Venerdì 17 Settembre 2021 | 10:28

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

L'intervista

Sindaco Salerno: «Non giudico scelta di Polignano, da noi luminarie gratis» FOTO

Il primo cittadino Vincenzo Napoli fa un bilancio delle sue "Luci d'artista", che ogni anno accolgono un milione e mezzo di visitatori

Sindaco Salerno: «Polignano incantevole, da noi luminarie gratis» FOTO

(foto Massimo Pica)

Difende le sue luminarie «gratuite» e il suo patrimonio di 1 milione e mezzo di visitatori «certificati», ma sul pedaggio di 5 euro per entrare nel centro storico di Polignano non giudica la scelta dell’amministrazione comunale che «avrà avuto le sue buone ragioni per farlo». Parla Vincenzo Napoli, da poco più di due anni successore alla poltrona di primo cittadino di Vincenzo De Luca, di cui è stato suo vice: lo abbiamo raggiunto telefonicamente in una breve pausa mentre è nel suo ufficio.

Sindaco Napoli, lei rappresenta una città che è un simbolo nazionale per le luminarie...
«Siamo arrivati alla 13ª edizione di Luci d’artista che coinvolge tutta la città. Parliamo di 27 chilometri di luminarie».
Chi sostiene i costi?
«L’amministrazione comunale con il contributo della Regione Campania».
La gente non paga nulla?
«Assolutamente no. L’unica zona in cui si accede a pagamento è per un periodo il villaggio di Babbo Natale dove ci sono attrazioni per bambini. Tuttavia offriamo altri eventi e manifestazioni correlate ».
I numeri dell’affluenza?
«I dati dell’ultima edizione parlano di 1 milione e mezzo di persone».
Non li avrete mica contati...
«No, questi sono i dati. E si riferiscono a tre mesi di manifestazioni, dal 6 novembre al 20 gennaio. In alcuni punti nevralgici della città, tra cui il centro storico, ci sono telecamere con un software di riconoscimento facciale che non conta il suo passaggio se viene visualizzato più di una volta».
Grandi affari per tutti?
«Certamente. Sono tutti in un brodo di giuggiole perché si vende di tutto, dalla pizzetta al capo di alta sartoria. Si registra il tutto esaurito in hotel e b&b».

(il sindaco Vincenzo Napoli)

Lei conosce Polignano a Mare?
«Come no, è un luogo incantevole».
In questi giorni la sua città è stata tirata in ballo per la scelta del Comune di Polignano di far pagare 5 euro a chi accede nel centro storico per vedere alcune luminarie. Il punto è: a Salerno che offre luminarie da record è tutto gratis, qui si paga.
«Se l’amministrazione lo ha fatto, evidentemente avrà avuto le sue buone ragioni. Noi non siamo una scuola né vogliamo insegnare nulla a nessuno. E comunque non posso esprimere un giudizio non conoscendo la filiera di tale decisione».
Lei avrebbe fatto una scelta simile?
«Io penso che a Salerno non si potrebbe mai fare per la sua configurazione geormofologica. Che dovrei fare, chiudere tutta la città?».
Sull’onda lunga di Polignano, anche un altro comune, Alberobello, noto per i trulli, starebbe pensando di introdurre forme di pagamento per servizi turistici...
«Anche in questo caso non ho elementi per esprimere una opinione. Evidentemente hanno necessità di disciplinare le presenze perché i Comuni devono far fronte a una serie di costi per garantire i servizi».
Tali iniziative potrebbero essere lette come un balzello per privatizzare il paesaggio?
«Sono d’accordo che la libera circolazione delle persone è una libertà non negoziabile, dobbiamo però decidere tra la privatizzazione degli utili e la socializzazione dei costi. A Venezia, per esempio, arrivano orde di turisti che sporcano, creano problemi e altro: alla fine questi costi chi li paga? E se non sbaglio lì si parla di limitazione degli accessi».


Sì, ma nessuno ha pensato di introdurre un ticket.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eleba

    21 Novembre 2018 - 16:26

    Le somme si tirano alla fine e vedremo come finirà,chi avrà avuto ragione.Io ad esempio da anni vado in Grecia a trascorrere le mie brevi vacanze ed una delle ragioni per cui ci vado è che tutte le spiagge sono libere,non si paga il parcheggio e se utilizzo l'ombrellone e due lettini pago dai 4 ai 10 euro o addirittura nulla se consumo qualcosa al bar .Qua l'aria che respiri te la fanno pagare.

    Rispondi

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie