Giovedì 29 Ottobre 2020 | 10:08

NEWS DALLA SEZIONE

nel Barese
Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

 
Dopo il Dpcm
Puglia, lo sport «congelato» tira un sospiro di sollievo

Puglia, lo sport «congelato» tira un sospiro di sollievo

 
La decisione
Pallacanestro: i campionati pugliesi rinviati a gennaio 2021

Pallacanestro: i campionati pugliesi rinviati a gennaio 2021

 
Il caso
Covid 19, sesto decesso tra gli ospiti della casa di riposo di Alberobello

Covid 19, sesto decesso tra gli ospiti della casa di riposo di Alberobello

 
La manifestazione
Proteste a Bari contro il Dpcm: in 500 scendono per strada all'urlo di «libertà»

Proteste a Bari contro il Dpcm: in 500 scendono per strada all'urlo di «libertà». Lanciati fumogeni e bombe carta FOTO/VIDEO

 
La decisione
Covid, Emiliano chiude tutte le scuole di ogni ordine e grado in Puglia: l'annuncio su Sky

Covid, Emiliano: dal 30 ottobre chiuse tutte le scuole in Puglia. L'ordinanza: aperte solo quelle per l'infanzia.
«Entro novembre 2500 contagi»

 
Il match
Calcio, Coppa Italia: Cosenza-Monopoli 2-1

Calcio, Coppa Italia: Cosenza-Monopoli 2-1

 
Il bollettino nazionale
Coronavirus in Italia, 24.991 nuovi casi e 205 morti nelle ultime 24 ore

Coronavirus in Italia, 24.991 nuovi casi e 205 morti nelle ultime 24 ore

 
Lavoro
Mittal Taranto, tensione in fabbrica: sospeso delegato Fiom

Mittal Taranto, tensione in fabbrica: sospeso delegato Fiom

 
Sanità
Covid 19, in 8 ore 252 pazienti nei pronto soccorso del Barese

Covid 19, in 8 ore 252 pazienti nei pronto soccorso del Barese

 
Coppa italia
Il Lecce si arrende al Torino solo dopo i supplementari: 3-1 è il finale

Il Lecce si arrende al Torino solo dopo i supplementari: 3-1 è il finale

 

Il Biancorosso

Il match
Bari calcio, Marras: «Bella sfida il derby con il Foggia»

Bari calcio, Marras: «Bella sfida il derby con il Foggia»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoil siderurgico
ArcelorMittal, sindaco Melucci dopo incidente: «Fabbrica pericolosa, non può continuare»

ArcelorMittal, sindaco Melucci dopo incidente: «Fabbrica pericolosa, non può continuare»

 
LecceGiustizia e Covid
Lecce, l'avvocato Vergine: «Si sospendano le udienze»

Lecce, l'avvocato Vergine: «Si sospendano le udienze»

 
BrindisiCapitaneria
Porto Brindisi, maxisequestro di prodotti ittici surgelati

Porto Brindisi, maxisequestro di prodotti ittici surgelati

 
MateraNel Materano
Bernalda, è ai domiciliari ma spaccia cocaina: in carcere

Bernalda, è ai domiciliari ma spaccia cocaina: in carcere

 
Barinel Barese
Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

Toritto, positivo al Covid va a lavorare nel negozio della moglie: denunciato

 
PotenzaEmergenza contagi
Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

Covid in Basilicata, presto completati gli ospedali da campo

 
Foggiala scomparsa
San Giovanni Rotondo, 85enne esce di casa per andare in campagna e svanisce nel nulla

San Giovanni Rotondo, 85enne esce di casa per andare in campagna e svanisce nel nulla

 
BatL'avvertimento
Canosa, esplode bomba in pieno centro: le telecamere riprendono il presunto attentatore

Canosa, esplode bomba in pieno centro: le telecamere riprendono il presunto attentatore

 

i più letti

duplice omicidio

Confessa killer 21enne dei fidanzati uccisi a Lecce. Non era drogato, aveva copia delle chiavi di casa. Un video immortala l'omicida poco dopo il delitto

Il giovane era un ex coinquilino delle vittime, che aveva le chiavi di casa. Ha studiato il delitto nei minimi dettagli

Lecce, duplice omicidio: in un video la fuga del killer

«Ho fatto una cavolata. So di aver sbagliato. Li ho uccisi perché erano troppi felici e per questo mi è montata la rabbia». Sarebbero queste le parole con le quali Antonio De Marco avrebbe motivato agli investigatori l'assassinio di Daniele De Santis ed Eleonora Manta. Lo si apprende da fonti investigative. Ha confessato nella notte il responsabile del duplice omicidio dei due fidanzati di 33 e 30 anni, massacrati a coltellate il 21 settembre scorso nella loro casa in via Montello a Lecce, fermato ieri sera dai carabinieri. Antonio De Marco, 21 anni, di Casarano (Le), studente di Scienze infermieristiche all'ospedale Vito Fazzi, che aveva vissuto nella casa di via Montello prendendo in affitto una stanza proprio da Daniele De Santis, per un periodo anche insieme a Eleonora. Il nome dell'arrestato è stato fornito nel corso di una conferenza stampa del procuratore della Repubblica Leonardo Leone de Castris nella sede del Comando provinciale dei Carabinieri, ieri in tarda serata. Questa mattina gli stessi militari, in un altro incontro con la stampa, hanno confermato che De Marco è entrato con una copia delle chiavi di casa, li ha colpiti mentre stavano cenando, non era drogato, né aveva bevuto. Dopo l'omicidio si è disfatto dell'arma (un pugnale da caccia che si è procurato qualche giorno prima, di cui è stato recuperato solo il fodero), e dello zainetto, gettandoli nell'immondizia. 'Andrea' è stato confermato essere l'inquilino del piano di sotto, al quale la coppia ha chiesto aiuto, e la sua collaborazione è stata fondamentale per individuare il responsabile.

IL MOVENTE - Pochissimi amici, nessun segno di squilibrio in passato, il giorno del funerale dei due è andato a una festa di compleanno di una collega del tirocinio. Non del tutto chiaro, al momento, il movente dell'omicidio anche se sembra quello di una vendetta personale (i carabinieri hanno escluso il movente passionale e sostengono che la premeditazione sia iniziata appena il 21enne ha liberato l'immobile): il giovane aveva vissuto diverso tempo nella casa di via Montello, dividendo per un periodo anche l'appartamento con Eleonora. Una convivenza 'difficile', a quanto emerge. Tanto che Daniele De Santis, proprietario dell'appartamento, aveva poi deciso di rescindere il contratto d'affitto, e di trasformare quella casa nel suo nido d'amore con 'Elly'. È bastato questo per scatenare la furia omicida del ragazzo? Le prossime ore saranno decisive. A quanto emerge, qualche settimana fa De Marco aveva scritto uno status sul suo profilo Facebook, 'La vendetta è un piatto che va servito freddo'. Non sappiamo se ci sia un collegamento, ma sono parole che, alla luce di quanto emerge, oggi sembrano agghiaccianti. 

CONTINUAVA A COLPIRLI ANCHE QUANDO GLI CHIEDEVANO DI FERMARSI - «Nonostante le ripetute invocazioni a fermarsi urlate dalle vittime, l’indagato proseguiva nell’azione meticolosamente programmata inseguendole per casa, raggiungendole all’esterno senza mai fermarsi. La condotta criminosa si è estrinsecata anche nell’inflizione di un notevole numero  di colpi inferti in parti non vitali (il volto di De Santis) e quindi non necessari per la consumazione del reato, e appare sintomatica di un’indole particolarmente violenta, insensibile ad ogni richiamo umanitario». È quanto si legge nel provvedimento di fermo. Le vittime sono state «inseguite verso l’ingresso dell’abitazione dove si erano portate nel tentativo di fuggire, venendo poi raggiunte, Eleonora sul pavimento del ballatoio, e Daniele sulle scale che dal pianerottolo portavano al piano sottostante».

«La sproporzione tra la motivazione del gesto (potrebbe avere avuto in precedenza una lite) e l'azione delittuosa è ulteriore elemento tale da fare ritenere che quest’ultima sia stata perpetrata per mero compiacimento sadico nel provocare con le predette modalità la morte della giovane coppia. Non si spiega se non nella direzione di inquadrare l’azione in un contesto di macabra ritualità la presenza di oggetti non necessari a provocare la morte della giovane coppia (striscette, soda ecc...)». Continua così il provvedimento.

IL PIANO: TORTURARLI, UCCIDERLI E LASCIARE UNA SCRITTA SUL MURO - Nella notte sono emersi dettagli riguardo il ritrovamento dei bigliettini che il killer ha perso nella fuga, fondamentali per la comparazione calligrafica (il giovane aveva abitato nell'appartamento di De Santis fino all'agosto scorso, e aveva firmato il contratto d'affitto), e sui quali non era riportata solo la mappa del quartiere per evitare le telecamere, ma anche un vero e proprio piano dettagliato di torture precedenti all'omicidio, e l'intenzione di lasciare poi una spettacolare scritta sul muro, come 'messaggio alla collettività'. Sul luogo dell’omicidio, nella casa dei due fidanzati, gli inquirenti hanno trovato due bottiglie di candeggina, fascette tendicavi, e tutta l’attrezzatura che secondo il programma dall’assassino doveva servire a ripulire la scena del crimine per non lasciare traccia.

