Domenica 17 Gennaio 2021 | 01:49

NEWS DALLA SEZIONE

zona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
dati regionali
Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2%

Covid in Basilicata, altri 2 decessi e 89 nuovi contagi (su 790 tamponi): tasso di positività all'11,2% e trend in aumento

 
L'emergenza
Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al piano regionale. Si potranno eliminare 5.600 esemplari

Basilicata, abbattimento cinghiali: sì al Piano regionale. Coldiretti: «C'è altro da fare»

 
sanità
Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

Potenza, cure domiciliari: il Tar boccia il bando lucano

 
L'emergenza
Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%)

Vaccini anti covid, in Basilicata somministrate 7.261 dosi (52,8%). Anci: «Nessuno conosce il piano»

 
la «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Difesa ambiente
No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

No a deposito nucleare: Basilicata e Puglia stabiliscono un percorso comune

 
Il caso
Tempa Rossa, Total lancia app per il monitoraggio ambientale

Tempa Rossa, Total lancia app per il monitoraggio ambientale

 
migranti
Venosa, centro accoglienza Boreano intitolato al bracciante Girasole

Venosa, centro accoglienza Boreano intitolato al bracciante Girasole

 
acqua, soldi e lavoro
Basilicata, dopo la grave siccità dighe piene: 84 milioni di metri cubi in più rispetto all'anno scorso

Basilicata, dopo la grave siccità dighe piene: 84 milioni di metri cubi in più rispetto all'anno scorso

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

A San Nicola di Melfi

Volevano bruciare le erbacce: incenerita un’azienda lucana

Devastata la «Plastiche Melfi», ditta dell’indotto dell’auto. La fabbrica era chiusa per ferie

Volevano bruciare le erbacce: incenerita un’azienda lucana

SAN NICOLA DI MELFI - Qualcuno voleva fare pulizia di erbacce ma ha mandato in cenere un’azienda. Sarebbe questa l’origine dell’incendio che ieri pomeriggio ha devastato la «Plastiche Melfi», azienda dell’indotto automobilistico che dà lavoro a 65 persone. O, meglio, che dava lavoro visto che lo stabilimento è totalmente distrutto, magazzino incluso, al punto da destare timori anche per le forniture al gruppo Fca e in particolare allo stabilimento di Val di Sangro.
Il rogo è partito intorno alle 15 dai campi che lambiscono l’area industriale. Stando alle ipotesi più accreditate qualcuno avrebbe appiccato il fuoco alle erbacce, per pulire i campi, ma senza le necessarie cautele e senza considerare che il caldo di questi giorni e il vento presente ieri avrebbe favorito il propagarsi delle fiamme. Ed è ciò che è successo.
Il fuoco giunto nel piazzale dello stabilimento ha trovato nuova alimentazione nei depositi di materiale plastico e si è propagato in un baleno alla struttura produttiva devastando, anche con alcuni scoppi, locali e macchinari, mentre una nuvola di fumo nerissimo si alzava al cielo e nei centri vicini, Melfi e Lavello, si iniziava ad avvertire un odore acre al punto da spinger il sindaco della città federiciana, Livio Valvano, a chiedere l’intervento dell’Arpab che ha inviato sul posto una squadra di tecnici con gli strumenti di rilevamento. Escluso il rischio nube tossica ma le analisi saranno ripetute nelle prossime ore.
Non c’è bisogno invece di aspettare oltre, invece, per capire che lo stabilimento è inservibile, al punto da far temere un collasso della struttura tanto che i Vigili del fuoco hanno lavorato dall’esterno per 5 ore per domare le fiamme. L’azienda era chiusa e le attività sarebbero riprese solamente lunedì 26, cosa che ora appare impossibile. Per la Fca, intanto, resta da valutare la disponibilità di scorte e valutare l’attivazione di altri fornitori per evitare ripercussioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie