Venerdì 22 Febbraio 2019 | 18:10

NEWS DALLA SEZIONE

Il progetto
Lecce, i detenuti riparano barca migranti: sarà usata da ragazzi "difficili"

Lecce, i detenuti riparano barca migranti: sarà usata da ragazzi "difficili"

 
La scoperta della Gdf
Lecce, maxi frode fiscale di oltre 12 mln con gli imballaggi: 3 arresti

Lecce, maxi frode fiscale da 14 mln: 3 arresti, tra cui noto imprenditore di Presicce VD

 
Il fenomeno
Bullismo a Lecce, rafforzati i controlli nel centro della movida

Bullismo a Lecce, rafforzati i controlli nel centro della movida

 
La decisione
Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

Puglia, il Consiglio approva la fusione tra Presicce e Acquarica

 
Nel Salento
Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

 
Il caso
Maglie, lavaggio troppo energico danneggia antica fontana

Maglie, lavaggio troppo energico danneggia antica fontana

 
Il caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
Nel mirino della criminalità
Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

 
Componente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
In via Milizia
Scritte su sede Movimente 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

Scritte su sede Movimento 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

 
Nel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa sentenza
Bari, offese tra ragazzi via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

Bari, offese tra ragazzini via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

 
LecceIl progetto
Lecce, i detenuti riparano barca migranti: sarà usata da ragazzi "difficili"

Lecce, i detenuti riparano barca migranti: sarà usata da ragazzi "difficili"

 
HomeIl siderurgico
Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

 
HomeIn vista del 24 marzo
Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

Allarme sicurezza

Lecce, rissa per le prostitute: due feriti in ospedale

Denunciato un bulgaro. Ora è caccia agli altri aggressori

Rissa tra famigliesei arresti a Canosa

LECCE - Litigano per prostitute e poi si azzuffano in centro. Bulgari contro pakistani. La rissa si è consumata in due tempi e in due posti diversi: la prima parte vicino la stazione, poi in via Libertini, proprio sul corso ,a ridosso di porta Rudiae.
Della rissa restano le tracce di sangue per terra, i due feriti pakistani finiti in ospedale e un bulgaro denunciato per lesioni aggravate. insieme a complici non ancora identificati, l’autore dell’aggressione. Le indagini della polizia proseguono per risalire agli altri componenti del gruppo di aggressori.

L’episodio è avvenuto in via Libertini nella notte tra sabato e domenica. Il personale della sezione Volanti è intervenuto intorno alle 4, su segnalazione di alcuni cittadini. Sul posto, i poliziotti hanno identificato i due cittadini pakistani, entrambi 27enni, tutti e due feriti al volto.
Le prime indagini, basate sul racconto degli stessi aggrediti, hanno permesso di appurare che l’aggressione era scoppiata al culmine di precedenti liti con alcuni cittadini bulgari iniziate già nel primo pomeriggio di sabato. Causa della discussione, un alterco tra i pakistani e alcune prostitute bulgare nei pressi della stazione ferroviaria, già sfociato in un’aggressione a calci e pugni a danno dei due malcapitati.
La questione, però, non si è chiusa. E qualche ora dopo c’è stato un ulteriore scontro.
Intorno alle 2.30, all’interno di un «kebabbaro» di viale dell’Università, è scoppiata la nuova discussione, sempre tra le stesse persone: episodio, questo, che ha richiesto l’intervento della polizia per calmare gli animi. All’arrivo degli agenti, la lite si era già conclusa e i presunti aggressori si erano allontanati.

Le indagini, svolte nell’immediatezza dai poliziotti delle Volanti e della Squadra mobile, hanno permesso di identificare uno degli aggressori. Si tratta - come si diceva - in un cittadino bulgaro di 33 anni, già noto alle forze dell’ordine, che è stato denunciato a piede libero per lesioni aggravate.

I due cittadini pakistani aggrediti hanno dovuto fare ricorso alle cure del pronto soccorso dell’ospedale «Vito Fazzi»: il primo è risultato affetto da un trauma facciale ed è stato giudicato guaribile in 20 giorni; il secondo ha avuto un trauma cranico e una frattura del setto nasale e guarirà in quindici giorni.
Le indagini della Squadra mobile continuano per identificare gli altri aggressori.
L’episodio ripropone per l’ennesima volta la sicurezza nel centro storico e nei dintorni della stazione. Gli interventi per bonificare viale Oronzo Quarta non sono stati sufficienti. Ad innescare la miccia è stata una discussione fra stranieri legata alla prostituzione. E non è escluso un nuovo giro di vite intorno alla stazione ferroviaria dove si concentra una presenza di stranieri e dove il fenomeno della prostituzione rimane una costante.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400