Domenica 17 Novembre 2019 | 01:23

NEWS DALLA SEZIONE

Il siderurgico
Caso Mittal, Peacelink Taranto: «Aiuti Stato vietati, sì a riconversione»

Caso Mittal, Peacelink Taranto: «Aiuti Stato vietati, sì a riconversione»

 
Sul lavoro
Grottaglie, infortunio alla Leonardo: operaio con trapano si ferisce alla mano

Grottaglie, infortunio alla Leonardo: operaio con trapano si ferisce alla mano

 
Social news
Ex Ilva, «Sono di Taranto e per tutta la vita ho visto gente morire di tumore»: il post diventa virale

Ex Ilva, «Sono di Taranto e per tutta la vita ho visto gente morire di tumore»: il post diventa virale

 
Il caso
Taranto, in fiamme un'ambulanza della Croce Rossa in servizio 118

Taranto, in fiamme un'ambulanza della Croce Rossa in servizio 118

 
L'intervista
Mittal, parla Pertosa, fondatore gruppo Angel: «Contratto scritto male, e il profitto non è tutto»

Mittal, parla Pertosa, fondatore gruppo Angel: «Contratto scritto male, e il profitto non è tutto»

 
Il siderurgico
Mittal: «Via da Taranto il 4 dicembre». Morselli: «Senza scudo non si va avanti». Procura Milano apre inchiesta

Mittal, pm Taranto apre indagine contro ignoti. Sindacati: «Non fermeremo centrali». Lunedì consiglio fabbrica

 
Cinema
Six Underground: ecco la locandina del film Netflix girato a Taranto

Six Underground: ecco la locandina del film Netflix girato a Taranto

 
il siderurgico
ArcelorMittal lascia l'Ilva, la Procura di Milano apre un'inchiesta

ArcelorMittal lascia l'Ilva, la Procura di Milano apre un'inchiesta. I commissari presentano ricorso

 
le dichiarazioni
Taranto, parla la pediatra: «È un infanticidio: sono 25 anni che vedo i bambini ammalarsi»

Taranto, parla la pediatra: «È un infanticidio: sono 25 anni che vedo i bambini ammalarsi»

 
nel Tarantino
Sava, i bulli: «Nessuna minaccia. L'anziano ci dava soldi perché eravamo amici»

Sava, i bulli: «Nessuna minaccia. L'anziano ci dava soldi perché eravamo amici»

 

Il Biancorosso

verso il match
Bari, Sigarini ricorda la trasferta a Pagani

Bari, Sigarini ricorda la trasferta a Pagani

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl siderurgico
Caso Mittal, Peacelink Taranto: «Aiuti Stato vietati, sì a riconversione»

Caso Mittal, Peacelink Taranto: «Aiuti Stato vietati, sì a riconversione»

 
BariIl caso
Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

Bari, venditore abusivo aggredisce agenti: arrestato

 
Foggianel Foggiano
Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

Lucera, figlio disabile escluso da corso di nuoto a scuola: mamma denuncia

 
LecceL'appuntamento
Scorrano, torna il presepe di sabbia: vicino alla Natività anche Don Tonino Bello e Gandhi

Scorrano, torna il presepe di sabbia: vicino alla Natività anche Don Tonino Bello e Gandhi

 
Materaconta dei danni
Maltempo, serve un piano straordinario per Metaponto

Maltempo, serve un piano straordinario per Metaponto

 
BrindisiNel Brindisino
Oria, rifiuta il test antidroga e ha eroina negli slip: denunciata una 31enne

Oria, rifiuta il test antidroga e ha eroina negli slip: denunciata una 31enne

 
BatLa sentenza
Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

Giro di droga ad Andria: 23 condanne, confiscati campi da calcio e case

 
Potenzal'indagine
Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

Potenza, parrucchiere 58enne violenta giovane dipendente: ai domiciliari

 

i più letti

Il corteo

Manduria, la «Marcia della civiltà» in memoria dell'anziano pestato a morte

La città tarantina tappezzata di cartoncini con frasi scritte da giovani

Manduria, la «Marcia della civiltà» in memoria dell'anziano pestato a morte

Foto Todaro

TARANTO - «Si è sempre responsabili di quello che non si è saputo evitare», «Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo». Sono alcune delle frasi su cartoncino colorato affisse nel centro di Manduria nel giorno della Marcia per la Civiltà, partita in mattinata in memoria di Antonio Stano, il 66enne morto il 23 aprile e da anni vittima di bulli, in più occasioni picchiato e rapinato. La firma è di giovani che si definiscono «I ragazzi della rivoluzione delle coscienze». Otto giovani (due maggiorenni e sei minorenni) sono in carcere nell’ambito dell’inchiesta sulle aggressioni a Stano per i reati di tortura, con l’aggravante della crudeltà, violazione di domicilio, sequestro di persona e danneggiamento.
Al corteo, promosso da associazioni, scuole, comitati, partiti e movimenti, partecipano circa 3mila persone. Il Comune, a gestione commissariale, è presente con il Gonfalone. Hanno aderito anche la Provincia di Taranto e i sindaci di Avetrana, Maruggio, Sava, l’assessore regionale Mino Borraccino.

Mazzi di fiori sono stati depositati, durante la Marcia della Civiltà in corso a Manduria, davanti all’abitazione di Antonio Stano, il 66enne morto il 23 aprile scorso e che in più occasioni aveva subito aggressioni e violenze da parte di più gruppi di giovani. Il corteo è partito dalla zona degli istituti secondari di Via Sorani e sta attraversando le vie cittadine. L’abitazione della vittima si trova in via San Gregorio Magno, nei pressi dell’oratorio della chiesa di San Giovanni Bosco. La marcia prosegue verso Arco di Sant'Angelo e raggiungerà piazza Garibaldi dove sono previsti interventi di giovani studenti, di dirigenti scolastici e di rappresentanti di istituzioni e movimenti. Le sigle partecipanti da un lato chiedono «giustizia per Antonio Stano e esprimiamo orrore per la tragedia accaduta», dall’altro dicono no a quanti hanno espresso «continui giudizi sommari e diffamatori - affermano - che hanno inferto alla città di Manduria, già sconvolta e confusa, un ennesimo colpo devastante».

Con la voglia di «ripartire da una comunità» ferita che non accetta chi le punta «il dito contro» ma che è pronta a «riflettere su quanto accaduto» si è conclusa la 'Marcia della civiltà' a Manduria, organizzata in memoria di Antonio Stano, il pensionato 66enne morto il 23 aprile scorso e vittima di aggressioni e rapine da parte di più gruppi di giovani.
«Le azioni - ha detto un ragazzo durante la Marcia - sono assolutamente da condannare, ma è importante trovare il modo per ripartire. Capire che non c'è il singolo colpevole, la singola persona, la singola istituzione, ma bisogna ripartire dalla comunità».

«Se non avesse vissuto in solitudine - ha aggiunto una ragazza - forse Stano non sarebbe morto, non sarebbe andata così». «Ciò che temiamo è il silenzio», si leggeva su uno degli striscioni esibiti dai ragazzi in corteo, mentre su un altro c'era scritto: «Non ci vuole niente a rimpiangere i morti. Ci vuole invece molta cura, molta attenzione per difendere i vivi. Noi lo faremo».
La Marcia, ha sottolineato il presidente della Pro Loco di Manduria, Domenico Sammarco, «vuole significare un’attenzione a quello che è successo, non è né un atto di difesa né un atto di accusa, ma un momento di riflessione. Di certo non possiamo nascondere la testa sotto la sabbia e dire che non è successo niente proprio perché la città non è una città omertosa, ma rifiutiamo questo indice puntato». «Questa - ha concluso - è una occasione affinché la comunità si ritrovi tutta insieme».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie