Venerdì 19 Ottobre 2018 | 01:23

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Tutti pazzi per Zalone
«Che spasso fare il padre
di Checco in Norvegia»

Tutti pazzi per Zalone«Che spasso fare il padre di Checco in Norvegia»

di Pasquale Bellini


Anche Maurizio Micheli segue il debutto trionfal-nazionale di Quo Vado? il film con Checco Zalone e la regia di Gennaro Nunziante in uscita domani nelle sale. Lo segue da Milano, dove è in scena per la millesima volta (teatro Franco Parenti) con il suo evergreen, quel Mi voleva Strelher che lo/ci «perseguita» comicamente da quasi 40 anni e infinite repliche. Micheli nel film è il padre di Zalone, l’impiegato «in mobilità» con furibonde traversie comico-satiriche nel mondo della globalizzazione.

Micheli, come si sente nelle vesti di padre, più o meno nobile, di un fenomeno come il nostro Checco Zalone?

«Niente di più nobile della comicità e Zalone è un nobile e intelligente erede di una grande tradizione, fatta di comicità, ma anche di satira sociale e di costume (specialmente in questo film) con un occhio attento e sapiente sia alle esigenze del mercato sia alla qualità dell’ offerta. Zalone e il suo compare di avventure Nunziante, sono davvero dei geniacci operosi, nel campo dello spettacolo e della comunicazione».

Accidenti Micheli, un discorso serio! Ma ci parli anche un po’ del film. Quali le avventure-disavventure?

«Beh, ho seguito le riprese quale padre del protagonista in alcune scorribande del set, come quelle a Bergen in Norvegia, dove siamo dovuti tornare due volte perché la prima volta pioveva sempre. Non vi dico, la cucina! Per fortuna ci siamo rifatti in Puglia, evviva, con le scene a Conversano».

In che senso si dice, lo ha detto anche lei Micheli, che in questo film gli autori Zalone-Nunziante sono passati dalla comicità violenta delle gag alla satira sociale e di costume? L’hanno buttata in politica?

«Ma no, niente affatto qui si ride, eccome se si ride, voglio avvertire tutti. Solo che il tema, quello del lavoro, del posto fisso, degli scombussolamenti dovuti alle infinite crisi, è argomento con una sua seria corposità sociale. Qui il personaggio di Zalone mi sembra abbia un po’ dismesso quella “cattiveria” a volte crudele, a volte fine a se stessa, a volte solo funzionale alla chiusura fulminante di una gag. Mi sembra che qui ci sia un maggior approfondimento, del personaggio e delle situazioni che affronta. A questo mi riferivo quando dicevo di vedere Zalone (in prospettiva) quale erede di una grande tradizione, che poi è quella della commedia all’italiana, dove c’ è la comicità ma anche una lettura satirica della realtà. Inutile ricordare i “leoni” di quella stagione, da Gassman a Sordi, da Tognazzi a Manfredi. Credo che Zalone, a partire da questo “Quo vado?” si sia messo o intenda mettersi su quella strada. Per non parlare poi della sua, di Zalone, grande qualità di musicista, vedi quella canzone La prima repubblica che fa da leit-motiv al film».

Insomma non resta che formulare il classico «in bocca al lupo».

«Assolutamente sì, e crepi il lupo. Lupo norvegese, credo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Migranti, Calimera offre ospitalitàsindaco Riace. Lega: spot a illegalità

Migranti, Calimera offre ospitalità sindaco Riace. Lega: spot a illegalità

 
Negramaro, Lele lascia ospedale: andrà a Roma per la riabilitazione

Negramaro, Lele lascia ospedale: andrà a Roma per la riabilitazione

 
Scontro treni, il gup chiama in causail Ministero e la Ferrotramviaria

Scontro treni, gup chiama in causa il Ministero e la Ferrotramviaria

 
Lecce, esce per un permesso e torna in carcere con una dose a mo' di supposta

Lecce, esce per un permesso e torna in carcere con una dose a mo' di supposta

 
Pastore ucciso nel Materano: scarcerato presunto mandante

Pastore ucciso nel Materano: presunto mandante scarcerato dopo 11 mesi

 
Mafia, Consiglio di Stato confermascioglimento comune di Parabita

Mafia, Consiglio di Stato conferma scioglimento Comune di Parabita

 
Ex sindaco Lecce Perrone: «Le primarie? Andrebbero fatte sempre»

Ex sindaco Lecce Perrone: «Le primarie? Andrebbero fatte sempre»

 
La mia splendida Marsalatutta da bere e... mangiare

La mia splendida Marsala tutta da bere e... mangiare

 

GDM.TV

Bari, video choc: ecco il baby boss di Japigia

Bari, il video choc del bambino boss di Japigia: «La madama mi fa un...»

 
Luca Turi diventa cittadino onorario di Durazzo: «Sono onorato»

Luca Turi diventa cittadino onorario di Durazzo: «Sono onorato»

 
Sanità, Emiliano visita gli ospedali e le Asl Bat: il video

Sanità, Emiliano visita gli ospedali e le Asl Bat: «Migliorata l'offerta»

 
Strage S.M. in Lamis, dopo un anno arrestato pregiudicato. Morirono i fratelli Luciani, innocenti

Strage S.M. in Lamis, un arresto. Morirono i fratelli Luciani, innocenti VD

 
Tap, la promessa di Di Battista: «Lo bloccheremo in 2 settimane»

Tap, la promessa di Di Battista: «Lo bloccheremo in 2 settimane»

 
Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne di Cerignola

Rapinano ufficio postale a Lucera, arrestati un 19enne e un 22enne 

 
Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

Gala Niaf a Washington: gli ospiti ballano la pizzica con Emiliano

 
Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano

Alessandra Amoroso a Bari: lei firma le copie del disco, i fan cantano in strada

 

PHOTONEWS