Domenica 20 Gennaio 2019 | 13:37

NEWS DALLA SEZIONE

CARABINIERI
La storia delle teste di cuoio italianeraccontata dal comandante Alfa dei Gis

La storia delle teste di cuoio italiane
raccontata dal comandante Alfa dei Gis

 
DIFESA
In un anno bonificati 50mila ordigni inesplosiArtificieri e palombari al servizio del Paese

In un anno bonificati 50mila ordigni inesplosi
Artificieri e palombari al servizio del Paese

 
L'ACCORDO
Marina militare e Università di Bari insiemeSi rafforza la collaborazione con l'Ateneo

Marina militare e Università di Bari insieme
Si rafforza la collaborazione con l'Ateneo

 
IL REPORTAGE
La Brigata Pinerolo e la missione in Iraqun consuntivo dell'impegno fuori area

La Brigata Pinerolo e la missione in Iraq
un consuntivo dell'impegno fuori area

 
LA STORIA
Tscherkowo, l'inferno bianco degli italianila tragica ritirata descritta da chi c'era

Tscherkowo, l'inferno bianco degli italiani
la tragica ritirata descritta da chi c'era

 
ESERCITO
L'82° Reggimento fanteria "Torino"ricorda i caduti sul fronte russo

L'82° Reggimento fanteria "Torino"
ricorda i caduti sul fronte russo

 
L'ANALISI
"Sicurezza europea, coinvolgere la RussiaE nei Balcani Italia più protagonista"

"Sicurezza europea, coinvolgere la Russia
E nei Balcani Italia più protagonista"

 
ESERCITO
Con "ToroTen" si corre per beneficenzaBarletta, il 27 gennaio la gara più cool

Con "ToroTen" si corre per beneficenza
Barletta, il 27 gennaio la gara più cool

 
AFRICA
Mini tour di Conte in Niger e in CiadSono 92 i militari italiani a Niamey

Mini tour di Conte in Niger e in Ciad
Sono 92 i militari italiani a Niamey

 
IL PUNTO
Teheran verso arricchimento al 20 per centoRitiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

Teheran verso arricchimento al 20 per cento
Ritiro Usa dalla Siria, le critiche di Riad

 
L'INCHIESTA
Iraq, falde acquifere contaminatenel Paese dei fiumi Tigri e Eufrate

Iraq, falde acquifere contaminate
nel Paese dei fiumi Tigri e Eufrate

 

AERONAUTICA MILITARE

Galatina, l'Università del volo
forma i top-gun del futuro

Una storia di eccellenza made in Italy con il miglior sistema di addestramento integrato del mondo

Galatina, l'Università del voloforma i top-gun del futuro

I jet del 61° Stormo in volo

GALATINA – L’unica nota stonata sono gli ulivi divorati dalla xylella prima di arrivare alla base. Il colore argento delle chiome ha lasciato il posto ad un marrone ruggine simbolo di morte.
Il resto è vita: il parcheggio dei visitatori pieno, come quello del personale; il rombo dei jet accompagna le lezioni degli allievi; le lezioni ai simulatori scandiscono i ritmi della giornata.
L’aeroporto “Fortunato Cesari” di Galatina, ospita il 61° Stormo dell’Aeronautica militare. In questo angolo del Salento dal 1946 il Paese con le stellette forma i piloti da caccia, gli eredi di Francesco Baracca. Una storia di successo tutta italiana, di eccellenza tricolore, in grado di sgretolare miti e leggende. Perché qui nascono anche quelli che un domani diventeranno i top gun americani.


No, non è una fake news. Stati Uniti, Francia, Spagna, Austria, Grecia, Kuwait, Polonia, Singapore (l’elenco dei Paesi partner è lungo) hanno dovuto (qualcuno a malincuore) ammettere che il miglior sistema di addestramento integrato dei piloti è il nostro.
Il gioiello tecnologico attorno al quale gira il programma è il T-346A - per capirci, sta gradualmente sostituendo il velivolo MB339, quello delle Frecce Tricolori - costruito dalla Leonardo, l’unico in grado di formare i piloti che nei reparti operativi voleranno sui caccia di quarta e quinta generazione, come gli Eurofighter e gli F-35.


Le fasi addestrative a Galatina sono suddivise in tre livelli. Il secondo (il primo contatto con gli aerei a elica si svolge a Latina) serve a capire le attitudini dell’allievo. Se, cioè, dopo otto mesi di tirocinio, potrà dare il meglio sui jet, sugli elicotteri o sugli aerei da trasporto. Una volta superata la selezione, i futuri piloti da caccia restano nel Salento e affrontano le altre due fasi. Dai primi rudimentali concetti di combattimento aereo, al rifornimento in volo, alle missioni vere e proprie.
Per ottimizzare i costi si fa ricorso a quattro sofisticatissimi simulatori che riproducono esattamente cosa succede in volo, emergenze comprese. E’ qualcosa di più di un semplice videogioco. Il sistema è talmente sofisticato e avanzato al punto da poter condurre in tempo reale una missione al simulatore e una in volo, con due allievi diversi, inserendo contromisure, minacce, condizioni meteo particolari .


L’elettronica la fa a padrone anche sul T346. Questo però non è un limite, ma un vantaggio, in quanto il pilota si può concentrare esclusivamente sulla missione.
Oggi l’iter addestrativo prevede 80 voli e 80 missioni sul simulatore: a parità di ore di volo, rispetto al passato, la preparazione di un pilota “combat ready” è decisamente superiore.


Le potenzialità della base di Galatina, perfettamente integrata nel territorio, non è ancora al top. I margini di crescita sono ancora elevati. Tra qualche anno arriverà il T-345 che manderà definitivamente in pensione gli MB339 e sarà utilizzato nella seconda e nella terza fase del programma addestrativo. E aumenteranno gli spazi per ospitare gli allievi stranieri. Ci sono tre gruppi di volo (il 61° forma anche gli istruttori di volo) e un reparto manutenzione velivoli pronti a sintetizzare quotidianamente le capacità e la grinta che continuano a rendere unici gli italiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400