Martedì 16 Luglio 2019 | 05:23

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 
Inquinamento
Matera, schiuma biancastra nella Gravina

Matera, schiuma biancastra nella Gravina

 
Il caso
Basilicata, un miliardo e 800 milion: ecco il tesoro del petrolio

Basilicata, un miliardo e 800 milioni: ecco il tesoro del petrolio

 
Operazione dei carabinieri
Nova Siri: bazar della droga in un garage e un magazzino, 4 arresti

Nova Siri: bazar della droga in un garage e un magazzino, 4 arresti

 
L'annuncio
Matera: da settembre arriva il test di screening prenatale, un prelievo per rilevare anomalie

Matera: da settembre arriva il test di screening prenatale, un prelievo per rilevare anomalie

 
L'annuncio
James Bond: ad agosto il set del nuovo film arriva a Matera

James Bond: ad agosto il set del nuovo film arriva a Matera

 
A marconia (Mt)
Era ricercato da marzo: carabiniere fuori servizio intercetta pregiudicato e lo fa arrestare

Era ricercato da marzo: carabiniere fuori servizio intercetta pregiudicato e lo fa arrestare

 
Nel Materano
Si spacciano per avvocati e derubano anziani: 2 arresti a Tricarico

Si spacciano per avvocati e truffano anziani: 2 arresti a Tricarico

 
L'episodio
Matera, ferisce la rivale e la manda in ospedale: arrestata 41enne

Matera, ferisce la rivale e la manda in ospedale: arrestata 41enne

 
In Basilicata
Carenze igieniche e lavoro in nero: controlli e sospensioni attività sul litorale jonico

Carenze igieniche e lavoro in nero: controlli e sospensioni attività sul litorale jonico

 
Dorsale adriatica
Matera e Bari più vicine: terminati i lavori sulle statali 96 e 99

Matera e Bari più vicine: terminati i lavori sulle statali 96 e 99

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

Bari, squadra parte in ritiro: non ci sarà Brienza

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIn via Brancaccio
Lecce, crolla facciata di un palazzo del centro: paura tra i residenti

Lecce, crolla facciata di un palazzo del centro: paura tra i residenti

 
FoggiaIl video
Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

Meraviglia a Peschici, un delfino e i suoi cuccioli nuotano tra i bagnanti

 
TarantoLa lettera d'accompagnamento
Fonti M5s: in Cdm candidatura di Taranto ai Giochi del Mediterraneo

Fonti M5s: in Cdm candidatura di Taranto ai Giochi del Mediterraneo

 
BariNella zona industriale
Bari, rapinano Banca Popolare di Bari: pistole in faccia ai dipendenti

Bari, rapinano Banca Popolare in via Zippitelli: pistole in faccia ai dipendenti

 
PotenzaIl caso
Potenza, falso avvocato andava in udienza e depositava atti: arrestato

Potenza, falso avvocato andava in udienza e depositava atti: arrestato

 
MateraIl caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 
BrindisiDalla polizia
Brindisi, minacciavano e impedivano acquisti alle aste giudiziarie: 4 arresti

Brindisi, minacciavano e impedivano acquisti alle aste giudiziarie: 4 arresti

 
BatArte in cucina
Il volto di Jovanotti su una pizza: così Barletta aspetta il concerto

Il volto di Jovanotti su una pizza: così Barletta aspetta il concerto

 

i più letti

A Miglionico (Mt)

Frutta e verdura del negozio in dono ai poveri del paese

L'iniziativa solidale di Filippo Recca, 39enne titolare di un negozio di ortofrutta

Frutta e verdura del negozio in dono ai poveri del paese

Filippo Recca

Frutta e verdura gratis. In dono ai poveri. Una straordinaria iniziativa di solidarietà che sta creando stupore e condivisione all’interno del tessuto sociale miglionichese. Un gesto di altruismo, spontaneo e sorprendente. È stato intrapreso da Filippo Recca, 39 anni, titolare di un negozio ubicato a pochi passi da piazza Castello, dove vende frutta e verdura al minuto. Prodotti che, sebbene in parte, vengono coltivati, in modo biologico, anche in un orto di proprietà del padre Nino, in contrada “Serre”, a meno di un chilometro di distanza dal centro abitato. “Un’azione così virtuosa, contraddistinta da una forte valenza etico-sociale, a beneficio di chi si trova in una condizione di forte difficoltà economica – dichiara Michele Buzzella, di professione panettiere – non poteva passare inosservata”. E, così, a poco a poco, la notizia s’è diffusa in paese. E, adesso, sta contagiando alcuni cittadini che si recano a fare la spesa da Recca proprio con l’intenzione di sostenerla. “Siamo in presenza di un lodevole atteggiamento di benevolenza che va assecondato – sottolinea Buzzella – contribuendo, per quel che è possibile, a renderlo duraturo e sistematico”. In che modo? “Ebbene, ciascun cittadino di buona volontà – osserva il panettiere - dovrebbe lasciare sul banco del negozio un po’ di spiccioli in più, pochi centesimi per assecondare l’ortolano in tale iniziativa”.

In tal modo, l’azione di un singolo cittadino si troverebbe ad essere condivisa da altri. E quello che oggi è il sentimento fraterno di una sola persona finirebbe con l’assumere la dimensione della solidarietà sociale. In pratica, andando ad acquistare un chilo di frutta, il cliente ne acquisterebbe un po’ di più a beneficio delle persone bisognose. In un periodo di crisi economica, l’acquisto di un po’ di verdura può rappresentare un lusso per chi vive in una condizione di povertà. Ovviamente, l’aiuto verrebbe offerto in modo discreto e nel pieno rispetto della privacy e della sensibilità altrui. “Sarebbe bello – conclude Buzzella – se lo stesso atto di altruismo rappresentasse un esempio, tanto da essere imitato da altri esercizi commerciali. Soprattutto da quelli in cui è possibile comprare beni di prima necessità”. Ma, quali sono le ragioni che sottendono l’idea intrapresa dal giovane Recca? “La dignità della vita umana è un diritto di tutti e va garantita”, afferma l’ortolano miglionichese con la saggezza di un filosofo. Il suo esercizio commerciale ha la caratteristica di un’attività non profit? “La realtà, molto semplice – precisa Recca – è la seguente: mi accontento di guadagnare il necessario, quanto mi basta per mantenere in modo decoroso la mia famiglia (moglie e due figlie a carico). E’ dovere di tutti non lasciare da solo chi ha bisogno di aiuto”. Continuando così, il suo negozio sarà fonte di assistenza sociale? “E’ semplicemente un luogo di lavoro – conclude Filippo – e tale rimarrà”. Sì, ma con la gioia di donare amore. Un gesto nobile che, magari, potrebbe essere riconosciuto e sostenuto dalla locale Amministrazione comunale, conferendo al protagonista di un’azione così virtuosa un encomio pubblico. Con l’auspicio che possa fare da lievito e da esempio all’interno della comunità, quale testimonianza di cittadinanza attiva e solidale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie