Martedì 20 Novembre 2018 | 16:53

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza su minorenni
Taranto, istruttore abusava delle sue giovani allieve in palestra: arrestato

Taranto, istruttore abusava delle sue giovani allieve in palestra: arrestato

 
Taranto
Ex Ilva, Genitori Tarantini contro Di Maio: lei ci ha tradito

Ex Ilva, Genitori Tarantini contro Di Maio: lei ci ha tradito

 
I funerali del 19enne
Calciatore suicida, l'allenatore del Martina: vuoto incolmabile

Calciatore suicida, l'allenatore del Martina: vuoto incolmabile

 
Dopo le dimissioni
Taranto, crisi in Comune: Melucci resta fermo a 17

Taranto, crisi in Comune: Melucci resta fermo a 17

 
La scoperta
Taranto, nascondeva moto rubate nel suo garage: arrestato 42enne

Taranto, nascondeva moto rubate nel suo garage: arrestato 42enne

 
Il caso
Taranto, accoglienza migranti: la Procura accende i fari

Taranto, accoglienza migranti: la Procura accende i fari

 
Promozione
Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita con Barletta

Calcio, si impicca calciatore 19enne del Martina: rinviata partita col Barletta

 
L'indagine
Taranto, furti in casa: arrestato un georgiano

Taranto, furti in casa: arrestato un georgiano

 
La polemica
Rifiuti leccesi dirottati nel Tarantino per lo smaltimento

Rifiuti leccesi dirottati nel Tarantino per lo smaltimento

 
A Taranto
Ex Ilva: black out ferma 3 altoforni. ArcelorMittal: «No danni ambientali»

Ex Ilva: black out ferma 3 altoforni. ArcelorMittal: «No danni ambientali»

 
L'operazione
Taranto, sequestrati 4 quintali di cozze nocive

Taranto, sequestrati 4 quintali di cozze nocive

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

crisi al comune

Taranto, l'apello di Lonoce: «Melucci torni in sella»

Il presidente dell’assise cittadina chiede al sindaco di tornare sui suoi passi. intanto la maggioranza blocca le commissioni

Taranto, l'apello di Lonoce: «Melucci torni in sella»

TARANTO - «Ma scusatemi tanto, posso chiedervi io una cosa?». Inizia così, in questa maniera un po’ irrituale, l’intervista che Lucio Lonoce, presidente del Consiglio comunale, concede alla Gazzetta . Non è un’intervista qualsiasi e non viene pubblicata in un giorno qualunque. Le sue parole vengono scolpite a quattro giorni dalle dimissioni del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci e ricadono proprio oggi che a Palazzo di Città si tiene il Consiglio comunale in modalità question time.
Presidente Lonoce, Melucci ha rassegnato le dimissioni da primo cittadino. Al momento, sembrano irrevocabili?
«Spero che questo non accada. Guardi, comprendo nella maniera più assoluta l’amarezza che sta provando il sindaco ma, al tempo stesso, gli chiedo di ritrovare, nei prossimi giorni, la volontà e la forza per andare avanti e proseguire con il cammino già intrapreso il 29 giugno del 2017».
Andare avanti? E come potrebbe mai farlo, pur sapendo che nella sua coalizione ci sono almeno due traditori?
«Serve un confronto ampio, autentico. E poi, mi sembra che in queste ore siano arrivati, in questo senso, già due documenti importanti: uno della maggioranza e l’altro dei vertici del Pd. O sbaglio?».
No, non sbaglia. Ma come la mettiamo con i traditori?
«Sinora a Palazzo di Città i numeri ci sono, di fatto, sempre stati. Ci sono le premesse, dopo un opportuno chiarimento, per ripartire. E poi, come sapete, giro molto per strada. Sento la gente».
E cosa dice la gente, presidente?
«Non capisce quale legame possa mai esserci tra il voto per le elezioni provinciali, peraltro si è trattato di una consultazione di secondo livello, e il Comune di Taranto. Ricorderei che nel giugno 2017, Melucci è stato eletto con il voto popolare e non certo dal ceto politico. Per questo, deve ritrovare la forza per andare avanti».
Ma i vostri oppositori, almeno stando al voto delle Provinciali, sono di più di voi. La maggioranza, di fatto, non c’è piu. Di questo, si è reso conto?
«Insisto, la maggioranza consiliare si misura in aula. Ovvero, al secondo piano di Palazzo di Città. Per il resto, considerato che quindi sarebbero di più di noi e visto che - a loro dire - avremmo lavorato così tanto male, hanno una sola cosa da fare».
Quale?
«Andassero da un notaio e depositassero le loro diciasette firme utili per far sciogliere il Consiglio comunale. Se è questo quello che vogliono e se ne hanno il coraggio, lo facciano pure».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400