Sui bigliettini persi durante la fuga, era scritto anche il promemoria con i dettagli dell’acqua bollente, e la candeggina da usare per ripulire tutto, anche se ovviamente qualcosa è andato storto. In nottata setacciata l'abitazione in cui il giovane 21enne viveva attualmente, in una traversa di via San Pietro in Lama, una casa al primo piano che divideva con un coinquilino, già ascoltato, che non ha riferito nulla di rilevante. I carabinieri sono arrivati a lui anche grazie a telecamere, perizia grafica sui bigliettini, intercettazioni, pedinamenti e riprese filmate. L'hanno catturato in prima serata proprio al Vito Fazzi, dove svolgeva il tirocinio: secondo le prime testimonianze, appena i militari sono entrati a prenderlo sarebbe scoppiato a ridere dopo essere caduto per terra. Anche se i carabinieri smentiscono: «Nessuna agitazione, ha chiesto da quanto lo stessimo pedinando».

I VICINI A CASARANO: «RAGAZZO SCHIVO» - «Un ragazzo schivo, timido, introverso». È così che i vicini di casa di Casarano (Lecce) descrivono Antonio De Marco. La casa in via Sciesa dove abitano i genitori, la madre Rosa e il padre
Salvatore, un falegname in pensione, è completamente chiusa. Le tapparelle sono abbassate e non si sentono rumori. Da quanto si apprende giovane avrebbe continuato a frequentare regolarmente le lezioni in ospedale senza destare alcun sospetto. 

I RINGRAZIAMENTI DEL SINDACO ALLE FORZE DELL'ORDINE - Alla Procura della Repubblica, al Comando provinciale dei Carabinieri, a tutti i reparti impegnati nelle indagini va la gratitudine della città di Lecce per il risultato raggiunto, per la celerità con la quale il caso è stato risolto, per l’ammirevole riserbo mantenuto in questa settimana, nella quale nulla è trapelato del complicato e impegnativo lavoro di indagine che ha portato alla individuazione del confesso omicida. Una condotta esemplare che suscita ammirazione per l’altissimo livello di professionalità dimostrato. Credo meriti una menzione anche la civiltà e il rispetto con il quale la cittadinanza ha partecipato a questa vicenda. Sottraendosi a quei fenomeni di voyeurismo o curiosità morbosa che hanno caratterizzato altri casi simili negli ultimi anni. Segno di una maturità e di una sensibilità che significa la autentica sofferenza, partecipazione e rispetto questa tragica vicenda, che segnerà la nostra comunità per gli anni a venire. Ai parenti, agli amici, ai conoscenti di Daniele ed Eleonora ribadisco il commosso sentimento di vicinanza di tutta la comunità. Queste le parole del sindaco di Lecce Carlo Salvemini.

L'OMICIDIO IL 21 SETTEMBRE - I due giovani, ricordiamo, furono uccisi a coltellate nell'appartamento in cui si erano trasferiti: proprio quel giorno la coppia era andata a convivere in quella casa al civico 2 di via Montello che fino a poco tempo prima era stata data in affitto. L'autopsia ha confermato la furia cieca con cui il killer si è accanito suo due, in particolar modo la donna colpita da almeno 30 coltellate (15 il suo fidanzato). Del killer si conosceva solo una immagine, di spalle, catturata da una telecamera di sorveglianza di una delle strade da cui si sarebbe allontanato dopo il delitto.

Gli investigatori hanno ascoltato più di 100 persone in questi giorni, partendo dai contatti dei due giovani, la rete delle amicizie, le frequentazioni, dei rapporti di lavoro. I cellulari dei due giovani (lui arbitro, lei dipendente dell’Inps di Brindisi) sono stati passati al setaccio alla ricerca di messaggi utili per fare luce sul duplice omicidio. L’attenzione degli investigatori si è soffermata sulle applicazione di messaggistica, sulla posta elettronica, su contatti, post e condivisioni sui social network.La Procura di Lecce ha conferito formalmente l’incarico al consulente informatico Silverio Greco che dovrà analizzare il contenuto dei dispositivi informatici sequestrati alle vittime.

L’esame sarà compiuto sui due computer trovati nell’appartamento in via Montello, sul pc che Eleonora utilizzava nel suo ufficio presso la sede Inps di Brindisi e su un pc sequestrato presso la casa della madre, a Seclì (Lecce); il consulente esaminerà anche un tablet, un vecchio telefono cellulare in uso a De Santis ed una chiavetta usb. Il consulente dovrà effettuare copia forense che sarò messa a disposizione degli investigatori e accertare se siano stati cancellati dati dai dispositivi. I risultati saranno depositati entro 10 giorni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie