Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 21:52

NEWS DALLA SEZIONE

Il concorso è martedì 22 e il 23
TIPICO - Pasta coi peperoni cruschi

Sapori di Matera compie 22 anni: ecco i cuochi in gara per la bontà

 
ITINERARI GUSTOSI DI «INPUGLIA365»
PANE - Quello tipico di Laterza

Con l'arte del teatro oppure in bici, eventi da Andrano fino a Laterza

 
I candidati rimasti in gioco sono 72
Chef Angelo Sabatelli

In lizza per il premio Italiaatavola

 
Sanarica, Tricase, Canosa e altri
IN GROTTA - Le sette lampade mottolesi

A Mottola la natività è rievocata nel santuario delle Sette Lampade

 

Severino Garofano, 83 anni

Addio al signore del vino di Puglia, ha formato enologi di eccellenza

ENOLOGO - Severino Garofano

ENOLOGO - Severino Garofano

Resteranno a lungo la sua impronta ed il suo stile da gran signore del vino. Così come lasceranno traccia indelebile i suoi insegnamenti e le sue “creature”: vini che hanno reso il Negroamaro celebre nel mondo. Severino Garofano, negli anni in cui dal Mezzogiorno ancora si emigrava, ha scelto di spostarsi ma al Sud ed ha fatto della Puglia la sua patria di adozione.

Si è spento a Carmiano (Lecce) ad 83 anni, lasciando un grande vuoto ma anche tantissimi sogni realizzati. Il più grande, quello caro al cuore di ogni genitore, è di aver trasmesso ai figli Renata e Stefano una sterminata passione per il vino ed un’azienda di famiglia che brilla nel firmamento enologico pugliese e internazionale.

Nella parole di Massimiliano Apollonio, presidente di Assoenologi Puglia, Basilicata e Calabria, il racconto di una personalità straordinaria: “A lui dobbiamo veri e propri capolavori enologici che promuovono in tutto il mondo la nostra terra:  Graticciaia, Patriglione,  Le Braci. A lui dobbiamo la formazione di schiere di enologi che hanno appreso da lui i segreti dell’arte professionale”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400