Domenica 21 Luglio 2019 | 16:43

NEWS DALLA SEZIONE

Il convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
Il progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
Heroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
Nel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
dalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 
L'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
Una coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
I dati
Matera, boom di turisti già nel 2018

Matera, boom di turisti già nel 2018

 
Il caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 
Inquinamento
Matera, schiuma biancastra nella Gravina

Matera, schiuma biancastra nella Gravina

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceMigranti
Gallipoli, 55 pakistani sbarcati sull'Isola di S.Andrea

Gallipoli, 55 pakistani sbarcati sull'Isola di S.Andrea

 
FoggiaIl premio
Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

Vieste Archeofilm: vince Nicolò Bongiorno, figlio di Mike

 
BariLa curiosità
Panzerotti e focaccia: a Bari festa in piazza per i 60 anni di Emiliano

Panzerotti e focaccia: a Bari festa in piazza per i 60 anni di Emiliano

 
HomeLa scoperta
Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

Brindisi, tre migranti trovati semi asfissiati in cella frigo su tir

 
MateraIl convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
PotenzaL'operazione
Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

Basilicata, lotta allo spaccio, controlli dei cc: 5 denunciati

 
HomeL'allarme
La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

La Xylella avanza, Coldiretti: «altri 366 ulivi infetti tra Taranto e Brindisi»

 

i più letti

L'inchiesta

Mafia nel Metapontino, si indaga
su collusioni con le forze dell'ordine

Una sola persona è sfuggita alla cattura, intanto spuntano nuovi inquietanti piste investigative

Mafia nel Metapontino, si indagasu collusioni con le forze dell'ordine

SCANZANO JONICO - Il giorno dopo il blitz antimafia che ha dato scacco ai clan del Metapontino. È caccia all’unico indagato sfuggito alla cattura. E si indaga ancora. Saranno ascoltate persone informate dei fatti. “Gole profonde”, intanto, nelle forze dell’ordine? E ieri al via gli interrogatori di garanzia. Il maxiblitz scattato alle 3.30 di giovedì a Scanzano Jonico, Montalbano Jonico, Tursi, Nova Siri e Policoro, dunque, con il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Potenza non è concluso. Si cerca un latitante tra i 25 soggetti per cui il giudice per le indagini preliminari Lucio Setola, del Tribunale di Potenza, ha emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere su richiesta del procuratore distrettuale Francesco Curcio. L’inchiesta su estorsioni e droga della «Gomorra lucana» ha portato alla scoperta sulla costa jonica, secondo la magistratura, di «una realtà criminale di eccezionale pericolosità».

Ma le indagini proseguono anche su un altro fronte: quello volto ad ascoltare come informati dei fatti i testimoni di gravi intimidazioni ad oggi non ancora identificati. Da qui le ordinanze di custodia in carcere per molti elementi dei tre gruppi poiché «le stesse indagini – si legge nell’ordinanza Setola – potrebbero essere pregiudicate dalla permanenza in libertà delle sopraindicate persone che potrebbero avere interesse ad avvicinare i testi al fine di condizionare future dichiarazioni. D’altronde, emerge la forza intimidatrice e l’uso della violenza del gruppo criminale Schettino proprio in relazione all’inquinamento delle prove». Ma non è finita. Per gli inquirenti «c’è il concreto pericolo che gli indagati acquisiscano informazioni da alcuni appartenenti alle forze dell’ordine non meglio identificati».

Insomma, si cercano anche possibili “gole profonde” tra gli investigatori. Inchiesta a pieno ritmo, quindi, nel mentre ieri sono cominciati nel carcere di Matera gli interrogatori di garanzia. Interrogatori che proseguiranno nei prossimi giorni anche nelle carceri di Melfi e di Santa Maria di Capua Vetere in cui sono stati trasferiti alcuni degli arrestati. Ricordiamo che nell’ordinanza firmata dal gip Setola, 611 pagine, vi sono 205 capi di imputazione nei confronti di quelli che la Procura distrettuale ha individuato come «i tre sodalizi criminali (clan Schettino, di Scanzano Jonico, guidato dall’ex carabiniere Gerardo Schettino; gruppo Russo, di Tursi, diretto da Rocco Russo; e gruppo Donadio, di Montalbano Jonico, capeggiato da Leonardo Donadio), sgominati con gli arresti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie