad Jehl lascia, arriva Lucia Morselli»

ArcelorMittal, amministratore delegato Jehl lascia, arriva Lucia Morselli

 
Siderurgico
Emissioni ex Ilva: i cittadini ricorrono alla Corte Europea

Emissioni ex Ilva: i cittadini ricorrono alla Corte Europea

 
Con i 176 soccorsi
Migranti, il Viminale decide: la Ocean Viking approderà a Taranto

Migranti, la Ocean Viking approda domani alle 8 in porto Taranto Sit-in di benvenuto

 
al rione paolo VI
Taranto, passanti segnalano 2 ordigni bellici sotto un cespuglio

Taranto, passanti segnalano 2 ordigni bellici sotto un cespuglio

 
Nel Tarantino
Manduria, operai senza contratto dormivano nelle masserie: denunce e sanzioni ai titolari

Manduria, operai senza contratto dormivano nelle masserie: denunce e sanzioni ai titolari

 
l'indagine
Martina Franca, spaccio di droga, chiamata «Babà», era diventato un lavoro: 3 in carcere

Martina Franca, spaccio di droga, chiamata «Babà», era diventato un lavoro: 3 in carcere

 
le polemiche
Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

Medicina a Taranto, protesta degli studenti baresi: «Noi costretti a migrare per studiare»

 
università
Taranto, da lunedì via alle lezioni a Medicina: graduatoria a scorrimento

Taranto, da lunedì via alle lezioni a Medicina: graduatoria a scorrimento

 
Il siderurgico
Arcelor Mittal, nuovo ricorso alla Corte Europea contro l'Italia

Arcelor Mittal, nuovo ricorso alla Corte Europea contro l'Italia

 

Il Biancorosso

Lega pro
Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantonel tarantino
Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

 
Barisanità
Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

 
Materamorirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 
Brindisinel Brindisino
Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

 
Leccenel Leccese
Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

 
Foggianel foggiano
San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

 
Batl'iniziativa
«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

 
PotenzaI dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 

i più letti

Allarme a Taranto

Ex Ilva: al vaglio proposte per evitare spegnimento Altoforno 2, disposto da Procura

Conseguenza del dissequestro negato dal gup in seguito a provvedimento dopo morte di operaio nel 2015

Ex Ilva, oltre 700 esodi: per nuove assunzioni valutate esperienza, anzianità e carichi di famiglia

La Procura di Taranto ha disposto l'avvio delle operazioni di spegnimento controllato dell'Altoforno 2, uno dei tre dello stabilimento siderurgico ArcelorMittal, ex Ilva. Il provvedimento è la conseguenza, quasi scontata, del rigetto da parte del gup tarantino, Pompeo Carriere, della istanza di dissequestro dell'Altoforno avanzata dagli amministratori dell'ex Ilva dopo il sequestro preventivo disposto nell'ambito delle indagini sull'incidente costato la vita nel 2015 all'operaio Alessandro Morricella: l'uomo perse la vita travolto da una colata incandescente.

IL SEQUESTRO CON FACOLTA' D'USO

All'epoca, anche in forza di uno dei decreti legge Ilva (poi impugnato dinanzi alla Corte costituzionale) fu concessa all'azienda siderurgica la facoltà d'uso dell'Afo 2. Nel corso dell'udenza preliminare è stato accertato, dai tecnici nominati dallo stesso giudice, che l'azienda non avrebbe adempiuto alle prescrizioni per la messa in sicurezza dell'impianto. 

In seguito al rigetto del gup, emesso non più tardi di due giorni fa, è pertanto tornato in vita l'originario sequestro preventivo: da qui la comunicazione della Procura jonica ad Arcelor Mittal - nel frattempo subentrata nella gestione del siderurgico - di avvio delle operazioni di spegnimento.

Ciò non significa una disattivazione dall'oggi al domani (in quanto impossibile) dell'impianto, ma l'avvio di un cronoprogramma che porti allo spegnimento di Afo 2. Non è da escludere, però, che Arcelor Mittal e i commissari Ilva trovino una intesa avanzando una richiesta alla magistratura jonica per adempiere agli adeguamenti di messa in sicurezza dell'impianto. Una ipotesi che ha trovato conferma tra i legali delle parti. 

I LEGALI: ALLO STUDIO OGNI IPOTESI

«La nostra intenzione è quella di collaborare come sempre con le autorità competenti e di lavorare per trovare una soluzione accettabile che garantisca che l'Altoforno possa rimanere operativo evitando il rischio di interruzioni». Lo afferma ArcelorMittal Italia che in una nota "conferma di aver ricevuto ieri un ordine della Procura della Repubblica di Taranto per l’attivazione del processo di spegnimento dell’altoforno numero 2 dello stabilimento di Taranto».

«La vicenda - spiega - risale al 29 luglio 2015 quando, in seguito a un incidente fatale, la Procura di Taranto ha disposto il sequestro dell’altoforno. ArcelorMittal Italia, che gestisce lo stabilimento di Taranto a partire dal 1° novembre 2018, sta studiando la documentazione notificata ieri dal Tribunale e valutandone gli aspetti tecnici».

I legali di ArcelorMittal hanno avviato «lo studio sulle ipotesi» di iniziative, eventualmente anche congiunte con l’amministrazione straordinaria dell’ex Ilva, per affrontare l’ordine di spegnere l’Altoforno 2. Più di una voce ipotizza da ieri una richiesta congiunta delle due realtà aziendali alla magistratura per una sospensiva della disposizione della Procura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie