Giovedì 28 Gennaio 2021 | 05:49

NEWS DALLA SEZIONE

La tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
a S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
Il documento
Scuola e Covid in Puglia, ecco le linee guida della Regione per la ripartenza in presenza

Scuola e Covid, ecco le linee guida pugliesi per la ripartenza in presenza da lunedì. Lopalco: «Sono 12 punti»

 
Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus Italia, 15.204 nuovi casi e 467 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus Italia, 15.204 nuovi casi e 467 morti nelle ultime 24 ore. Puglia al primo posto per ricoveri in Terapia intensiva

 
Il caso
Ospedale in Fiera: «Niente visite a pagamento. Per i medici solo spazi amministrativi»

Ospedale in Fiera: «Niente visite a pagamento. Per i medici solo spazi amministrativi»

 
Il bollettino regionale
Covid Puglia,

Covid Puglia, su 11802 test 1233 nuovi positivi, 30 i morti: positività al 10,4%. Regione: attivazione immediata ospedale in Fiera

 
Il virus
Covid, appello Fimmg Puglia: «118 non può "servire" ospedale Fiera Bari». Allarme per i lavoratori delle Rsa

Covid, appello Fimmg Puglia: «118 non può "servire" ospedale Fiera Bari». Allarme per i lavoratori delle Rsa

 
Il caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
Il caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
Maltempo
Neve imbianca il Gargano e i Monti Dauni, scuole chiuse a Monte Sant'Angelo

Neve imbianca il Gargano, i Monti Dauni e la Murgia: scuole chiuse a Monte Sant'Angelo

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

Bari calcio, pressing su Cianci per sostituire Montalto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa tragedia
Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

Bimbo morto a Bari, autopsia conferma: soffocato da una cordicella

 
Brindisia S. Michele Salentino
Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

Brindisi, solaio crollato in un capannone: 4 indagati per omicidio colposo

 
TarantoL'iniziativa
Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

Giornata della Memoria, musica dal teatro chiuso di Taranto: l'omaggio degli artisti

 
PotenzaSHOAH
Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

Giornata della Memoria, a Potenza consegnate 3 medaglie d’onore ai familiari dei deportati

 
FoggiaIl caso
Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

Femminicidio a Orta Nova, 46enne indagato non risponde a pm: aveva tracce di sangue sui vestiti

 
BatIl caso
Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

Scontro treni, la pm in foto con l'avvocato di un indagato, Csm la boccia ma si spacca

 
MateraIl caso
Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

Tricarico, rubati 12 quintali di rame: 4 arresti

 
LecceIl caso
Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

Lecce, litiga con il cugino e gli spara: arrestato

 

i più letti

L'appello alla Regione

Covid 19, Rsa pugliesi in crisi: «Non abbiamo fondi per i tamponi. Chiesto anticipo pagamenti»

«Non avendo ricevuto, ad oggi, nessun riscontro alle reiterate richieste di aiuto finanziario - scrivono le Rsa - entro la fine del corrente anno, le singole strutture provvederanno ad inviare alle competenti Asl le richieste di rimborso»

Covid 19, Rsa alla Regione Puglia: «Non abbiamo fondi per i tamponi»

BARI - Le Asl pugliesi hanno chiesto ai gestori delle Rsa ed Rssa di «sottoporre, a proprie spese, gli ospiti a campagne di screening epidemiologico periodiche (ogni 15 giorni), tramite somministrazione di tamponi rino-faringei molecolari e/o antigenici».

Ma le strutture che aderiscono alle associazioni di categoria Agespi, Aiop, Ansdipp, Assoap, Confcooperative sanità, Uneba, Welfare a levante, hanno comunicato che «non dispongono delle risorse finanziarie necessarie per far fronte a questo ulteriore adempimento» perché «già provate dall’esborso finanziario, insostenibile per i bilanci, degli ultimi 9 mesi, per l’acquisto di Dpi, integrazione di personale di assistenza ed a seguito dei minori ricavi dovuti alla sospensione dei ricoveri o alla riduzione dei posti letto per la realizzazione di aree dedicate».

È quanto si legge in una nota inviata alla Regione Puglia. «Non avendo ricevuto, ad oggi, nessun riscontro alle reiterate richieste di aiuto finanziario - scrivono le Rsa - diversamente da quanto disposto da tutte le regioni italiane e, ritenendo che tutte le fonti del diritto emanate nel periodo emergenziale abbiano chiaramente posto a carico delle Regioni tali obblighi e adempimenti, preannunciamo che entro la fine del corrente anno, le singole strutture provvederanno ad inviare alle competenti Asl le richieste di rimborso del maggiori costi sostenuti a seguito dell’emergenza da Covid-19». 

«Si reitera la richiesta di assicurare, entro il giorno 15 di questo mese, un’anticipazione delle prestazioni rese nel periodo 1 luglio-30 novembre 2020 per consentire il pagamento delle 13esime mensilità al personale dipendente, considerato che le procedure di presa in carico, a tutt'oggi, non sono state completate, con imbarazzanti ritardi in alcune Asl": è la richiesta che i gestori delle Rsa e Rssa hanno messo nero su bianco al termine della riunione che si è svolta oggi pomeriggio con la Regione Puglia. Le strutture private sono in difficoltà per i maggiori costi sopportati per l'emergenza coronavirus e il prolungato blocco di nuovi ingressi di ospiti. Molte - è stato evidenziato durante la riunione - non sono più in grado di garantire l’acquisto dei dispositivi di protezione individuale, per questo i gestori chiedono «il rimborso dei costi anticipati per l’acquisto di Dpi non ordinari, per tutta la durata del periodo emergenziale». «Si ribadisce - si legge nel documento di sintesi dell’incontro - la necessità di prevedere un rimborso forfettario sia per il periodo di sospensione dei ricoveri, sia per i posti resi vacanti a seguito della realizzazione di aree dedicate, sulla base delle presenze registrate nell’anno 2019».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie