Venerdì 22 Gennaio 2021 | 23:14

NEWS DALLA SEZIONE

la storia
Da Gioia gli «angeli» del cielo: «Così abbiamo salvato i due alpinisti bloccati dal gelo»

Da Gioia gli «angeli» del cielo: «Così abbiamo salvato i due alpinisti bloccati dal gelo»

 
questa mattina
Corato, straniero dà in escandescenza in pieno centro: intervengono due militari dell'Esercito e lo bloccano

Corato, straniero dà in escandescenza in pieno centro: intervengono due militari dell'Esercito e lo bloccano

 
L'iniziativa
Foggia, i militari dell'Artiglieria dell'Esercito donano 320 chili di alimenti a mensa dei poveri

Foggia, i militari dell'Artiglieria dell'Esercito donano 320 chili di alimenti a mensa dei poveri

 
solidarietà
Foggia, Esercito impegnato nel sociale: gli artiglieri donano 320 kg di generi di prima necessità ai poveri

Foggia, Esercito impegnato nel sociale: artiglieri donano 320 kg di generi di prima necessità ai poveri

 
La novità
Aeronautica, a Galatina arrivano i primi due velivoli T-345A

Aeronautica, a Galatina arrivano i primi due velivoli T-345A

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Senegalese trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: indaga la Polfer

Uomo trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: si tratta di un senegalese, indaga la Polfer

 
BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Il personaggio

Lupo 1 vigila sulla base

Lupo 1 vigila sulla base

GIOIA DEL COLLE - “Niente nomi, per favore. Il nominativo radio va bene. Chi mi conosce sa chi sono, chi non mi deve conoscere è meglio che non sappia chi sono”. Ecco “Lupo 1”, il comandante del Gruppo protezione delle forze del 36° Stormo Caccia. Il suo compito? Far lavorare e dormire tutti serenamente. Fisico imponente, sguardo magnetico, quando parla è diretto, concreto. Niente fronzoli o giri di parole. Il perimetro della base è lungo più o meno 15 chilometri e va controllato, con discrezione, di giorno e di notte. Gli occhi e le antenne di “Lupo 1” sono dovunque, grazie alla tecnologia e ai suoi uomini (e donne) sempre all’erta. Attacchi convenzionali, terroristici, nucleari, batteriologici, intrusioni, incendi, sommosse, incidenti, ordigni improvvisati, droni. La lista della paura è diventata infinita. Ad ogni mossa è prevista una contromossa, come una infinita partita a scacchi. Il Gruppo protezione delle forze può affrontare qualsiasi minaccia con una preparazione adeguata grazie al poligono interno e ad una serie di attrezzature e di professionalità sulle quali c’è un alone impenetrabile di riservatezza: “Oggi il livello di allarme è Alfa plus”, spiega “Lupo 1”, con un pizzico di soddisfazione. Il cuore del meccanismo di sicurezza è una sala operativa dedicata attiva 24 ore su 24 dove arrivano e si valutano quotidianamente i contributi dell’intelligence e i dati della rete di sorveglianza della base.
Una chicca? Il software in grado di simulare l’esplosione di una “bomba sporca” e di monitorare minuto per minuto la direzione della nube radioattiva o tossica in base a venti, correnti e piogge. Nelle esercitazioni si sperimenta sempre il peggio, così da non essere mai impreparati: lo sversamento di una cisterna di ammoniaca, l’esplosione accidentale di un serbatoio di carburante, l’azione di un kamikaze. E’ l’unico modo per limitare e circoscrivere gli eventuali danni.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie