Domenica 17 Febbraio 2019 | 16:43

NEWS DALLA SEZIONE

Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 
criminalità
Mafia lucana fa flop, per l'operazione «Iena» solo due condanne

Mafia lucana, flop per operazione «Iena»: solo 2 condanne

 
Sollevamento pesi
A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

A Dubai un lucano sul tetto del mondo: vince la coppa paralimpica

 
Verso le regionali
Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Presidenza Regione»

Basilicata, Arbia (Sms) annuncia: «Mi candido a Governatore»

 
La visita
Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

Premier Conte l'11 a Potenza per il Piano di sviluppo

 
I 25 anni di Dookie
Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

Green Day: Billie Joe vuole festeggiare a Viggiano?

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLite sulle elezioni
San Severo, scazzottata nella sede della Lega per il candidato sindaco. Due espulsi, arriva il commissario

San Severo, rissa nella sede della Lega per il candidato sindaco. Il partito li caccia: non sono graditi

 
LecceNel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
TarantoLe dichiarazioni
Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

Emiliano a Taranto: «Il governo non può abbandonare ex Ilva»

 
BatLa protesta
Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

Trani senza pronto soccorso, i cittadini scendono in piazza

 
BariDa piazza del ferrarese
Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

Bari corre per il cuore, la partenza della Running Heart

 
BrindisiNel Brindisino
Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

Cisternino: era ricercato da 7 anni per droga, arrestato nella notte 39enne

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

Melfi

Fca, Punto al tramonto
e l' Alfa all'orizzonte

La piccola Fiat non più in produzione a fine estate. Ipotesi di mini suv. Incognita tempi

Fca, Punto al tramontoe l' Alfa all'orizzonte

Francesco Russo

MELFIC’è chi sostiene che avverrà entro l’estate. C’è chi pensa, invece, ai primi di settembre. Ma la sostanza cambia poco, perché la Punto fra pochi mesi non verrà più prodotta. Circostanza, questa, che potrebbe avere ripercussioni negative nello stabilimento Fca-Sata di Melfi.

Intanto iniziano a circolare indiscrezione rilanciate dai segretari regionale Uil Carmine Vaccaro e Uilm Marco Lomio. La «piccola» Fiat potrebbe essere sostituita da un Suv compatto a marchio Alfa Romeo creando una specializzazione in «crossover» per la fabbrica lucana. Si tratterebbe dell’erede della «MiTo» che accentuerebbe il carattere di sportività collocandosi su un segmento di mercato appetibile. Ma al momento si tratta solo di insiscrezioni anonime e qualcosa di più certo si potrà sapere solo con la presentazione dle piano quinquennale del gruppo prevista per il prossimo 1 giugno. E bisognerà anche capire, nel caso, quali saranno i tempi di messa in produzione.

Cosa fare in attesa del nuovo modello? Cosa succederà ai nuovi assunti, quelli con il contratto a tutele crescenti previsto dal «jobs act» dell’ex premier Matteo Renzi? Parliamo di 1.800 giovani lavoratori, il cui numero potrebbe essere ridimensionato. Ma c’è anche la questione degli operai assunti in somministrazione: nell’indotto ce ne sono un migliaio, ed almeno in 500 potrebbero non vedersi più rinnovato il contratto.

Della questione si parla spesso nelle ultime settimane, a livello sindacale e istituzionale. C’è chi lancia appelli o propone soluzioni. Una settimana fa, nel direttivo regionale della Fismic Confsal a Melfi, in vista delle prossime elezioni (da lunedì 12 al 17 marzo) per il rinnovo delle Rsu, era intervenuto il segretario generale del sindacato, Roberto Di Maulo, soffermandosi sul prossimo futuro dei lavoratori di Fca. «La produzione Punto – aveva commentato il leader Fismic - continuerà fino a tutta l’estate, seppur non a ritmo costante, ma comunque garantendo ai lavoratori la maturazione dei ratei e quindi con la migliore salvaguardia possibile della retribuzione. Successivamente - ha proseguito - è prevedibile che si debba aprire un confronto con l’azienda che, auspichiamo, possa prevedere l’utilizzo dei contratti di solidarietà che scongiuri la dichiarazione di oltre mille esuberi».

«La situazione - dice Marco Lomio, segretario regionale della Uilm - è sempre la stessa: aspettiamo con ansia il piano industriale del primo giugno, che dovrà prevedere sicuramente un nuovo modello per Melfi, stabilimento che per la sua alta produttività e per quello che ha rappresentato è un punto cardine del gruppo. Non sono preoccupato, in realtà - evidenzia - della perdita occupazionale, perché per come è stata impostata con gli investimenti degli ultimi anni, la fabbrica di Melfi senza i suoi 1800 giovani dovrebbe essere addirittura dismessa. Attraverseremo sicuramente - ammette Lomio - un periodo non felice, ma sono fiducioso».

In Basilicata, insomma, l’attenzione del sindacato è concentrata sul futuro della linea Punto, modello da tempo in discesa produttiva. Per il segretario regionale della Fim-Cisl, Gerardo Evangelista «il 2018 è l’anno giusto per investire sul dopo Punto portando a Melfi quello che chiediamo da tempo: un modello con motorizzazione ibrida e dotato delle più avanzate tecnologie di guida per conquistare fette di mercato nuove. C’è la necessità - ribadisce - di dare in tempi brevi un nuovo prodotto che saturi gli impianti e garantisca le piena occupazione. Il fine ciclo della Punto, però - aggiunge Evangelista - potrebbe comportare la necessità di utilizzare gli ammortizzatori o altre tipologie necessarie per gestire la fase dello stop della produzione riducendo l’impatto negativo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400