Martedì 28 Gennaio 2020 | 17:40

NEWS DALLA SEZIONE

Il ricordo di Braynt
Kobe, la morte di un semidio innamorato del Belpaese

Kobe, la morte di un semidio innamorato del Belpaese

 
nuoto
Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

Elena Di Liddo, da Bisceglie la farfalla giramondo che sogna le Olimpiadi

 
l'evento
Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

Polignano, la magia dei tuffi torna a brillare: il 19 luglio tappa italiana

 
L'evento
Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

Il Bari club spegne 112 candeline: la festa social dei tifosi

 
settebello
Pallanuoto, World League a Champions a Bari: è quasi fatta

Pallanuoto, World League e Champions a Bari: è quasi fatta

 
atletica leggera
La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

La salentina Francesca Lanciano è l'atleta del 2019 in Puglia

 
è tarantina
Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

Karate, da Faggiano Silvia Semeraro sogna i giochi olimpici

 
a locorotondo
Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

Atletica, la Valle d'Itria in rosa sforna medaglie e sogni

 
record
Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

Netium Giovinazzo: ecco dove nascono le star del nuoto

 
Il personaggioI
Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

Taranto, la scalata del giovane pugile Rossetti nella boxe che conta

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Perrotta salva il Bari al Granillo: 1-1 in casa della Reggina. La diretta

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Taranto, frantumavano la costa per prendere i datteri di mare: 49 indagati

Taranto, frantumavano la costa per prendere i datteri di mare: 49 indagati

 
FoggiaIl caso
San Severo, incendio ditta rifiuti, l'azienda: «Colpa di un dipendente? Si indaga»

San Severo, incendio ditta rifiuti, l'azienda: «Colpa di un dipendente? Si indaga»

 
BariProcesso Pandora
Mafia a Bari, 90 condanne ai clan Diomede, Mercante e Capriati. La sentenza

Mafia ultimi 15 anni a Bari, 90 condanne ai clan Diomede, Mercante e Capriati.
Risarcito il Comune. La sentenza

 
BatIl processo
Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

Mafia, chiesti 16 anni a pregiudicato per 2 tentati omicidi nel Nord Barese

 
PotenzaIl caso
Potenza, adescano un 70enne e gli rubano i soldi: denunciate 2 donne

Potenza, adescano un 70enne e gli rubano i soldi: denunciate 2 donne

 
HomeIl fenomeno
Morbillo, allarme in Salento 40 casi in un mese: anche 4 bimbi, due figli di «no vax»

Morbillo, in Salento due casi al giorno, coinvolti adulti e bimbi: anche figli di «no vax»

 
BrindisiOperazione dei Cc
Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino a scuola a Ostuni

Droga, tre arresti nel Brindisino: preso 18enne vicino scuola a Ostuni

 
MateraIl caso
Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

Matera, hanno tentato di truffare una nonnina: in due agli arresti domiciliari

 

i più letti

Il Lecce Primavera si conferma campione d'Italia

Nella finale di Fano, i salentini hanno battuto 5-4 ai calci di rigore l'Inter, finalista anche l'anno scorso. I tempi regolamentari, così come quelli supplementari si sono chiusi sull'1-1: gol di Diarra al 32' e di Piovaccari al 24'. Dell'interista Meggiorini l'errore decisivo dal dischetto
FANO - Il Lecce si aggiudica per il secondo anno consecutivo il titolo di campione d'Italia Primavera, battendo 5-4 ai calci di rigore l'Inter nella finale di Fano. Dell'interista Meggiorini l'errore decisivo dal dischetto. I tempi regolamentari, così come quelli supplementari si sono chiusi sull'1-1.
Il Lecce ha fatto sua la prima frazione di gioco, interpretando al meglio l'approccio alla gara contro i nerazzurri. Una superiorità, soprattutto nel gioco in velocità, che si è concretizzata al 32', quando forse nel miglior momento dell'Inter Mattioli è sceso sulla destra e ha messo un rasoterra in mezzo dove i centrali hanno pasticciato un po', consentendo a Drissa Diarra di mettere in rete con un colpo sottomisura.
Nella ripresa, il Lecce ha giocato con la spavalderia di chi si trovava in vantaggio, mentre l'Inter ha proseguito nella sua manovra non veloce ma efficace. Marimo ha ispirato la maggior parte delle azioni nerazzurre e dai suoi piedi è partita la palla del pareggio, al 24', messa in rete da Piovaccari che ha anticipato l'intervento del difensore e l'uscita del portiere con un colpo con la punta della scarpa. Ben ottomila i tifosi presenti sugli spalti dello stadio di Fano dove si è svolta la fase finale del campionato di categoria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie