Lunedì 21 Ottobre 2019 | 09:02

NEWS DALLA SEZIONE

Serie A
Milan - Lecce finisce 2-2, pareggio in corner per i giallorossi

Milan - Lecce finisce 2-2, pareggio in corner per i giallorossi

 
L'onoreficenza
Migliori studenti d'Italia premiati da Mattarella: tra loro 4 pugliesi e un lucano

Migliori studenti d'Italia premiati da Mattarella: tra loro 4 pugliesi e un lucano

 
Serie C
Il Potenza batte il Catanzaro 2 a 0: ora è in testa al campionato

Il Potenza batte il Catanzaro 2 a 0: ora è in testa al campionato

 
La visita
Scuola, domani il ministro Fioramonti in visita a Taranto

Scuola, domani il ministro Fioramonti in visita a Taranto

 
Serie C
Avellino-Bari, la doppietta di Simeri non basta: finisce 2-2

Avellino-Bari, la doppietta di Simeri non basta: finisce 2-2

 
Invasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
IL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
L'inchiesta
Foggia, arresto Cera: polemiche sul gip, il fratello ha avuto una nomina da Emiliano

Foggia, arresto Cera: polemiche sul gip, il fratello ha avuto nomina da Emiliano

 
Salgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl contest
Casamassima, MusicGallery Puglia premia i talenti musicali: tutti i vincitori

Casamassima, MusicGallery Puglia premia i talenti musicali: tutti i vincitori

 
TarantoLa visita
Scuola, domani il ministro Fioramonti in visita a Taranto

Scuola, domani il ministro Fioramonti in visita a Taranto

 
PotenzaInvasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
LecceIL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
FoggiaSalgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 

i più letti

Verso le Europee

Bari, l'imprenditore «made in Cina»: dal Sud ponte verso Ue e Oriente

Nicola Brienza, bitontino, è candidato per il Pd: giusto guardare a Est ma nell'accordo con Pechino molte promesse e pochi fatti

Bari, l'imprenditore «made in Cina»: dal Sud ponte verso Ue e Oriente

Imprenditore da anni radicato in Cina, amante del calcio e con uno sguardo pragmatico sulle esigenze di un’Italia smarrita nella sfida globale. È questo l’identikit di Nicola Brienza, bitontino classe 1974, candidato dal Partito democratico nella Circoscrizione meridionale delle Europee. Parte oggi la sua campagna elettorale, tra social e strada, con lo slogan «Meno confini, più orizzonti».

Nicola Brienza, perché è sceso in campo con il Pd?
«Sono un moderato di centro, gli unici partiti con cui avrei potuto schierarmi sono Pd e Forza Italia, ma la vocazione sociale del primo è stata determinante».

Dire Pd, oggi, vuol dire poco. C’è un leader in cui si riconosce?
«Direi Michele Emiliano per quel processo di allargamento della coalizione che ha messo in atto. L’obiettivo, dal mio punto di vista, è quello di creare un grande partito di centro. Ciò detto, credo che il nuovo leader che gli italiani aspettano debba ancora palesarsi».

Tiriamo a indovinare: da moderato, la vocazione «populista» del governo gialloverde non le va giù...
«Guardi, noi italiani residenti all’estero siamo abituati a dare una valutazione pragmatica dei governi. Poco tifo da stadio e molta concretezza».

E allora proviamo a scendere nel concreto. Da imprenditore la flat tax la convince?
«In un contesto diverso, con meno debito e un Pil più alto, sarebbe stata una buona idea. Oggi, più che altro, può fornire un vantaggio dal punto di vista della semplificazione».

Il reddito di cittadinanza?
«Avrei varato più che altro un reddito del lavoro, agevolando, con un ritorno economico, le imprese che investono sui giovani. Quei soldi li avrei impiegati così, creando lavoro vero piuttosto che assumere navigator per cercare occupazioni che non ci sono».

Capitolo Cina. Il governo Conte ha fatto bene a siglare un accordo strutturale con Pechino?
«Aprire un canale di comunicazione con la Cina è necessario. Io ho seguito l’accordo dalla parte cinese e ha un problema: sono tutte promesse di lavoro, dichiarazioni di intenti, senza cifre né tempistiche. Per ora non arriva denaro vero. Non abbiamo venduto auto della Ferrari, navi di Fincantieri o elicotteri di Leonardo, né risolto il problema di D&G, oggi fuori dal mercato cinese. La Francia invece ha concretamente piazzato i propri prodotti».

È vero che si poteva fare di più per il Sud, magari dando centralità ai porti pugliesi?
«Da meridionale è una aspirazione legittima. Il problema è che si privilegiano Trieste e Genova perché sono già Europa. In meno di un’ora sei in Austria, Slovenia e Svizzera. Puoi puntare su Taranto, ma poi come raggiungi rapidamente, e in modo economico, il continente? La velocità dei collegamenti è decisiva».

Come si risolve il problema?
«Se sarò eletto dedicherò molte energie proprio al nodo dei collegamenti infrastrutturali con impatto ambientale zero. Da Sud verso Nord, certo, ma anche verso Est, cioè Albania e Montenegro. Il futuro non è né in cielo, né su strada, ma sottoterra. L’Hyperloop, il tunnel a bassa pressione, nel progetto dell’imprenditore Elon Musk, dovrebbe permettere di spostarsi da San Francisco a Los Angeles in meno di 18 minuti. Il futuro è quello ».

Ancora sulla Cina. Hanno fondamento gli allarmi lanciati sul 5G?
«La questione è reale. Finora abbiamo lavorato con l’Ovest, ora a Est. Ma si tratta di scegliere da chi farsi controllare, un problema che ritornerà anche per il 6G».

La soluzione?
«Un 6G europeo. Per lavorarci bisognerebbe dare fondi al Cnr, diretto oltretutto da un leccese, Massimo Inguscio».

Chiudiamo sul calcio. È vero che un anno fa ha tentato di comprare il Bari? Ci pensa ancora?
«Vero, ma la situazione al tempo non lo permetteva. Oggi De Laurentiis è l’uomo giusto per guidare la società, in futuro vedremo come evolveranno le cose. I sogni non evaporano».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie