Sabato 19 Gennaio 2019 | 00:52

NEWS DALLA SEZIONE

Violenza in città
Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

Bari, migrante scaraventato giù dalla bici per divertimento: «è razzismo»

 
Sentenze tributarie pilotate
Sentenze tributarie pilotate: chieste 11 condanne a Bari

Bari, al processo «Gibbanza» pioggia di prescrizioni: chieste 11 condanne

 
La denuncia
Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

Ex Ilva: da domenica raccolta di firme per esposto contro Arcelor Mittal

 
A Bari
Giachetti contro Emiliano: «Ha lavorato per distruggere il Pd»

Giachetti contro Emiliano: «Ha lavorato per distruggere il Pd»

 
L'inchiesta
Cloro sporco in Puglia, interdetti due funzionari di Aqp

«Cloro sporco» in Puglia, interdetti due funzionari di Aqp

 
Ferrovie
Treni in Puglia, in arrivo una task force per garantire la puntualità

Treni in Puglia, in arrivo una task force per garantire la puntualità

 
SERIE D
Cittanova - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Cittanova - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

 
L'APPUNTAMENTO
Circolo della Vela Bari, i primi 90 annidomani la grande festa con l'open day

Circolo della Vela Bari, i primi 90 anni
domani la grande festa con l'open day

 
Morirono 10 persone
Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

Fabbrica fuochi esplose a Modugno: socio superstite patteggia pena

 
La visita
Criminalità, capo polizia Gabrielli: «Foggiano area difficile, sottovalutata criminalità»

Criminalità, capo polizia Gabrielli: «Foggiano area difficile, sottovalutata criminalità»

 

La svolta

Taranto, l'Ilva va in pensione: inizia l'era di ArcelorMittal

È stata cambiata nella notte la facciata del siderurgico, mentre ieri l'amministratore delegato di ArcelorMittal Italia, Matthieu Jehl, ha incontrato i giornalisti in conferenza stampa

Taranto, fine di un'era: l'insegna di ArcelorMittal sostituisce quella Ilva

Foto Todaro

TARANTO - La grande insegna con la scritta Ilva sullo sfondo blu della palazzina che ospita gli uffici della direzione del siderurgico tarantino è stata rimossa e sostituita con quella di ArcelorMittal. I lavori sono stati completanti nella notte,all’esterno dello stabilimento mentre ieri il vicepresidente e AD di ArcelorMittal Italia, Matthieu Jehl, incontrava i giornalisti in conferenza stampa.

«Non c'è una tonnellata d’acciaio da produrre che vale se non possiamo tornare a casa in piena salute. Sicurezza, salute e ambiente per noi sono dei pilastri che vanno di pari passo con le performance della produzione», ha detto Jehl, vice presidente durante la presentazione del piano industriale, del piano ambientale e della squadra dei manager. «Abbiamo grandi ambizioni e  l'obiettivo di fare di ArcelorMittal Italia la migliore azienda del gruppo in Europa per quanto riguarda la sostenibilità ambientale, sicurezza e performance - ha poi aggiunto - Il più grande investimento per la comunità è il nostro piano ambientale. In aggiunta realizzeremo un investimento fino a un milione di euro l'anno per attività dedicate alla comunità di Taranto». «La produzione attualmente si attesta sui 4,5 milioni di tonnellate d’acciaio l’anno ma contiamo di migliorare la performance portandola a 6 milioni di tonnellate», ha precisato Matthieu Jehl, vice presidente e amministratore delegato di ArcelorMittal Italia, nel corso di una conferenza stampa nello stabilimento siderurgico di Taranto. Jehl ha detto che per la copertura dei parchi primari saranno utilizzati 400 milioni di euro e i lavori dovrebbero essere ultimati entro la primavera del 2020. 

LE PAROLE DI JEHL - «ArcelorMittal è il più grande produttore di acciaio al mondo e ha una storia di fusioni di successo. Vogliamo ottenere lo stesso risultato con l’Ilva, che diventa ArcelorMittal Italia, e per vincere questa sfida puntiamo sulla sostenibilità, qualità dei prodotti e delle persone e leadership, valori condivisi da tutto il gruppo». Così Matthieu Jehl, vice presidente e amministratore delegato di ArcelorMittal Italia, nel corso di una conferenza stampa nello stabilimento siderurgico di Taranto.
«Non si può produrre a lungo termine - ha chiarito - senza sostenibilità. La visione è proiettata nel futuro: a 20 anni, 25 anni, 50 anni. Lavoriamo sul tema della salute, della sicurezza e dell’ambiente, che è il cuore del programma di ArcelorMittal Italia». Jehl ha descritto la struttura organizzativa di ArcelorMittal, presentato la squadra dei manager e poi ha descritto il manifesto di ArcelorMittal Italia sintetizzato in cinque punti: sicurezza, responsabilità ambientale, l’attenzione al personale con garanzia di pari opportunità, la trasparenza e la collaborazione». E per un «futuro sostenibile», ha puntualizzato l’Amministratore delegato, ArcelorMittal aderisce "a rigide norme di salute e sicurezza e promuove miglioramenti per raggiungere livelli 'world-class' grazie a certificazioni indipendenti, monitoraggio sulla sicurezza e Training, ovvero formazione 'take carè per tutti i lavoratori».

Con il passaggio di proprietà e la rimozione della grande insegna, che era visibile a centinaia di metri di distanza, per la città di Taranto finisce definitivamente l’epoca Ilva. 

«Quello per ArcelorMittal Italia è il piano ambientale più ambizioso di sempre». Lo ha affermato a
Taranto Matthieu Jehl, vice presidente e amministratore delegato di ArcelorMittal Italia. I punti chiave del Piano ambientale sono la riduzione delle emissione diffuse, come la copertura dei parchi e i filtri di impianto di agglomerazione, con un investimento di 428 milioni; la riduzione delle emissioni canalizzate, ad esempio il revamp delle cokerie, con un investimento di 290 milioni, le bonifiche (272 milioni), il trattamento delle acque piovane e di processo (167 milioni) e l'Upgrade del piano di prevenzione incendi (40 milioni).

I principali interventi del piano industriale prevedono il Revamping completo dell’Altoforno5 e il nuovo contenitore Bof dell’Acciaieria 1 per un investimento di 260 milioni di euro, l'ammodernamento meccanico e l’automatizzazione degli impianti di finitura (250 milioni), i cilindri (120 milioni), le manutenzioni di Hsm, Laminatoio, Ricottura e Crm (100 milioni), allargamento e aggiornamento di Cc4 (60 milioni), la Centrale elettrica Taranto (60 milioni), installazione e sostituzione caldaie per Afo1, Afo2 e Afo4 (55 milioni), Ripristino dei refrattari della suola dell’Afo1 (45 milioni).


«Al termine del piano - ha sostenuto Jehl - ArcelorMittal Italia rappresenterà un benchmark globale nel settore dell’acciaio». Dieci milioni di euro saranno destinati alla creazione di un Centro di Ricerca e Sviluppo a Taranto con 20 ricercatori e legami con Università e istituti tecnici locali. "Beneficerà - ha chiarito Jehl - del trasferimento di tecnologia e del know how del gruppo, con un focus particolare sul miglioramento delle prestazioni ambientali del processo di produzione dell’acciaio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400