Giovedì 23 Gennaio 2020 | 21:49

NEWS DALLA SEZIONE

Dopo la tragedia
Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

 
I dati del 2019
Potenza, allarme inquinamento: per 50 giorni superato il limite dello smog

Potenza, allarme inquinamento: per 50 giorni superato il limite dello smog

 
dopo la tragedia
Tifosi investiti: cominciati interrogatori dei 26 arrestati

Tifosi investiti, Prefetto: «Morte non resti senza conseguenze»

 
tragedia di vaglio scalo
Tifoso lucano ucciso, c'è un'auto fantasma: spunta l'ipotesi staffetta

Tifoso lucano ucciso, c'è un'auto fantasma: spunta l'ipotesi staffetta

 
Per non dimenticare
Potenza, uno striscione per ricordare il sostenitore Vultur ucciso

Potenza, uno striscione per ricordare il sostenitore Vultur ucciso

 
I finanziamenti
Potenza, in arrivo 7 milioni dalla Regione per il settore ortofrutticolo

Potenza, in arrivo 7 milioni dalla Regione per il settore ortofrutticolo

 
serie c
Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

Tifosi investiti: curva del Potenza in lutto, niente trasferta

 
La decisione
Lite tra tifoserie, muore un 33enne: 25 persone in carcere

Lite tra tifoserie lucane, muore 33enne: 26 persone in carcere. Autista arrestato: «Ero circondato, avevo paura» FOTO

 

Il Biancorosso

contro la Reggina
Bari, Vivarini già guarda alla trasferta calabrese: «Testa alla partita di domenica»

Bari, Vivarini già guarda alla trasferta calabrese: «Testa alla partita di domenica»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaDopo la tragedia
Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

Tifosi investiti, l'autista di Melfi resta in carcere: indagato per omicidio

 
TarantoLa decisione
Ex Ilva, Ministero del Lavoro: autorizzata Cig fino a fine 2020

Ex Ilva, Ministero del Lavoro: autorizzata Cig fino a fine 2020

 
BariAmbiente
La birra Peroni taglia le emissioni di CO2 del 30%

La birra Peroni taglia le emissioni di CO2 del 30%

 
FoggiaIl procedimento
Foggia, pioggia di interdittive antimafia: nel mirino 10 tra imprenditori e commercianti

Foggia, pioggia di interdittive antimafia: nel mirino 10 tra imprenditori e commercianti

 
Batnel nordbarese
Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

Andria, sorpresi mentre cannibalizzano un Suv rubato poco prima: arrestati in 2

 
BrindisiIl caso
Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

Brindisi, Pd moroso: udienza di sfratto per sede del Pd

 
Leccenel Leccese
Nardò, 91enne trovata a casa nel sangue, muore in ospedale: è giallo

Nardò, 91enne trovata a casa nel sangue, muore in ospedale: è giallo

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi (VD)

 

i più letti

il rapporto

Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

Servizi ai cittadini, i numeri di Openpolis: a Potenza è di 632 euro pro capite, a Matera di 610 euro

Fabbisogni standard: Basilicata tra gli ultimi

Guardia Perticara è il comune lucano con il maggiore fabbisogno standard per abitante: con i suoi 1.033,37 euro pro capite, infatti, non solo precede tutti i centri della nostra regione ma registra un tasso superiore del +48,21% rispetto alla media dei comuni di uguale fascia demografica. Subito dietro si posiziona Armento, con 943,71 euro pro capite (+35,35% rispetto ai comuni della stessa fascia demografica), seguito da Aliano, con 870,39 euro ad abitante (+40,41).
La stima è contenuta in un report di Openpolis, elaborato sulla base dei dati Sose, dal quale si evince che in Basilicata la media dei fabbisogni standard per abitante è di 589,10 euro e che la nostra regione, insieme a tutte le altre del Mezzogiorno, si posiziona agli ultimi posti in Italia, esattamente il quint’ultimo. La classifica vede al primo posto il Lazio con 765 euro per abitante, e, all’ultimo, la Calabria, con un fabbisogno di circa 536 euro pro capite. Tornando alla Basilicata, nel Comune di Potenza il fabbisogno registrato è di 623,12 euro pro capite (-3,91% rispetto ai centri con la stessa dotazione demografica), mentre a Matera di 610,64 euro (-5,83%).


Tra i Comuni non capoluogo più popolosi alcuni evidenziano un fabbisogno superiore rispetto alla media dei centri con uguale popolazione. Altri, invece, una situazione opposta. Nella prima fattispecie troviamo Melfi (601,99 euro di fabbisogno e +4,05%), Lauria (588,84 e +1,78) e Policoro (585,63 euro ad abitante, +1,22). Nella seconda, invece, si posizionano Pisticci (557,25 euro, -3,68%), Lavello (504,86, -12,74), Rionero in Vulture (541,77, -6,36) e Venosa (523,33, -9,54). Bernalda e Avigliano, invece, non si discostano molto dalla media di gruppo (rispettivamente 581,35 e +0,48%; 573,01 e -0,96).
Ma cosa si intende per fabbisogno standard? Ci riferiamo alle risorse finanziarie necessarie ai comuni per svolgere le funzioni fondamentali e garantire i servizi essenziali ai cittadini. Si tratta, a ben vedere, di un dato importante, nell’ottica della riduzione delle disparità e del contrasto allo spopolamento, in quanto la presenza di servizi accessibili e di qualità sul territorio in cui si vive è fondamentale. Per esempio la presenza di scuole e servizi per l’infanzia, di mezzi pubblici efficienti, migliora la qualità della vita dei cittadini, che trovano sul proprio territorio i servizi di cui necessitano. Molti di questi servizi indispensabili sono forniti proprio dai comuni, l’istituzione più prossima ai cittadini. Tuttavia, le amministrazioni locali spesso non hanno i fondi e gli strumenti necessari per svolgere questo ruolo, provocando un divario tra cittadini che vivono in territori dotati di risorse e chi vive, invece, in aree svantaggiate.

A sopperire alle carenze dovrebbe intervenire l’amministrazione centrale attraverso il fondo perequativo, previsto e regolato dal Titolo V della Costituzione, da un ventennio modificato. Proprio le disfunzioni di questo fondo perequativo e, in buona sostanza, dello stesso Titolo V, come spiegato qui di fianco, generano quel corto circuito cui vanno incontro i comuni che hanno meno risorse. I quali spendendo di meno fanno registrare un fabbisogno inferiore e, quindi, una “falsa” minore necessità di fondi statali, quando invece ne avrebbero maggiore bisogno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie