Martedì 27 Ottobre 2020 | 08:26

NEWS DALLA SEZIONE

La manifestazione
Lecce, nuovo Dpcm: tensioni in piazza, forzato cordone Polizia. «Meglio morire di Covid che di fame»

Lecce, nuovo Dpcm: tensioni in piazza, forzato cordone Polizia. «Meglio morire di Covid che di fame»

 
la provocazione
Taviano, #iorestoaperto: gestore cinema sfida norme Dpcm

Taranto, nuovo Dpcm: titolare palestra si incatena. E nel Leccese gestore cinema: #iorestoaperto, ma poi ci ripensa

 
Il caso
Lecce, positivo giudice popolare: Corte d'Assise in isolamento fiduciario

Lecce, positivo giudice popolare: Corte d'Assise in isolamento fiduciario

 
Il salvataggio
Sbarco di migranti a Nardò: in 28 soccorsi dalla Guardia Costiera. Tra loro anche minori

Sbarco di migranti a Nardò: in 28 soccorsi dalla Guardia Costiera. Tra loro anche minori

 
La nomina
Dopo la Congregazione santi, il salentino Semeraro diventa cardinale

Dopo la Congregazione santi, il salentino Semeraro diventa cardinale

 
opera «invasiva»
Tap, sindaco Lecce prende posizione: ««Chiederò al Governoi ristori per il gasdotto»

Tap, sindaco Lecce prende posizione: «Chiederò al Governo ristori per gasdotto»

 
Serie B
Calcio Lecce, positivi al Covid calciatore e componente staff: entrambi in isolamento

Calcio Lecce, positivi al Covid calciatore e componente staff: entrambi in isolamento

 
ambiente
Una speranza verde nel futuro del Salento: piantumati noci, cotogni, fichi, melograni vicino agli ulivi disseccati

Una speranza verde nel futuro del Salento: piantumati noci, cotogni, fichi, melograni vicino agli ulivi disseccati

 
Emergenza contagi
Galatina, assessore positivo al Covid, sindaco e giunta comunale in isolamento

Galatina, assessore positivo al Covid: sindaco e giunta comunale in isolamento

 
Nel Salento
Campi Salentina, lascia la moglie, martellate in testa dai due cognati: grave 36enne

Campi Salentina, lascia la moglie, martellate in testa dai due cognati: grave 36enne

 
L'indagine
Lecce, foto porno e istigazioni al suicidio su chat videogame per bambini: 5 denunce ( 3nella Bat e a Melfi)

Lecce, foto porno e istigazioni al suicidio su chat videogame per bambini: 5 denunce (3 nella Bat e a Melfi)

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari, al San Nicola prima vittoria di stagione: battuto 4-1 il Catania

Bari, al San Nicola prima vittoria di stagione: battuto 4-1 il Catania

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL’operazione
Bari, blitz dei Ros smantella organizzazione mafiosa: 48 misure cautelari

Bari, smantellata organizzazione mafiosa in blitz Ros: 48 misure cautelari

 
FoggiaIl contagio
Rodi, in scuola 25 bimbi e 9 insegnanti positivi. Sindaco: alunni in ottima salute

Rodi, in scuola 25 bimbi e 9 insegnanti positivi. Sindaco: alunni in ottima salute

 
LecceLa manifestazione
Lecce, nuovo Dpcm: tensioni in piazza, forzato cordone Polizia. «Meglio morire di Covid che di fame»

Lecce, nuovo Dpcm: tensioni in piazza, forzato cordone Polizia. «Meglio morire di Covid che di fame»

 
Taranto2 novembre
Taranto, ingressi contingentati al cimitero per la commemorazione dei defunti

Taranto, ingressi contingentati al cimitero per la commemorazione dei defunti

 
PotenzaControlli dei CC
Malfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

Melfi, in deposito agricolo nascondeva armi e munizioni: arrestato 46enne

 
Batl'intervista
Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

Pedopornografia on line, don Fortunato: «Non si abbassi la soglia di attenzione»

 
Materacontrolli della ps
Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

Matera, si affaccia al balcone e spaccia stupefacenti: arrestato pusher 46enne

 
Brindisiopere pubbliche
Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

Ceglie Messapica, lavori alla torre finalmente ripresi

 

i più letti

I retroscena

Duplice omicidio Lecce, i testimoni: «Dieci chiamate al 112, violenza inaudita»

Fondamentali sono state le testimonianze di chi ha visto il killer, per le scale e per strada, e di chi ha sentito le urla di Daniele ed Eleonora

Duplice omicidio Lecce, i testimoni: «Dieci chiamate al 112, violenza inaudita»

«Sto sentendo delle grida... si sentono delle grida allucinanti, proprio con una violenza inaudita». E’ il racconto dei testimoni dell’omicidio di Daniele De Santis e Eleonora Manta a confermare quella che il pm definisce la «spietatezza» di Antonio De Marco, l’assassino 21enne che ha confessato l’omicidio. Nel giro di dodici minuti, dalle 20.45 alle 20.57 del 21 settembre, arrivano alle forze dell’ordine 10 telefonate che descrivono quello che sta accadendo nel palazzo di via Montello a Lecce.

Uno dei testimoni chiave è Luixhi Hasanaj, un uomo di origini albanesi che ha visto De Marco fuggire dal palazzo subito dopo l’omicidio e che lo ha riconosciuto in un video registrato da una sistema di videosorveglianza. Hasanai era a passeggio con il cane vicino alla palazzina dove vivevano i due. "Ho udito delle urla di una donna e di rumori di vetri infranti...le urla erano di una donna ed erano disperate di aiuto...sentivo la donna che diceva 'Basta Andreà». Mentre il testimone richiama i carabinieri, l’assassino esce dal palazzo. "Era alto circa 1,80 - racconta Hasanaj - corporatura normale, carnagione chiara, indossava una felpa scura con cappuccio, jeans blue scuso e zaino. Durante la fuga il soggetto aveva un grosso coltello di grosse dimensioni».


Le urla di Eleonora sono state sentite anche da 5 ragazzi che vivono nella casa dello studente, vicino alla palazzina dove è avvenuto l’omicidio. I cinque «udivano le urla disperate di una donna» scrive il pm che poi aggiunge: «tutti e cinque sostenevano di aver udito delle frasi di un uomo del tipo 'ti prego Andrea basta! Fermati, basta'». Il riferimento ad Andrea ricorre spesso tra le testimonianze e, secondo gli investigatori, si tratta del vicino di casa, Andrea Laudisa, che quando sente le urla apre per un istante la porta e urla: «cosa state facendo, ho chiamato la polizia». «Appare verosimile che il povero De Santis - scrive il pm - avesse a sua volta avvertito l’intervento del Laudisa e ne invocasse l’aiuto».

Anche Laudisa è stato ovviamente sentito dagli inquirenti. "Attorno alle 20.45 - racconta - sentivo delle urla provenire dall’abitazione sopra la mia...in particolare sentivo dei forti rumori di mobili che cadevano e delle urla di una donna e di un uomo....sentivo che pronunciavano delle frasi tipo 'aiuto, che stai facendo' Ahi!' Le urla erano tali che capivo subito che non si trattava di una semplice lite». Laudisa senta la voce di Eleonora implorare l’assassino. «Che stai facendo? Ci stai ammazzando». Poco dopo l’uomo vede l’omicida inseguire per le scale l’arbitro Daniele De Santis. «Notavo una persona che si trascinava per le scale» e un’altra «che si avvicinava e lo colpiva più volte e sentivo la persona per terra che implorava il soggetto che lo stava colpendo dicendogli più volte 'basta, basta, basta'». Subito dopo, conclude, «ho notato questa figura che, con passo normale e apparentemente tranquillo, scendeva le scale». Laudisa e la sua fidanzata fanno complessivamente 3 telefonate alle forze di polizia. «C'è qualcuno che sta accoltellando qualcun altro sulla scala, dovete arrivare velocemente, non si apre il portone dovete sfondarlo, perché io non posso scendere ad aprilo, c'è un pazzo sulle scale che sta accoltellando qualcuno».

L’ultimo a sentire Eleonora viva è Daniel De Luca, un ragazzo residente anche lui alla casa dello Studente. Il giovane chiama il 112 e mette il telefono in vivavoce per far sentire le urla della donna. «Al termine della telefonata - aggiunge - ricordo di aver fatto caso che le urla di aiuto della donna andavano ad affievolirsi sempre più fino a non udirle più».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie