Venerdì 19 Luglio 2019 | 22:28

NEWS DALLA SEZIONE

Calcio
Lecce, record di abbonamenti: oltre 13mila per la serie A

Lecce, record di abbonamenti: oltre 13mila per la serie A

 
Il caso
Dress-code alle corsiste: confermati i domiciliari a ex giudice Bellomo

Dress-code alle corsiste: confermati i domiciliari a ex giudice Bellomo

 
Al rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
Il rapporto
Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

Relazione semestrale Dia: «Mafia foggiana più efferata della 'ndrangheta»

 
A taranto
ArcelorMittal, sindacato Usb: «Materiale ferroso in insalata a mensa»

ArcelorMittal, sindacato Usb: «Materiale ferroso in insalata a mensa»

 
Società fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
L'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
Le dichiarazioni
Lecce, Petriccione: «La serie A? Un'avventura stimolante»

Lecce, Petriccione: «La serie A? Un'avventura stimolante»

 
L'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
Sfruttamento del lavoro
Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

Caporalato, conferenza permanente in Prefettura a Foggia

 
Il pluriomicidio
Sava, ex carabiniere uccise padre, sorella e cognato: condannato all'ergastolo

Sava, ex carabiniere uccise padre, sorella e cognato: condannato a 30 anni

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoAl rione Salinella
Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

Taranto, uccisero pregiudicato sparando tra la gente: 20 anni a 2 fratelli

 
BariSocietà fallì nel 2011
Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

Bancarotta, Riesame restituisce 1mln di euro a imprenditore barese Degennaro

 
PotenzaL'incidente
Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

Teana, travolto da trattore mentre lavorava i campi: morto 77enne

 
LecceL'evento
Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

Otranto, il Faro di Punta Palascìa apre al pubblico

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BrindisiPer un valore di 1000 euro
Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

Da Brindisi al Coin di Lecce per rubare profumi: arrestati tre giovani

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

Il caso

Rifiuti, Mennea (Pd) attacca l'Ager: fiumi di consulenze immotivate, gestione inefficace
E l'opposizione: i sindaci che fanno?

Il consigliere regionale coglie l'occasione delle ultima emergenze (e il rischio di aumento della Tari per Barletta) per contestare la gestione dell'Agenzia che sembra "affidata" a consulenti

Puglia, caos rifiuti: Ager sotto tiro. M5S: inefficiente. Stea: colpa dei Comuni

L'emergenza rifiuti che sta scoppiando in Puglia solleva un polverone politico. Nel mirino, da un po' di tempo, c'è l'Ager, l'agenzia per la gestioni dei rifiuti della Regione Puglia, che da due anni ha rimpiazzato i vecchi Ato accentrando tutti i poteri in materia di gestione del ciclo dei rifiuti. Dopo le accuse dell'opposizione - M5S in testa - che nei giorni scorsi aveva accusato di inefficienza l'Agenzia, ora arriva fuoco amico. Il consigliere regionale Pd, Ruggiero Mennea, spara a zero sull'Ager, dopo il conferimento da parte del Comune di Barletta del servizio di conferimento della frazione organica (dal 3 giugno al 3 settembre) alla Ecodaunia di Cerignola. 

«A BARLETTA 1,1 MLN DI EURO IN PIU' DI TASSA»

“Oltre all’incompetenza dimostrata finora nel ruolo che ricopre - visti i risultati deludenti prodotti nel campo dei rifiuti pugliesi - il direttore dell’Ager Puglia ora scarica sui cittadini, in particolare oggi su quelli di Barletta, la sua inconcludente attività nel chiudere il ciclo dei rifiuti. Noi in Consiglio regionale stiamo ancora aspettando di discutere il piano dei rifiuti, ma ora l’attesa è entrata nel tunnel dell’emergenza. Il costo del servizio a Barletta sarà di 1,1 milioni di euro per quattro mesi – spiega Mennea. “Si pagheranno 275mila euro al mese per un servizio che, prima, costava in media 150mila euro, con un aggravio di 125mila euro. A tonnellata si pagheranno 198 euro più Iva, rispetto ai 141 più Iva di prima. Questo determinerà inevitabilmente un aumento della Tari (tassa rifiuti), che già oggi i cittadini pagano per coprire il costo del servizio".

Poi Mennea l'ancia l'affondo finale. "Finora l’avvocato Gianfranco Grandaliano, direttore dell’Ager, si è distinto solo – continua l’esponente di maggioranza in Consiglio regionale - per aver conferito numerosi incarichi immotivati, con un’utilità pubblica tutta da dimostrare. Mi chiedo: ma i sindaci soci di Ager Puglia perché tacciono? Perché non si ribellano ad una gestione monocratica e non condivisa di questa Agenzia le cui decisioni ricadono sulle loro comunità amministrate?"

CONSULENTI FINO A 100MILA EURO

Il riferimento è ai "numerosi incarichi" - come scrive Mennea - affidati ai consulenti esterni (e ai co.co.pro.) con cifre che arrivano fino a oltre 100mila euro l'anno per supporto amministrativo o giudirico (come si ricava dai dati - parziali - pubblicati sul sito dell'Ager), da quando si è costituita l'Agenzia. Fino a pochi giorni fa - fanno sapere dalla Regione - all'Ager c'erano solo due dipendenti giunti a febbraio scorso con una procedura di mobilità che in realtà prevedeva di reclutare più gente, ma con scarsi risultati: qualche giorno fa si è insediato un dirigente, il direttore tecnico, l'ing. Antonio Di Biase, fino a maggio scorso manager dell'Amiu e ora chiamato a dar man forte all'Agenzia

Nonostante tutto, la gestione dell'Agenzia sembra "dipendere" dagli esterni. E l'Ager ha ild delicato compito di occuparsi dei bandi per la realizzazione di nuovi impianti previsti dal Piano strategico dei rifiuti in attesa dell'approvazione del nuovo Piano adottato circa un anno fa. 

MARMO (FI): CAOS, LA REGIONE DA ANNI GIRA A VUOTO

Tari in aumento e strade come discariche. Per il presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Nino Marmo“La responsabilità di questo ennesimo fallimento –aggiunge- non può che ricadere sui vertici regionali, che continuano a girare a vuoto dopo quattro anni senza minimamente preoccuparsi ed occuparsi dei problemi dei pugliesi che, ingenuamente, lo hanno votato ed eletto. I Comuni sono costretti ad aumentare la tassa dei rifiuti perché il servizio costa troppo, senza che l’ennesima super agenzia di Emiliano (l'Ager, ndr)sia riuscita a chiudere il ciclo dei rifiuti e a fare una programmazione seria, e quando le si pongono domande risponde che prendono disposizioni dall’assessorato.

ZULLO (DIT): CHE FA IL PRESIDENTE DELL'ANCI?

In una lettera aperta inviata al presidente Anci Puglia, Domenico Vitto, il capogruppo Dit, Ignazio Zullo stigmatizza il comportamento del referente dei sindaci pugliesi parlando di solidarietà in questo momento di emergenza rifiuti. «Solidarizzare perché sono proprio i sindaci, e lei come sindaco della splendida località di Polignano a Mare dovrebbe ben saperlo, i parafulmini dell’inefficienza e inadeguatezza delle Politiche ambientali che poi vengono attuate dall’Agenzia dei Rifiuti (Ager). L’assenza di adeguata organizzazione, pianificazione, ma l’assenza in realtà di impianti mai realizzati ha fatto diventare i nostri rifiuti come dei turisti: viaggiano specie d’estate, quando l’emergenza rischia di diventare anche un problema sanitario».

«Le periferie delle nostre località - prosegue Zullo - invece, che essere bigliettino da visita ai tanti stranieri e non che scelgono la Puglia come meta delle loro vacanze, diventano discariche a cielo aperto, con relativi rimpalli di responsabilità fra sindaci, presidenti di provincia (se sono strade provinciali), assessorato e tecnici dell’assessorato. Gli impianti si chiudono e le soluzioni trovate, chiaramente con un aggravio di costi, pesano solo su alcuni territori che vedono compromessa la loro stagione turistica, anche per la presenza inopportuna di camion che trasportano rifiuti sulle stesse strade che portano al mare.

«Proprio perché tutta la colpa finisce per ricadere sui Sindaci mi sarei però aspettato una sorta di "rivolta" dell'Anci nei confronti di questa gestione regionale dei rifiuti. Mi appare alquanto strano che l'Anci non sia mai intervenuta neppure per sollecitare soluzioni alla Regione Puglia, al presidente Michele Emiliano, all’assessore all’Ambiente Gianni Stea, al direttore dell’Ager, Gianfranco Grandaliano, quest’ultimo per altro siede su una poltrona sostenuta dai cittadini pugliesi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie