Venerdì 20 Settembre 2019 | 01:17

NEWS DALLA SEZIONE

Sul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
Tragedia sfiorata
Potenza, in fiamme bus pieno di studenti: tutti illesi, danni a 3 auto

Potenza, in fiamme bus pieno di studenti: tutti illesi, danni a 3 auto

 
A Chiaromonte
In casa fucili e piante di cannabis: arrestato 31enne nel Potentino

In casa fucili e piante di cannabis: arrestato 31enne nel Potentino

 
A Sant'Arcangelo
Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

 
La decisione
Concorsi in Regione, giunta dispone scorrimento graduatorie

Concorsi in Regione, giunta dispone scorrimento graduatorie

 
A Londra
Birra lucana bissa titolo campione del mondo

Birra lucana bissa titolo campione del mondo

 
La challenge
Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

 
A reggio emilia
La birra è troppo fredda, 39enne del Potentino tenta di strangolare una barista

La birra è troppo fredda, 39enne del Potentino tenta di strangolare una barista

 
Le dichiarazioni
AstroSamantha a Potenza, «L'esperienza con la Cina? Molto significativa»

AstroSamantha a Potenza, «L'esperienza con la Cina? Molto significativa»

 
Ambiente
Tempa Rossa, sorpresa gas: ai lucani vanno le briciole

Tempa Rossa, sorpresa gas: ai lucani vanno le briciole

 
Legge Lorenzin
Basilicata, tutti i bambini vaccinati: nessuno stop all'ingresso delle scuole

Basilicata, tutti i bambini vaccinati: nessuno stop all'ingresso delle scuole

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
TarantoNel tarantino
Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

Martina Franca, asinelli incatenati e feriti: denunciato allevatore

 
PotenzaSul raccordo Potenza-Sicignano
Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

Furgone portavalori si schianta sul guardrail nel Potentino: un ferito

 
MateraTentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 
BatLa proposta
Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

Barletta, un'app sui cellulari per segnalare i cattivi odori

 
Foggianel foggiano
Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

Cerignola, polizia scopre autorimessa centrale del riciclaggio: 3 arresti

 
BrindisiNel Brindisino
Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

Villa Castelli, il paese festeggia la prima unione civile

 

i più letti

A San Nicola di Melfi

Volevano bruciare le erbacce: incenerita un’azienda lucana

Devastata la «Plastiche Melfi», ditta dell’indotto dell’auto. La fabbrica era chiusa per ferie

Volevano bruciare le erbacce: incenerita un’azienda lucana

SAN NICOLA DI MELFI - Qualcuno voleva fare pulizia di erbacce ma ha mandato in cenere un’azienda. Sarebbe questa l’origine dell’incendio che ieri pomeriggio ha devastato la «Plastiche Melfi», azienda dell’indotto automobilistico che dà lavoro a 65 persone. O, meglio, che dava lavoro visto che lo stabilimento è totalmente distrutto, magazzino incluso, al punto da destare timori anche per le forniture al gruppo Fca e in particolare allo stabilimento di Val di Sangro.
Il rogo è partito intorno alle 15 dai campi che lambiscono l’area industriale. Stando alle ipotesi più accreditate qualcuno avrebbe appiccato il fuoco alle erbacce, per pulire i campi, ma senza le necessarie cautele e senza considerare che il caldo di questi giorni e il vento presente ieri avrebbe favorito il propagarsi delle fiamme. Ed è ciò che è successo.
Il fuoco giunto nel piazzale dello stabilimento ha trovato nuova alimentazione nei depositi di materiale plastico e si è propagato in un baleno alla struttura produttiva devastando, anche con alcuni scoppi, locali e macchinari, mentre una nuvola di fumo nerissimo si alzava al cielo e nei centri vicini, Melfi e Lavello, si iniziava ad avvertire un odore acre al punto da spinger il sindaco della città federiciana, Livio Valvano, a chiedere l’intervento dell’Arpab che ha inviato sul posto una squadra di tecnici con gli strumenti di rilevamento. Escluso il rischio nube tossica ma le analisi saranno ripetute nelle prossime ore.
Non c’è bisogno invece di aspettare oltre, invece, per capire che lo stabilimento è inservibile, al punto da far temere un collasso della struttura tanto che i Vigili del fuoco hanno lavorato dall’esterno per 5 ore per domare le fiamme. L’azienda era chiusa e le attività sarebbero riprese solamente lunedì 26, cosa che ora appare impossibile. Per la Fca, intanto, resta da valutare la disponibilità di scorte e valutare l’attivazione di altri fornitori per evitare ripercussioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie