Venerdì 14 Agosto 2020 | 22:20

NEWS DALLA SEZIONE

Il fenomeno
Nonni senza nipoti e sposano la politica

Nonni lucani lasciati senza nipoti, sposano la politica

 
Il caso
A Potenza città 2 assessori col Bonus Inps

A Potenza 2 assessori col bonus Inps: maggioranza in imbarazzo

 
Il caso
Obbligo di soggiorno a Canosa, ma è a Lavello in Basilicata: arrestato

Obbligo di soggiorno a Canosa, ma è a Lavello in Basilicata: arrestato

 
Il virus
Coronavirus, positivi 4 giovani lucani: sono appena tornati da Malta

Coronavirus, positivi 4 giovani lucani: sono appena tornati da Malta

 
L'ESTATE DEL COVID
Matera, aperti per ferie: così i negozi cercano di rifarsi

Basilicata, aperti per ferie: così i negozi cercano di rifarsi

 
IL CASO

Aiuti alle imprese colpite da crisi: c'è un caso Viggiano, il sindaco prende i soldi del bando comunale

 
POLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
l'iniziativa del comune
Offerta ai turisti del Pollino. Dormi 2 notti, ne paghi una

Rotonda, offerta ai turisti nel Pollino: dormi 2 notti, ne paghi una

 
LA TRAGEDIA nel potentino
Donna muore a Rionero investita dal suo furgone

Donna muore a Rionero in Vulture investita dal suo furgone

 
Contagi
Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

 
Il caso
Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

Bari, squadra ancora senza allenatore né ds

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoa lido azzurro
Taranto, paura in spiaggia: due ragazzini scomparsi, ritrovati da polizia locale

Taranto, paura in spiaggia: due ragazzini scomparsi, ritrovati da polizia locale

 
Brindisil'evento
Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

Fasano, il 22 agosto arriva Daniele Silvestri con «La cosa giusta» tour

 
Foggiaestate
Troppe barche alle Tremiti, il sindaco: «Non tutti rispettano le regole»

Troppe barche alle Tremiti, il sindaco: «Non tutti rispettano le regole»

 
Barimobilità
Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

Bari, furti e danni ai monopattini elettrici, Decaro: «Vi scoveremo»

 
Batdipendente amiu
Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

Trani, colpito da macchina compattatrice mentre raccoglie rifiuti: in Rianimazione

 
Materaa 38 anni
Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

Matera, minaccia di morte la nonna con una catena per avere soldi: arrestato

 
PotenzaIl fenomeno
Nonni senza nipoti e sposano la politica

Nonni lucani lasciati senza nipoti, sposano la politica

 
LecceIl fatto
Nardò: «Augurate la morte ai profughi, vergogna»

Nardò, il parroco tuona: «Augurate la morte ai bimbi profughi, vergogna»

 

i più letti

il siderurgico

Il caos ex Ilva contagia anche l'Ente Irrigazione Lucano

Conti a rischio senza le risorse provenienti dall'acciaieria ionica

Il caos ex Ilva contagia anche l'Ente Irrigazione Lucano

Il colpo di grazia per il già «barcollante» Ente Irrigazione (Eipli). A staccare la spina al malato terminale sarà Arcelor Mittal: il cataclisma che ha travolto l’ex Ilva di Taranto avrà pesantissime ripercussioni sull’ente, dal momento che l’acciaieria era - tra i grandi utenti dell’Eipli - l’unico che pagava con puntualità il servizio idrico, al pari di Acquedotto Pugliese e Fca. Solo dai Consorzi di bonifica della Basilicata, poi confluiti in un unico organismo, l’ente avanza qualcosa come 24 milioni di euro. Nel frattempo lo stesso Eipli è debitore nei confronti della Regione Basilicata che ha avviato un’azione di pignoramento per recuperare circa 6 milioni. Un corto circuito, insomma, determinato anche dal fatto che in base a un accordo i consorzi dovevano versare a rate quanto devono all’ente e la Regione, nel frattempo, avrebbe temporeggiato per riscuotere il suo credito. Dal consorzio l’Eipli non ha ricevuto un euro e gli uffici di viale Verrastro hanno deciso di agire giudizialmente nei confronti del debitore.
In questo contesto s’inseriscono i guai dell’ex Ilva. Come farà l’Eipli a reggere ancora senza la sponda economica della fabbrica tarantina?

Di qui la necessità di accelerare il processo di una nuova Spa che coinvolga Puglia, Basilicata e Irpinia, sollecitata dal sottosegretario lucano Salvatore Margiotta durante la Conferenza Istituzionale Permanente delle Autorità di Bacino Distrettuale, presieduta dal ministro Costa. Intervenuto in rappresentanza del Ministero delle Infrastrutture, Margiotta ha sottolineato l’importanza per le regioni meridionali della costituzione della «Società per lo Sviluppo dell’Irrigazione e la Trasformazione Fondiaria in Puglia, Basilicata e Irpinia» in sostituzione del collassato Eipli: «Si tratta - ha precisato il parlamentare lucano - di una straordinaria opportunità per rilanciare la gestione della risorsa idrica nel Mezzogiorno addivenendo finalmente a una soluzione della quale si parla senza successo da quasi venti anni. La società, che sarà costituita dal Mef, vedrà successivamente la partecipazione   delle Regioni Basilicata, Puglia e Campania, ciascuna in ragione  della disponibilità di acqua e della infrastrutturazione primaria per accumulo, adduzione e captazione. Ciò consentirà tra l’altro - ha aggiunto Margiotta - di affrontare rapidamente l’emergente questione della sicurezza delle dighe, delle manutenzioni, nonché del personale, sia quello a tempo indeterminato che quello precario. 

Da parte mia - ha assicurato il sottosegretario - considerato che l’operazione è di competenza del Mef che secondo la legge agisce di concerto con il Mit, il Ministero dell’Agricoltura e il Ministero del Mezzogiorno, assicuro ogni impegno per realizzare un traguardo storico per il Mezzogiorno». 
È una corsa contro il tempo. Già a ottobre Arcelor Mittal non ha versato un euro a Eipli e se non ci saranno sviluppi positivi sulla vicenda tarantina l’ente è destinato a perdere uno dei vertici del suo «triangolo di sostentamento» (ex Ilva, Fca e Acquedotto Pugliese).

Per oltre quaranta anni, lo ricordiamo, l’Ente Irrigazione è stato in gestione commissariale, e dal 2011 è stato soppresso e posto in liquidazione, per essere sostituito da un nuovo soggetto. In un contesto di silenzi e immobilismo, la situazione di crisi dell’Eipli è andata sempre peggiorando a causa della enorme massa debitoria esistente, il completamento delle importanti opere idrauliche si è arrestato, la gestione liquidatoria è stata assegnata a quella commissariale. Il Mef, sulla scia di una norma contenuta nel «Decreto crescita» del precedente governo nazionale, potrà procedere (speditamente, si spera) per dare un nuovo assetto alla gestione idrica in Puglia, Basilicata e Irpinia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie