Lunedì 12 Novembre 2018 | 23:18

NEWS DALLA SEZIONE

Sino a domenica in Salento
ENOTURISMO - Passione per il sapere

Cantine Aperte per San Martino per brindare al vino che è pronto

 
SPINAZZOLA, la SAGRA CARDONCELLO
FUNGHI - Delizia dell’autunno

Brindisi, nel calice il vino novello:
Una «caccia» ai profumi a Taranto

 
con vivite racconto e semplicità
NEL CALICE - Il vino da cooperative

Col Festival del vino cooperativo il Sud va in trasferta in un calice

 
Come scegliere se investire
NUOVA AGRICOLTURA - Le nocciole

Basilicata in guscio: nocciole che passione

 
Ascoltare il vino, con slow food
NEL CALICE - I saperi e i sapori

Dalle emozioni ed esperienze dei «Vignaioli indipendenti» fino alla città delle ceramiche

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

SLOW FOOD ALBEROBELLO

Nasce la comunità del cibo della Farinella di Putignano

A Putignano, fra le sue tante tipicità, c’è la farinella alla quale la Condotta Slow Food Alberobello guidata dal fiduciario Domenico Pugliese dedicherà grande attenzione

E’ stata presentata la Comunità della Farinella di Putignano che curerà lo sviluppo di ogni aspetto legato a questo prodotto, dal punto di vista agricolo, rurale, enogastronomico e culturale

IN CUCINA - A destra la farinella

IN CUCINA - A destra la farinella

Quando inizia il percorso per valorizzare e tramandare un antico prodotto gastronomico, significa che un pezzo della nostra storia potrà salvarsi. A Putignano, fra le sue tante tipicità, c’è la farinella alla quale la Condotta Slow Food Alberobello guidata dal fiduciario Domenico Pugliese dedicherà grande attenzione. E’ stata presentata la Comunità della Farinella di Putignano che curerà lo sviluppo di ogni aspetto legato a questo prodotto, dal punto di vista agricolo, rurale, enogastronomico e culturale. L’obiettivo è fare di questo autoctono sfarinato di ceci e orzo un prodotto di punta per lo sviluppo agricolo ed un attrattore turistico e culturale.

I soci fondatori hanno eletto alla presidenza della Comunità Domenico Bianco, alla segreteria Grazia Devillanova, alla tesoreria Stefano Maria Sisto e nominato consiglieri Valentina Gigante, Vincenzo Netti e Samuele Petruzzi. Lo slogan? Quello del fondatore di Slow Food Carlo Petrini: «Oggi a zappare ci vanno quelli che, studiando, hanno capito che è a partire dal cibo che si cambia il mondo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400