Martedì 21 Settembre 2021 | 21:44

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Il sogno

Matera si candida a «Cinecittà» del Mezzogiorno

Bardi: «Il centro sperimentale eccellenza nella nostra terra»

Matera si candida a «Cinecittà» del Mezzogiorno

MATERA - Mentre in città cresce la febbre per le riprese del film di James Bond che vede protagonista l’attore britannico Daniel Craig, il presidente della Giunta regionale Vito Bardi rilancia sul ruolo del Centro sperimentale di cinematografia che avrà sede a Matera e lo fa da Aliano, paese che con il contributo dato da Carlo Levi durante gli anni di confino, ha stabilito una forte interazione culturale con la città dei Sassi.

Il presidente della Regione, partecipando ad Aliano ad un dibattito nell’ambito degli eventi della manifestazione “La luna e i Calanchi” ha dichiarato che «è importante che nella nostra regione si organizzino manifestazioni culturali. Bisogna crederci. Se vogliamo rendere la nostra regione maggiormente attrattiva – ha proseguito – allora dobbiamo seguire questa strada. Abbiamo grandi progetti e tante ricchezze culturali che mi rendono orgoglioso di essere lucano. Di recente ho annunciato che a Matera realizzeremo qualcosa di unico nella nostra terra: una scuola sperimentale di cinematografica, come Cinecittà, proprio nel Meridione e non al Nord». La sede distaccata del Centro sperimentale di cinematografia di Roma, così come annunciato ufficialmente a Cannes dalla sottosegretaria ai Beni e alle Attività Culturali Lucia Bergonzoni, dovrebbe essere allocata nell’ex scuola media “Alessandro Volta” a ridosso di via Lucana.

Il presidente Bardi nelle scorse settimana in visita a Matera, alla presenza del sindaco Raffaello De Ruggieri, ha annunciato l’intenzione di creare una scuola della cinematografia, mutuando quanto attuato a Napoli con il Polo tecnologico che vede l’interazione tra il colosso Apple e l’Università Federico II con la finalità di creare nuove opportunità di lavoro nel campo della settima arte e dunque dando vita, oltre ad una scuola per registi e varie maestranze, anche alla scuola della cinematografia che abbia una valenza per tutto il Mezzogiorno d’Italia.

Già lo scorso febbraio l’Amministrazione comunale annunciò un accordo con il Governo per l’istituzione del Centro sperimentale di cinematografia, guardando con particolare interesse all’attivazione di corsi di regia e recitazione. De Ruggieri ne diede notizia rispondendo ad una interrogazione del consigliere comunale Augusto Toto, circa lo stato di abbandono dell’ex scuola media “Alessandro Volta”. De Ruggieri rese noto pure che per l’immobile era stato destinato un milione e seicento mila euro recuperandoli la somma dalla legge di bilancio 2018 per il mancato acquisto del Teatro Duni e che sul progetto della sede distaccata c’era già stato un confronto con il direttore del Centro sperimentale di cinematografia Marcello Foti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie