Giovedì 17 Giugno 2021 | 01:47

NEWS DALLA SEZIONE

L’incidente
Barletta, crolla palazzina dopo esplosione: 3 feriti trasportati d’urgenza in ospedale

Barletta, crolla palazzina dopo esplosione: 3 feriti trasportati d’urgenza in ospedale

 
La curiosità
Bari calcio, al via il Generation Day con 240 bimbi al San Nicola

Bari calcio, al via il Generation Day con 240 bimbi al San Nicola

 
A Nardò
Polizia salva 85enne durante incendio in casa nel Salento

Attimi di paura nel Salento, polizia salva 85enne da incendio divampato in casa

 
Il caso
Treni, Bellanova: rete di Fse è patrimonio da sostenere

Treni, Bellanova: rete di Fse è patrimonio da sostenere

 
La scoperta
Casarano, cagnetta uccisa e abbandonata in campagna

Casarano, cagnetta uccisa e abbandonata in campagna

 
L'annuncio
Vice ministro Castelli: «Da nidi ad anziani, stessi fondi per tutti i Comuni»

Vice ministro Castelli: «Da nidi ad anziani, stessi fondi per tutti i Comuni»

 
Sanità
In Puglia il test Dna fetale sarà gratuito per le donne over 40: prima regione in Italia

In Puglia il test Dna fetale sarà gratuito per le donne over 40: prima regione in Italia

 
Lotta al virus
Vaccini in Puglia: la Regione vicina a 3 mln di somministrazioni: il report delle Asl

Vaccini, Puglia vicina a 3 mln di somministrazioni: il report per provincia

 
La denuncia
Potenza, «la Basilicata sempre più povera»

Potenza, «la Basilicata sempre più povera»

 
Il bollettino nazionale
Covid in Italia, 1.400 nuovi casi e 52 morti nelle ultime 24 ore

Covid in Italia, 1.400 nuovi casi e 52 morti nelle ultime 24 ore

 
Serie C
Calcio, Gallo confermato sulla panchina del Potenza

Calcio, Gallo confermato sulla panchina del Potenza

 

Il Biancorosso

verso il futuro
Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

Il Bari di Mignani vira verso il 4-3-1-2

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatL’incidente
Barletta, crolla palazzina dopo esplosione: 3 feriti trasportati d’urgenza in ospedale

Barletta, crolla palazzina dopo esplosione: 3 feriti trasportati d’urgenza in ospedale

 
LecceA Nardò
Polizia salva 85enne durante incendio in casa nel Salento

Attimi di paura nel Salento, polizia salva 85enne da incendio divampato in casa

 
BariA Bari
Gestione spiaggia di Torre Quetta, pm insiste su interdittiva antimafia

Gestione spiaggia di Torre Quetta, pm insiste su interdittiva antimafia

 
PotenzaLa denuncia
Potenza, «la Basilicata sempre più povera»

Potenza, «la Basilicata sempre più povera»

 
TarantoIl siderurgico
Ex Ilva Taranto, Emiliano: «Impianti area a caldo da fermare subito»

Ex Ilva Taranto, Emiliano: «Impianti area a caldo da fermare subito»

 
MateraTelevisione
Matera, Imma Tataranni è tornata

Matera, Imma Tataranni è tornata

 

i più letti

guerra di mafia

Bari, omicidio Sifanno: processo da rifare per la nipote del «fantasma»

La Corte di Cassazione annulla la sentenza dei giudici di appello

Bari, omicidio Sifanno: processo da rifare per la nipote del «fantasma»

Bari - La Corte di Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza con la quale nell’ottobre 2019 la Corte di Assise di Appello di Bari aveva confermato la condanna a 16 anni di reclusione per Maria Misceo, nipote del boss barese Giuseppe soprannominato «il fantasma», imputata per l’omicidio di Donato Sifanno, ucciso da 18 colpi di kalashnikov il 15 febbraio 2014 nel quartiere San Paolo di Bari. I giudici della Suprema Corte, accogliendo il ricorso dei difensori, gli avvocati Andrea Melpignano e Dario Vannetiello, hanno disposto che venga celebrato un nuovo processo di appello nei confronti della donna, detenuta agli arresti domiciliari da dicembre 2016.

È stato invece dichiarato inammissibile il ricorso del collaboratore di giustizia Domenico Mercurio, per il quale diventa definitiva la condanna a 7 anni di reclusione per il delitto. Si tratta di uno dei tre procedimenti aperti sull'omicidio e riguarda coloro che - secondo la Dda di Bari - avevano fornito supporto logistico, controllato e segnalato i movimenti della vittima, procurato e conservato le armi tra cui quella utilizzata per compiere l’agguato mafioso. Per il mandante del delitto, il boss Giuseppe Misceo, per i due esecutori materiali, il pluripregiudicato Arcangelo Telegrafo ed Emanuele Grimaldi, e per il responsabile di tre precedenti tentati omicidi ai danni di Sifanno, Francesco Pace, sono ormai definitive le condanne rispettivamente a 30 anni di reclusione per il boss e per Telegrafo, a 14 e 11 per gli altri due. Pende ancora in Cassazione il processo nei confronti di un altro degli esecutori materiali, Domenico Micelli, condannato in appello a 16 anni di reclusione. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie