Lunedì 30 Marzo 2020 | 12:38

NEWS DALLA SEZIONE

bollettino regionale
Coronavirus Basilicata, i positivi salgono a 211 Cinque le vittime

Coronavirus Basilicata, i positivi salgono a 211 Cinque le vittime

 
L'allarme
Bari, Ordine dei medici: contagi superiori ai dati ufficiali, serve fare più test

Bari, Ordine dei medici: contagi superiori ai dati ufficiali, serve fare più test

 
Il caso
Tremiti, stop collegamenti Tirrenia: commissari sequestrano conti

Tremiti, stop collegamenti Tirrenia: commissari sequestrano conti

 
emergenza coronavirus
Policlinico Bari, Dpi sufficienti solo per oggi: «Manca anche il personale»

Bari, allarme al Policlinico: le mascherine finiscono oggi, personale a rischio
Il dg: malati senza assistenza

 
L'emergenza
Coronavirus, in Puglia il personale sanitario potrà andare negli alberghi

Coronavirus, in Puglia il personale sanitario potrà andare negli alberghi

 
emergenza coronavirus
Puglia, prorogata esenzione ticket per redditi: codici validi sino a settembre

Puglia, prorogata esenzione ticket per redditi: codici validi sino a settembre

 
Sanità
Bari, doppio trapianto di reni eseguito al Policlinico

Bari, doppio trapianto di reni eseguito al Policlinico

 
tragedia sfiorata
Galatina, fiamme al materasso, divampa incendio in stanza ospedale

Galatina, paura in ospedale: a fuoco materasso, fiamme in una stanza

 
La denuncia
Poliziotti penitenziari picchiati in carcere a Foggia e Trani: «Siamo abbandonati»

Poliziotti penitenziari picchiati in carcere a Foggia e Trani: «Siamo abbandonati»

 
Sulla nave di crociera
Coronavirus, marittimo di Mola a bordo della Costa Diadema ha polmonite

Coronavirus, marittimo di Mola a bordo della Costa Diadema ha polmonite

 
Solidarietà
Bari calcio, le lettere dei piccoli tifosi recapitate ai nonni con la spesa

Bari calcio, le lettere dei piccoli tifosi recapitate ai nonni con la spesa

 

Il Biancorosso

le dichiarazioni
Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

Angelozzi e la grande paura: «Senza calcio manca l'aria»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeL'allarme
Bari, Ordine dei medici: contagi superiori ai dati ufficiali, serve fare più test

Bari, Ordine dei medici: contagi superiori ai dati ufficiali, serve fare più test

 
Foggiala decisione
Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

Sequestro conti Tirrenia, stop collegamenti con le Tremiti

 
PotenzaLa decisione
Truffa parchi fotovoltaici in Basilicata, confermati sequestri

Truffa parchi fotovoltaici in Basilicata, confermati sequestri

 
Materacontrolli
Matera, a spasso con l'eroina: arrestato pusher

Matera, a spasso con l'eroina: arrestato pusher

 
Batemergenza coronavirus
Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

Trani, Ordine avvocati: «Pieno sostegno al mondo della Sanità»

 
Hometragedia sfiorata
Galatina, fiamme al materasso, divampa incendio in stanza ospedale

Galatina, paura in ospedale: a fuoco materasso, fiamme in una stanza

 
TarantoIl personaggio
Camillo Pace esorcizza il Covid 19:  con contrabbasso e jazz nell’anima di cantautore

Camillo Pace esorcizza il Covid 19: con contrabbasso e jazz nell’anima di cantautore

 

i più letti

bufera

«Spiava il cda»: cacciato De Sanctis, l'ad di Aqp sorpreso a registrare con l'iPad riunione sulla sua buonuscita

Il manager aveva chiesto la rescissione anticipata del contratto. Prima di uscire dalla sala riunioni ha fatto partire una chiamata

«Spiava il cda»: cacciato De sanctis, l'ad di Aqp sorpreso a registrare con l'iPad riunione sulla sua buonuscita

«Meglio di lui c’era soltanto Marchionne, ma non potevamo permettercelo», disse Michele Emiliano nell’aprile 2016 presentando Nicola De Sanctis, il manager scelto per guidare l’Acquedotto Pugliese. Eppure da ieri l’ingegnere genovese non è più, di fatto, il direttore generale e l’amministratore della principale società pubblica del Mezzogiorno: sospeso, ma sostanzialmente cacciato, con la gravissima accusa di aver spiato i lavori del consiglio d’amministrazione.
Ciò che sarebbe avvenuto ha, infatti, dell’incredibile. Martedì uno dei punti all’ordine del giorno del cda di Acquedotto era la definizione della transazione con De Sanctis che - come noto - aveva chiesto di lasciare l’azienda prima della scadenza naturale dell’incarico, intuendo che non sarebbe stato riconfermato. A quel punto, come prassi, il presidente Simeone Di Cagno Abbrescia ha chiesto all’ingegnere ligure di allontanarsi dalla sala. Lui, secondo la ricostruzione contenuta nella lettera di contestazione che gli è stata consegnata, avrebbe lasciato in sala riunioni il suo iPad e alcuni fogli, appoggiando il tablet su uno scaffale alle spalle del tavolo delle riunioni. Ma qualcuno deve aver considerato strana quella mossa, e così è andato a guardare: e ha scoperto che il tablet era acceso in videochiamata. A quel punto De Sanctis è rientrato nella sala ed è successo ciò che è intuibile.

La transazione era ormai quasi definita sulla base di una buonuscita pari a circa 200mila euro. De Sanctis (che ieri sera la «Gazzetta» ha tentato invano di contattare per ottenere la sua versione dei fatti) è ancora formalmente un dipendente di Aqp, essendone direttore generale, ma la contestazione che lo invita a fornire spiegazioni sull’accaduto entro 5 giorni è, nei fatti, una lettera di licenziamento. Il manager è stato invitato a restituire i beni aziendali (auto, carta di credito, cellulari, schede sim), cosa che ha fatto nella mattinata di ieri prima di fare rientro a Milano.
Il cda di Acquedotto, presieduto da Di Cagno Abbrescia, si svolge alla presenza di un magistrato della Corte dei conti (martedì era presente il supplente, Fabia D’Andrea), ed è dunque possibile che l’episodio abbia strascichi di altro tipo.
De Sanctis arrivò nell’aprile 2016 in virtù della sua esperienza in Iren, chiamato da Emiliano come presidente per affiancare il numero due Lorenzo De Santis, a 100 giorni dalle dimissioni di Nicola Costantino (nominato da Vendola) che non gradì la scelta dell’azionista (cioè del governatore) di tornare al consiglio di amministrazione abbandonando la formula dell’amministratore unico. A giugno 2017 anche Lorenzo De Santis, insieme all’avvocato Francesca Pace, rassegnerà le dimissioni ritenendo «esaurito» il proprio compito ma in realtà in contrasto con il suo quasi omonimo con la «c». Gli subentrerà un altro costruttore, Nicola Canonico, fino ad allora ritenuto un fedelissimo di Emiliano (insieme a lui entrò Carmela Fiorella, compagna del consigliere regionale Filippo Caracciolo): ma nel febbraio 2018 anche il secondo vicepresidente è stato fatto fuori, con la Regione che ha chiesto agli altri due componenti del cda le dimissioni concordate dopo la rottura con Canonico sulla gestione degli appalti. Il resto è storia recente: al posto di Canonico è entrato l’ex sindaco di Bari, Simeone di Cagno Abbrescia, e il cda è stato allargato a cinque membri con gli avvocati Luca Perfetti e Floriana Gallucci. De Sanctis è stato progressivamente ridimensionato nelle sue competenze, fino a togliergli la delega sul personale che è vitale per un capo-azienda. Ecco perché a novembre scorso l’ingegnere ha intavolato la trattativa per l’uscita anticipata rispetto alla scadenza di giugno. Fino a questo incredibile epilogo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie