Venerdì 03 Luglio 2020 | 13:11

NEWS DALLA SEZIONE

svanita nel nulla
Nardò, mamma 29enne scompare di casa: è giallo

Nardò, mamma 29enne scompare di casa: è giallo

 
operazione dei CC
Surbo, rubano auto e disattivano Gps: arrestati 2 specialisti

Surbo, rubano auto e disattivano Gps: arrestati 2 specialisti

 
Turismo Vip
ll sole e l’azzurro di Giorgia illuminano il mare di Gallipoli

ll sole e l’azzurro di Giorgia illuminano il mare di Gallipoli

 
Le nostre coste
Otranto, sigilli in uno stabilimento: lido Zen, 10 indagati a Gallipoli

Otranto, sigilli in uno stabilimento: lido Zen, 10 indagati a Gallipoli

 
tragedia
Ugento, 74enne muore in mare, forse un malore

Ugento, 74enne muore in mare, forse un malore

 
l'indagine
Lecce, screening a tappeto nelle aziende pubbliche e private

Coronavirus, a Lecce screening a tappeto nelle aziende pubbliche e private

 
La tragedia
Porto Cesareo, turista veneta annega mentre fa snorkeling

Porto Cesareo, turista veneta annega mentre fa «snorkeling»

 
nel Leccese
Rapinarono supermercato a Monteroni: cc arrestano due persone

Rapinarono supermercato a Monteroni: cc arrestano due persone

 
il gesto
Lecce, Goffredo Fofi dona a Polo biblio-museale collezione di libri e dvd

Lecce, Goffredo Fofi dona a Polo biblio-museale collezione di libri e dvd

 
Malavita
Novoli, coltellata all'addome, grave un 26enne

Novoli, coltellata all'addome: grave un 26enne

 

GDM.TV

Il Biancorosso

calcio
Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

Bari, Laribi carica i biancorossi: «Pronti a scrivere un pezzo di storia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaI dati regionali
Basilicata ancora «covid free»: 292 tamponi, nessun positivo

Basilicata ancora «covid free»: 292 tamponi, nessun positivo

 
Leccesvanita nel nulla
Nardò, mamma 29enne scompare di casa: è giallo

Nardò, mamma 29enne scompare di casa: è giallo

 
BatAmbiente
Barletta, verde e rifiuti senza regola al villaggio turistico Fiumara

Barletta, verde e rifiuti senza regola al villaggio turistico Fiumara

 
Materapost-operazione
Bernalda, operazione «Paride», dopo gli arresti sequestrati soldi e droga

Bernalda, operazione «Paride», dopo gli arresti sequestrati soldi e droga

 
Foggiacolpo fallito
San Severo, ladri in azione nella notte: tentano di sradicare casseforti a «Ultra Gas»

Foggia, ladri in azione nella notte: tentano di sradicare casseforti a «Ultra Gas»

 
BrindisiAmbiente
Brindisi, parcheggi a Torre Guaceto: accuse a gestori e Comuni

Brindisi, parcheggi a Torre Guaceto: accuse a gestori e Comuni

 

i più letti

Il caso

Gallipoli, legato a uno scoglio per attirare turisti: è polemica sul cigno Renzo

L’animale, nato e cresciuto in cattività, era stato acquistato con una colletta di 1.800 euro. L’imprenditore Sandro Quintana minaccia le vie legali. La forestale sequestra l'esemplare

Gallipoli, legato a uno scoglio per attirare turisti: è polemica sul cigno Renzo

GALLIPOLI - Un cigno legato con una corda a uno scoglio in mare per attirare i turisti: succede a Gallipoli. E la polemica scoppia. La storia ha radici profonde. Per 3 anni, un cigno ha scelto di vivere a ridosso del mare, cosa assolutamente insolita per un animale che per natura abita acque dolci. L'animale era diventato una sorta di attrazione, molti turisti andavano a vederlo per l'immancabile foto ricordo. Ma morto questo cigno, alcuni abitanti hanno sentito il bisogno di sostituirlo con un altro esemplare per mantenere vivo l'interesse dei visitatori, acquistando,con una colletta tra vari operatori commerciali, in un allevamento del nord Italia,un altro cigno, per la modica cifra di 1.800 euro.
L'animale, una volta arrivato, è stato legato a uno scoglio in prossimità del ristorante Marechiaro di proprietà di Sandro Quintana, che si è intestato la proprietà del cigno. L'animale è stato ribattezzato con il nome di Renzo.

In attesa dell’adattamento nel nuovo habitat però, il cigno reale era stato legato con una cordicella allo scoglio, con una pratica, a detta dei responsabili sui social, avallata da una biologa: l’animale tra l’altro ha le pinne remiganti tagliate, cosa che gli impedisce di volare e quindi di allontanarsi. Intanto ieri i carabinieri Forestali hanno deciso per il sequestro e il trasferimento a Calimera. Il tutto dopo che gli uomini della Forestale hanno accertato le condizioni di salute del cigno.

Immediata la polemica per i presunti maltrattamenti, tanto da far scendere in campo Legambiente e la Lipu con una nota ufficiale: «Una questione complicata -avevano sottolineato rispettivamente Maurizio Manna, e Giuseppe Mazzeo- non dal punto della sopravvivenza e qualità della vita del cigno in mare ma dal punto di vista giuridico e normativo, in particolare per quanto riguarda  l’immissione del cigno nello specchio d’acqua di proprietà pubblica e non del privato proprietario.

«Trattandosi infatti di un animale nato e vissuto in costrizione – si legge nel comunicato – la sua immissione in ambiente aperto e semi naturale è, sicuramente, un miglioramento della sua condizione (fatta salva ovviamente la libertà del cigno di muoversi ed eventualmente allontanarsi in cerca di condizioni migliori), purché ovviamente esso venga assistito con un quantitativo di cibo idoneo e acqua dolce sufficiente e costante, e regolarmente controllato da un veterinario per monitorarne le condizioni generali e sanitarie».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie