Sabato 27 Febbraio 2021 | 11:35

NEWS DALLA SEZIONE

I dati
Covid, i colori delle regioni: Basilicata è rossa, Puglia resta gialla. Teatri e cinema riaprono il 27/3

Covid, i colori delle regioni: Basilicata è rossa, Puglia resta gialla. Teatri e cinema riaprono il 27/3

 
Il virus
Covid, positivo il vescovo di Lagonegro ma sta bene

Covid, positivo il vescovo di Lagonegro ma sta bene

 
Il bollettino
Covid Basilicata, 90 positivi ( su 1.085 tamponi) e nessun decesso

Covid Basilicata, 90 positivi ( su 1.085 tamponi) e nessun decesso

 
L'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
Serie C
Troppi casi di Covid nella Cavese: rinviata gara col Potenza

Troppi casi di Covid nella Cavese: rinviata gara col Potenza

 
Il caso
Potenza, furti nei supermercati: foglio di via per tre romeni

Potenza, furti nei supermercati: foglio di via per tre romeni

 
la richiesta
Basilicata, Bardi incontra Brunetta: «La Regione sia protagonista in vista del del Recovery fund»

Basilicata, Bardi incontra Brunetta: «La Regione sia protagonista in vista del del Recovery fund»

 
dati regionali
Covid in Basilicata, crescono contagi (+169) su 1386 test: nessun decesso, indice positività schizza al 12%

Covid in Basilicata, crescono contagi (+169) su 1386 test: nessun decesso, indice positività schizza al 12%

 
La decisione
Potenza, fiammate a Tempa Rossa: sanzioni alla Total per 30 mila euro

Potenza, fiammate a Tempa Rossa: 30mila euro di multa a Total

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariNel barese
In trasferta dalla Sicilia a Monopoli per molestare showgirl: divieto di dimora in Puglia per un fan ossessionato

In trasferta dalla Sicilia a Monopoli per molestare showgirl: divieto di dimora in Puglia per un fan ossessionato

 
BatL'episodio
Trani, a fuoco portone del sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

Trani, a fuoco portone sindaco Bottaro: ieri l'ordinanza anti-stazionamento

 
FoggiaCoronavirus
Peschici, aumento contagi: sindaco chiude ristoranti e bar

Peschici, aumento contagi: sindaco chiude ristoranti e bar

 
LecceSi indaga
Lecce, rogo nel parcheggio dell'ospedale: a fuoco archivi cartelle cliniche 2018-19

Lecce, rogo nel parcheggio dell'ospedale: a fuoco archivi cartelle cliniche 2018-19

 
Covid news h 24Lotta al virus
Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

Vaccini, l'appello del sindaco di Matera a Bardi: «serve accelerazione»

 
TarantoIl siderurgico
Mittal al sindaco di Taranto: bisogna attendere l'esito del Consiglio di Stato

Taranto, Mittal al sindaco: su spegnimento impianti, attendere Consiglio di Stato. Melucci: «Minacce da no comment»

 
BrindisiIl ricordo
Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

Brindisi, 30 anni fa lo sbarco degli albanesi: in teatro uno spettacolo in streaming

 

il siderurgico

Il caos ex Ilva contagia anche l'Ente Irrigazione Lucano

Conti a rischio senza le risorse provenienti dall'acciaieria ionica

Il caos ex Ilva contagia anche l'Ente Irrigazione Lucano

Il colpo di grazia per il già «barcollante» Ente Irrigazione (Eipli). A staccare la spina al malato terminale sarà Arcelor Mittal: il cataclisma che ha travolto l’ex Ilva di Taranto avrà pesantissime ripercussioni sull’ente, dal momento che l’acciaieria era - tra i grandi utenti dell’Eipli - l’unico che pagava con puntualità il servizio idrico, al pari di Acquedotto Pugliese e Fca. Solo dai Consorzi di bonifica della Basilicata, poi confluiti in un unico organismo, l’ente avanza qualcosa come 24 milioni di euro. Nel frattempo lo stesso Eipli è debitore nei confronti della Regione Basilicata che ha avviato un’azione di pignoramento per recuperare circa 6 milioni. Un corto circuito, insomma, determinato anche dal fatto che in base a un accordo i consorzi dovevano versare a rate quanto devono all’ente e la Regione, nel frattempo, avrebbe temporeggiato per riscuotere il suo credito. Dal consorzio l’Eipli non ha ricevuto un euro e gli uffici di viale Verrastro hanno deciso di agire giudizialmente nei confronti del debitore.
In questo contesto s’inseriscono i guai dell’ex Ilva. Come farà l’Eipli a reggere ancora senza la sponda economica della fabbrica tarantina?

Di qui la necessità di accelerare il processo di una nuova Spa che coinvolga Puglia, Basilicata e Irpinia, sollecitata dal sottosegretario lucano Salvatore Margiotta durante la Conferenza Istituzionale Permanente delle Autorità di Bacino Distrettuale, presieduta dal ministro Costa. Intervenuto in rappresentanza del Ministero delle Infrastrutture, Margiotta ha sottolineato l’importanza per le regioni meridionali della costituzione della «Società per lo Sviluppo dell’Irrigazione e la Trasformazione Fondiaria in Puglia, Basilicata e Irpinia» in sostituzione del collassato Eipli: «Si tratta - ha precisato il parlamentare lucano - di una straordinaria opportunità per rilanciare la gestione della risorsa idrica nel Mezzogiorno addivenendo finalmente a una soluzione della quale si parla senza successo da quasi venti anni. La società, che sarà costituita dal Mef, vedrà successivamente la partecipazione   delle Regioni Basilicata, Puglia e Campania, ciascuna in ragione  della disponibilità di acqua e della infrastrutturazione primaria per accumulo, adduzione e captazione. Ciò consentirà tra l’altro - ha aggiunto Margiotta - di affrontare rapidamente l’emergente questione della sicurezza delle dighe, delle manutenzioni, nonché del personale, sia quello a tempo indeterminato che quello precario. 

Da parte mia - ha assicurato il sottosegretario - considerato che l’operazione è di competenza del Mef che secondo la legge agisce di concerto con il Mit, il Ministero dell’Agricoltura e il Ministero del Mezzogiorno, assicuro ogni impegno per realizzare un traguardo storico per il Mezzogiorno». 
È una corsa contro il tempo. Già a ottobre Arcelor Mittal non ha versato un euro a Eipli e se non ci saranno sviluppi positivi sulla vicenda tarantina l’ente è destinato a perdere uno dei vertici del suo «triangolo di sostentamento» (ex Ilva, Fca e Acquedotto Pugliese).

Per oltre quaranta anni, lo ricordiamo, l’Ente Irrigazione è stato in gestione commissariale, e dal 2011 è stato soppresso e posto in liquidazione, per essere sostituito da un nuovo soggetto. In un contesto di silenzi e immobilismo, la situazione di crisi dell’Eipli è andata sempre peggiorando a causa della enorme massa debitoria esistente, il completamento delle importanti opere idrauliche si è arrestato, la gestione liquidatoria è stata assegnata a quella commissariale. Il Mef, sulla scia di una norma contenuta nel «Decreto crescita» del precedente governo nazionale, potrà procedere (speditamente, si spera) per dare un nuovo assetto alla gestione idrica in Puglia, Basilicata e Irpinia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie