Giovedì 23 Gennaio 2020 | 21:35

NEWS DALLA SEZIONE

Dopo la tragedia
Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

 
I dati del 2019
Potenza, allarme inquinamento: per 50 giorni superato il limite dello smog

Potenza, allarme inquinamento: per 50 giorni superato il limite dello smog

 
dopo la tragedia
Tifosi investiti: cominciati interrogatori dei 26 arrestati

Tifosi investiti, Prefetto: «Morte non resti senza conseguenze»

 
tragedia di vaglio scalo
Tifoso lucano ucciso, c'è un'auto fantasma: spunta l'ipotesi staffetta

Tifoso lucano ucciso, c'è un'auto fantasma: spunta l'ipotesi staffetta

 
Per non dimenticare
Potenza, uno striscione per ricordare il sostenitore Vultur ucciso

Potenza, uno striscione per ricordare il sostenitore Vultur ucciso

 
I finanziamenti
Potenza, in arrivo 7 milioni dalla Regione per il settore ortofrutticolo

Potenza, in arrivo 7 milioni dalla Regione per il settore ortofrutticolo

 
serie c
Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

 
La decisione
Lite tra tifoserie, muore un 33enne: 25 persone in carcere

Lite tra tifoserie lucane, muore 33enne: 26 persone in carcere. Autista arrestato: «Ero circondato, avevo paura» FOTO

 

Il Biancorosso

contro la Reggina
Bari, Vivarini già guarda alla trasferta calabrese: «Testa alla partita di domenica»

Bari, Vivarini già guarda alla trasferta calabrese: «Testa alla partita di domenica»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaDopo la tragedia
Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

 
TarantoLa decisione
Ex Ilva, Ministero del Lavoro: autorizzata Cig fino a fine 2020

Ex Ilva, Ministero del Lavoro: autorizzata Cig fino a fine 2020

 
BariAmbiente
La birra Peroni taglia le emissioni di CO2 del 30%

La birra Peroni taglia le emissioni di CO2 del 30%

 
FoggiaIl procedimento
Foggia, pioggia di interdittive antimafia: nel mirino 10 tra imprenditori e commercianti

Foggia, pioggia di interdittive antimafia: nel mirino 10 tra imprenditori e commercianti

 
Batnel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 
BrindisiIl caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Leccenel Leccese
Nardò, 91enne trovata a casa nel sangue, muore in ospedale: è giallo

Nardò, 91enne trovata a casa nel sangue, muore in ospedale: è giallo

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi (VD)

 

i più letti

il siderurgico

Il caos ex Ilva contagia anche l'Ente Irrigazione Lucano

Conti a rischio senza le risorse provenienti dall'acciaieria ionica

Il caos ex Ilva contagia anche l'Ente Irrigazione Lucano

Il colpo di grazia per il già «barcollante» Ente Irrigazione (Eipli). A staccare la spina al malato terminale sarà Arcelor Mittal: il cataclisma che ha travolto l’ex Ilva di Taranto avrà pesantissime ripercussioni sull’ente, dal momento che l’acciaieria era - tra i grandi utenti dell’Eipli - l’unico che pagava con puntualità il servizio idrico, al pari di Acquedotto Pugliese e Fca. Solo dai Consorzi di bonifica della Basilicata, poi confluiti in un unico organismo, l’ente avanza qualcosa come 24 milioni di euro. Nel frattempo lo stesso Eipli è debitore nei confronti della Regione Basilicata che ha avviato un’azione di pignoramento per recuperare circa 6 milioni. Un corto circuito, insomma, determinato anche dal fatto che in base a un accordo i consorzi dovevano versare a rate quanto devono all’ente e la Regione, nel frattempo, avrebbe temporeggiato per riscuotere il suo credito. Dal consorzio l’Eipli non ha ricevuto un euro e gli uffici di viale Verrastro hanno deciso di agire giudizialmente nei confronti del debitore.
In questo contesto s’inseriscono i guai dell’ex Ilva. Come farà l’Eipli a reggere ancora senza la sponda economica della fabbrica tarantina?

Di qui la necessità di accelerare il processo di una nuova Spa che coinvolga Puglia, Basilicata e Irpinia, sollecitata dal sottosegretario lucano Salvatore Margiotta durante la Conferenza Istituzionale Permanente delle Autorità di Bacino Distrettuale, presieduta dal ministro Costa. Intervenuto in rappresentanza del Ministero delle Infrastrutture, Margiotta ha sottolineato l’importanza per le regioni meridionali della costituzione della «Società per lo Sviluppo dell’Irrigazione e la Trasformazione Fondiaria in Puglia, Basilicata e Irpinia» in sostituzione del collassato Eipli: «Si tratta - ha precisato il parlamentare lucano - di una straordinaria opportunità per rilanciare la gestione della risorsa idrica nel Mezzogiorno addivenendo finalmente a una soluzione della quale si parla senza successo da quasi venti anni. La società, che sarà costituita dal Mef, vedrà successivamente la partecipazione   delle Regioni Basilicata, Puglia e Campania, ciascuna in ragione  della disponibilità di acqua e della infrastrutturazione primaria per accumulo, adduzione e captazione. Ciò consentirà tra l’altro - ha aggiunto Margiotta - di affrontare rapidamente l’emergente questione della sicurezza delle dighe, delle manutenzioni, nonché del personale, sia quello a tempo indeterminato che quello precario. 

Da parte mia - ha assicurato il sottosegretario - considerato che l’operazione è di competenza del Mef che secondo la legge agisce di concerto con il Mit, il Ministero dell’Agricoltura e il Ministero del Mezzogiorno, assicuro ogni impegno per realizzare un traguardo storico per il Mezzogiorno». 
È una corsa contro il tempo. Già a ottobre Arcelor Mittal non ha versato un euro a Eipli e se non ci saranno sviluppi positivi sulla vicenda tarantina l’ente è destinato a perdere uno dei vertici del suo «triangolo di sostentamento» (ex Ilva, Fca e Acquedotto Pugliese).

Per oltre quaranta anni, lo ricordiamo, l’Ente Irrigazione è stato in gestione commissariale, e dal 2011 è stato soppresso e posto in liquidazione, per essere sostituito da un nuovo soggetto. In un contesto di silenzi e immobilismo, la situazione di crisi dell’Eipli è andata sempre peggiorando a causa della enorme massa debitoria esistente, il completamento delle importanti opere idrauliche si è arrestato, la gestione liquidatoria è stata assegnata a quella commissariale. Il Mef, sulla scia di una norma contenuta nel «Decreto crescita» del precedente governo nazionale, potrà procedere (speditamente, si spera) per dare un nuovo assetto alla gestione idrica in Puglia, Basilicata e Irpinia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie