Mercoledì 24 Aprile 2019 | 19:48

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

Stupro in Cara Bari, in carcere sesto uomo gang nigeriana

 
Verso il 26 maggio
Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

Bari, due sondaggi sulle comunali: «Decaro vince al primo turno», «Ballottaggio con Di Rella»

 
A Bari
Concessione spiaggia Torre Quetta: rinvio a giudizio per 3 indagati

Concessione spiaggia Torre Quetta: rinviati a giudizio 3 indagati

 
Serie C
Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

Bari calcio, «San Nicola» boom boom: festa della resurrezione

 
Elezioni in vista
A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

A Bari e a Lecce ecco i nomi dei «figli d'arte» nelle liste politiche

 
Primo caso a Sud
Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

Taranto, operata di tumore al cervello mentre suona il violino

 
Nel quartiere San Paolo
Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

Bari, col fratello fa irruzione in casa e aggredisce ex moglie: arrestati

 
Stalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
emergenza in puglia
Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanze per bloccare il batterio

Xylella nel Barese, Noci firma l'ordinanza per bloccare il batterio

 
La visita
Ex Ilva, Di Maio a Taranto: scatta il sit in oltre la zona rossa

Ex Ilva, Di Maio a Taranto: «Mai pensato di chiudere lo stabilimento» 
Associazioni vanno via: «È teatrino»

 
La festa non autorizzara
Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

Taranto, si sballano a rave party: 17 denunciati, tra loro un minorenne

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Il caso

Puglia, le liste d'attesa infiammano
il Consiglio. Passa la «linea» statale
Medici verso sciopero intramoenia

Ore di dibattito in aula sulla proposta di Amati, poi si decide di recepire l'intesa Stato-Regioni. Verso l'agenda unica per le visite

sanità

Il Consiglio regionale della Puglia, a 14 mesi di distanza dalla presentazione della proposta sulle liste di attesa in sanità, che nella parte più controversa prevede la sospensione dell’attività a pagamento qualora i tempi di attesa siano molto più brevi di quelli per l’attività pubblica, è stato impegnato per ore nel tentativo di cercare un’intesa sul testo. Dopo ore di discussione e diversi emendamenti si è raggiunto l'accordo sul recepimento dell’intesa Stato-Regioni sul Piano nazionale di governo delle liste di attesa e, in conformità con le linee di intervento in esse definite, l’impegno ad adottare il piano regionale di governo delle liste di attesa, senza introdurre elementi dissonanti da quanto previsto a livello nazionale per tutte le regioni.

Nel dibattito in Aula è intervenuto anche il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sottolineando che «il recepimento dell’intesa è un atto dovuto». «L'attività libero professionale intramoenia non è solo una questione di liste d’attesa, visto che l’Alpi - ha ricordato Emiliano - è nata per consentire il diritto al cittadino di scegliere il medico che vuole, anche se fa parte del servizio pubblico. Disconoscerlo sarebbe un inevitabile favore alla sanità privata». «Occorre muoverci con grande cautela, sottrarre la proposta - ha concluso Emiliano - alle legittime questioni di contesto perché abbiamo bisogno di concludere oggi questo dibattito risanando alcune ferite createsi tra di noi e con i cittadini».

Intanto dall’Ordine dei medici di Lecce arriva la proposta di sciopero dell’intramoenia per respingere al mittente le accuse di chi attribuisce le lunghe liste d’attesa all’attività libero professionale dei camici bianchi. Pieno appoggio arriva dal Coordinamento dei medici ospedalieri (Cimo-Fesmed) che non ci stanno a farsi contestare che l'attività dei medici in libera professione sia connessa con il problema delle liste d’attesa: «Criminalizzare i medici è solo un paravento per deviare l’attenzione e lo scontento da responsabilità politiche e inefficienze gestionali». "Fin da novembre scorso - si legge in una nota di Cimo - abbiamo invitato i medici pugliesi all’autosospensione dalla libera professione per dimostrare polemicamente che il fermo di questa attività, che pur rappresentano una percentuale irrisoria dell’attività ambulatoriale erogata in una struttura ospedaliera, porterebbe ad ulteriori allungamenti delle liste di attesa».

I nodi, spiegano i medici ospedalieri, non sono nella possibilità di esercitare visite fuori dai propri turni ospedalieri, che invece supportano il flusso della domanda di prestazioni che arrivano ai Cup, ma nella mancanza di medici sufficienti nei turni e in particolare di medici specializzati, oltre che di investimenti in tecnologie sanitarie efficienti. "La storia vera - affermano - è quella di una forte carenza di medici e assistenza di fronte alle richieste dei pazienti. Che peggiorerà se si blocca la libera professione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400