Domenica 20 Ottobre 2019 | 15:42

NEWS DALLA SEZIONE

IL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
Un 67enne
Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

Melendugno, gli sfugge motosega di mano: muore dissanguato

 
La tragedia
Melendugno, gli sfugge la motosega di mano: 67enne morto dissanguato

Melendugno, gli sfugge la motosega di mano: 67enne morto dissanguato

 
ESERCITO
Lecce, il 31° Reggimento carriha un nuovo comandante

Lecce, il 31° Reggimento carri ha un nuovo comandante

 
la mossa del sindaco
Otranto, sotto esame l’idea dei pontili aperti

Otranto, sotto esame l’idea dei pontili aperti

 
Migranti
Salento, due sbarchi in poche ore: in 81 arrivano a bordo di una barca a vela

Salento, due sbarchi in poche ore: in 81, tra curdi e iracheni, a bordo di un veliero

 
I soccorsi
Migranti, in arrivo 80 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

Migranti, in arrivo 50 a Leuca: erano su una barca intercettata dalla Guardia costiera

 
L'intesa
Casarano, salvi i 423 posti di lavoro call center Enel per mercato libero

Casarano, salvi i 423 posti di lavoro call center Enel per mercato libero

 
Incidente mortale
Lecce, contromano sulla statale: confermati arresti per carabiniere

Lecce, contromano sulla statale: confermati arresti per carabiniere

 
in salento
Muore a 79 anni Marcello, fratello di Don Tonino Bello

Muore a 79 anni Marcello, fratello di Don Tonino Bello

 
era in ospedale
Gallipoli, morte sospetta di una prof 78enne: 24 indagati

Gallipoli, morte sospetta di una prof 78enne: 24 indagati

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaInvasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
LecceIL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
BariIl fenomeno
Bari, la nuova guerra dei gazebo colpa di abusi, tolleranze e scelte sbagliate

Bari, la nuova guerra dei gazebo colpa di abusi, tolleranze e scelte sbagliate

 
FoggiaSalgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
TarantoMARINA MILITARE
Taranto, musica e solidarietà insiemesuccesso del concerto "Note d'autunno"

Taranto, musica e solidarietà insieme successo del concerto "Note d'autunno"

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 

i più letti

Il caso

A 16 anni botte e insulti alla coetanea perché troppo bella: choc nel Salento

La ragazzina si è dovuta rivolgere al'ospedale di Casarano anche per i disagi psicologici

ospedale casarano

«Specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame?». Ma alla risposta, dettata non dal riflesso sul vetro ma dalla consapevolezza profonda che è assopita nell’anima di ognuno, la reazione è furiosa: all’avversaria non arrivano mele avvelenate ma insulti, spintoni e tirate per i capelli.

Una delle fiabe più famose al mondo viene replicata, perlomeno nella sua parte in cui la perfidia e l’invidia prendono il sopravvento su sentimenti nobili, nel cosiddetto basso Salento. Il «reame» è un piccolo paese della provincia di Lecce dove alcune ragazzine, sedicenni o poco più, avrebbero preso di mira una coetanea. Unico peccato della «vittima»? Essere bella, troppo più bella di loro.

I fatti sono venuti alla luce quando i carabinieri della locale stazione hanno dovuto mettere nero su bianco quanto i genitori della giovane perseguitata hanno denunciato. Fatti semplici, nella loro linearità. Lineari nel solco della semplicità invidiosa del vivere quotidiano. Ma con un finale a sorpresa che ora è al vaglio dei giudici del tribunale per i minorenni di Lecce a cui i militari hanno inoltrato la pratica. La vicenda prende le mosse dalla «solita» attività che ogni bravo genitore mette in atto. Osservare i figli e non trascurare nemmeno il minimo sbalzo d’umore o il cambiamento delle abitudini.

Il «termometro» genitoriale, dunque, funziona e la ragazzina parla: a perseguitarla sono le amichette. Adolescenti dottor Jekyll e mister Hyde: oggi pronte e condividere ogni alito e ogni segreto, l’indomani disposte a vomitare veleno. O andare oltre, passando alla violenza fisica. La casistica riempirebbe un volume a partire dalla letteratura classica ma basti un fatto recente, il delitto di Avetrana, per far drizzare le antenne a quanti comprendono il potenziale devastante di alcune vicende, nella ratio più estrema.

La confessione della giovane non ha lasciato molte interpretazioni: botte, insulti, tirate per i capelli. Episodi avvenuti all’uscita da scuola o in altri momenti della giornata scolastica. Tutto, infatti, si sarebbe verificato nel corso della scorsa primavera. La studentessa, per altro, avrebbe anche fatto ricorso ai medici dell’ospedale di Casarano, non solo per i traumi fisici ma anche per lo shock subito nel sentirsi perseguitata solo per la sua bellezza esteriore.

Ora è compito degli inquirenti inquadrare nella giusta luce l’accaduto che potrebbe essere sicuramente derubricato – al netto della futura pronuncia del giudice – come una intemperanza dell’età non ancora attenuata dai benefici effetti della maturità. Ma resta impresso che ai tempi della violenza devastante sul web e nei social, proprio la bellezza così inseguita nel perimetro virtuale diventi pretesto per uno scontro sul piano del reale con vere lacrime, vere ferite e vero dolore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie