Lunedì 01 Giugno 2020 | 11:24

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza
Potenza, la vendetta per la denuncia dopo 7 anni: aggredito un uomo

Potenza, vendetta per la denuncia dopo 7 anni: aggredito un uomo

 
VIOLENZA
Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

Lagonegro, tentò di violentare la figlia dell'amante, condannato

 
L'onorificenza
L'imprenditore Umberto Pesce tra i Cavalieri del Lavoro

Basilicata, l'imprenditore Umberto Pesce tra i Cavalieri del Lavoro

 
fase 2
2 giugno, riaprono 3 musei in Basilicata

2 giugno, riaprono 3 musei in Basilicata

 
Crisi
Melfi, altro stop: l’auto non tira, frenata a 500X e Jeep Renegade

Melfi, altro stop: l’auto non tira, frenata a 500X e Jeep Renegade

 
Temporali
Maltempo Puglia

Puglia e Basilicata, maltempo da brividi: prima la shelf cloud e poi la maxi grandinata

 
In Basilicata
Rionero, vinti oltre 33 milioni con l' Eurojackpot

La fortuna bacia Rionero, vinti oltre 33 milioni con l'Eurojackpot

 
La decisione
 Crob Rionero

Rionero, da domani stop alla sigarette all'Ospedale oncologico regionale

 
In basilicata
Covid, screening sui lucani: solo uno su tre accetta il test

Covid, screening sui lucani: solo uno su tre accetta il test

 
cetaceo spiaggiato
Maratea, delfino morto trovato tra gli scogli della darsena

Maratea, delfino morto trovato tra gli scogli della darsena

 
Oggi la festa
Potenza, «San Gerard prutettor»: la voce di Michela Sabia  omaggia il Santo Patrono

Potenza, «San Gerard prutettor»: la voce di Michela Sabia omaggia il Santo Patrono

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, servirà un’estate di fuoco. I playoff con tante mine vaganti

Bari, servirà un’estate di fuoco. I play-off con tante mine vaganti

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materanel Materano
Grassano, ladri strappano la cassaforte dell'ufficio postale

Grassano, ladri «strappano» la cassaforte dell'ufficio postale

 
PotenzaViolenza
Potenza, la vendetta per la denuncia dopo 7 anni: aggredito un uomo

Potenza, vendetta per la denuncia dopo 7 anni: aggredito un uomo

 
TarantoLa Provincia
Taranto, riprendono i lavori per la tangenziale Sud

Taranto, riprendono i lavori per la tangenziale Sud

 
BrindisiInquinamento
Brindisi, il sindaco: sblocco se Versalisi investe su salute e lavoro

Brindisi, il sindaco Rossi: «Sblocco se Versalis investe su salute e lavoro»

 
BatCultura
Trani, ecco le idee per far rivivere il vecchio Conservatorio

Trani,ex Conservatorio: ecco le idee per farlo rivivere

 
BariCassa integrazione
Bari, l’Inps accelera boccata d’ossigeno per i lavoratori

Bari, l’Inps accelera: boccata d’ossigeno per i lavoratori

 
LecceIL DIBATTITO
Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

Lecce, su rete 5g esperti al lavoro

 

i più letti

A San Nicola di Melfi

Volevano bruciare le erbacce: incenerita un’azienda lucana

Devastata la «Plastiche Melfi», ditta dell’indotto dell’auto. La fabbrica era chiusa per ferie

Volevano bruciare le erbacce: incenerita un’azienda lucana

SAN NICOLA DI MELFI - Qualcuno voleva fare pulizia di erbacce ma ha mandato in cenere un’azienda. Sarebbe questa l’origine dell’incendio che ieri pomeriggio ha devastato la «Plastiche Melfi», azienda dell’indotto automobilistico che dà lavoro a 65 persone. O, meglio, che dava lavoro visto che lo stabilimento è totalmente distrutto, magazzino incluso, al punto da destare timori anche per le forniture al gruppo Fca e in particolare allo stabilimento di Val di Sangro.
Il rogo è partito intorno alle 15 dai campi che lambiscono l’area industriale. Stando alle ipotesi più accreditate qualcuno avrebbe appiccato il fuoco alle erbacce, per pulire i campi, ma senza le necessarie cautele e senza considerare che il caldo di questi giorni e il vento presente ieri avrebbe favorito il propagarsi delle fiamme. Ed è ciò che è successo.
Il fuoco giunto nel piazzale dello stabilimento ha trovato nuova alimentazione nei depositi di materiale plastico e si è propagato in un baleno alla struttura produttiva devastando, anche con alcuni scoppi, locali e macchinari, mentre una nuvola di fumo nerissimo si alzava al cielo e nei centri vicini, Melfi e Lavello, si iniziava ad avvertire un odore acre al punto da spinger il sindaco della città federiciana, Livio Valvano, a chiedere l’intervento dell’Arpab che ha inviato sul posto una squadra di tecnici con gli strumenti di rilevamento. Escluso il rischio nube tossica ma le analisi saranno ripetute nelle prossime ore.
Non c’è bisogno invece di aspettare oltre, invece, per capire che lo stabilimento è inservibile, al punto da far temere un collasso della struttura tanto che i Vigili del fuoco hanno lavorato dall’esterno per 5 ore per domare le fiamme. L’azienda era chiusa e le attività sarebbero riprese solamente lunedì 26, cosa che ora appare impossibile. Per la Fca, intanto, resta da valutare la disponibilità di scorte e valutare l’attivazione di altri fornitori per evitare ripercussioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie