Domenica 18 Agosto 2019 | 14:53

NEWS DALLA SEZIONE

Politica
L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

 
Bollino rosso
Bari, auto in fiamme sull'A14: coda lunga 4 km e traffico in tilt

Bari, auto in fiamme sull'A14: coda lunga 4 km e traffico in tilt

 
Disagi in spiaggia
Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

Monopoli, sversati liquami in mare: divieto balneazione al Lido Bianco

 
Nel Tarantino
Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

 
Il caso
Choc a Monopoli, una «Maria nera» ruba la scena alla «Madonna della Madia»

Choc a Monopoli, una «Maria nera» ruba la scena alla «Madonna della Madia»

 
Sviluppo
Il Sud sorprendente volano per l’avvio di nuove imprese

Il Sud sorprendente volano per l’avvio di nuove imprese

 
L'incidente
Grassano, muore a 25 anni dopo un volo con l’auto in una scarpata

Grassano, muore a 25 anni dopo un volo con l’auto in una scarpata

 
le «pagelle» arwu
UniSalento perde quota ma resta nella top 1000 delle migliori al mondo

UniSalento perde quota ma resta nella top 1000 delle migliori al mondo

 
Uilvi decimati
Xylella, scoppia un’altra lite e il batterio avanza ancora

Xylella, scoppia un’altra lite e il batterio avanza ancora: «Ci vuole chiarezza»

 
La denuncia di Radicali e Penalisti
«Bari ha bisogno di un nuovo carcere»: solo 299 posti, mai i detenuti sono 428

«Bari ha bisogno di un nuovo carcere»: solo 299 posti, mai i detenuti sono 428

 
Calcio
Lecce, domani terzo turno di Coppa contro la Salernitana, Liverani: «Serve entusiasmo»

Lecce, domani terzo turno di Coppa contro la Salernitana, Liverani: «Serve entusiasmo»

 

Il Biancorosso

Sport
Bari calcio, boom per gli abbonamenti: superati i 5mila tesserati

Bari calcio, boom abbonamenti: superati i 5mila tesserati

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariPolitica
L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

L'ira di Altieri: «Emiliano rispetti i leghisti pugliesi»

 
BrindisiIl caso
Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

Cisternino, si appropriava di auto poste sotto sequestro: denunciato

 
HomeNel Tarantino
Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

Scontro frontale tra due auto tra Laterza e Ginosa: morto 40enne, 3 feriti

 
GdM.TVIl ritrovamento
Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

Scanzano Jonico, sulla spiaggia spunta un granchio tropicale

 
PotenzaIl caso
Castelmezzano, Rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

Castelmezzano, rubano offerte in chiesa: messi in fuga da 2 parrocchiani

 
NewsweekVacanze vip
Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

 
FoggiaI controlli
Foggia, lavoro nero nei lidi: «Il contratto? E chi l'ha visto?»

Foggia, lavoro nero nei lidi: «Il contratto? E chi l'ha visto?»

 
BatL'iniziativa il 22 agosto
Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

Bisceglie dedica a Leopardi la scalinata dell'Infinito

 

i più letti

Tutti pazzi per Zalone
«Che spasso fare il padre
di Checco in Norvegia»

Tutti pazzi per Zalone«Che spasso fare il padre di Checco in Norvegia»

di Pasquale Bellini


Anche Maurizio Micheli segue il debutto trionfal-nazionale di Quo Vado? il film con Checco Zalone e la regia di Gennaro Nunziante in uscita domani nelle sale. Lo segue da Milano, dove è in scena per la millesima volta (teatro Franco Parenti) con il suo evergreen, quel Mi voleva Strelher che lo/ci «perseguita» comicamente da quasi 40 anni e infinite repliche. Micheli nel film è il padre di Zalone, l’impiegato «in mobilità» con furibonde traversie comico-satiriche nel mondo della globalizzazione.

Micheli, come si sente nelle vesti di padre, più o meno nobile, di un fenomeno come il nostro Checco Zalone?

«Niente di più nobile della comicità e Zalone è un nobile e intelligente erede di una grande tradizione, fatta di comicità, ma anche di satira sociale e di costume (specialmente in questo film) con un occhio attento e sapiente sia alle esigenze del mercato sia alla qualità dell’ offerta. Zalone e il suo compare di avventure Nunziante, sono davvero dei geniacci operosi, nel campo dello spettacolo e della comunicazione».

Accidenti Micheli, un discorso serio! Ma ci parli anche un po’ del film. Quali le avventure-disavventure?

«Beh, ho seguito le riprese quale padre del protagonista in alcune scorribande del set, come quelle a Bergen in Norvegia, dove siamo dovuti tornare due volte perché la prima volta pioveva sempre. Non vi dico, la cucina! Per fortuna ci siamo rifatti in Puglia, evviva, con le scene a Conversano».

In che senso si dice, lo ha detto anche lei Micheli, che in questo film gli autori Zalone-Nunziante sono passati dalla comicità violenta delle gag alla satira sociale e di costume? L’hanno buttata in politica?

«Ma no, niente affatto qui si ride, eccome se si ride, voglio avvertire tutti. Solo che il tema, quello del lavoro, del posto fisso, degli scombussolamenti dovuti alle infinite crisi, è argomento con una sua seria corposità sociale. Qui il personaggio di Zalone mi sembra abbia un po’ dismesso quella “cattiveria” a volte crudele, a volte fine a se stessa, a volte solo funzionale alla chiusura fulminante di una gag. Mi sembra che qui ci sia un maggior approfondimento, del personaggio e delle situazioni che affronta. A questo mi riferivo quando dicevo di vedere Zalone (in prospettiva) quale erede di una grande tradizione, che poi è quella della commedia all’italiana, dove c’ è la comicità ma anche una lettura satirica della realtà. Inutile ricordare i “leoni” di quella stagione, da Gassman a Sordi, da Tognazzi a Manfredi. Credo che Zalone, a partire da questo “Quo vado?” si sia messo o intenda mettersi su quella strada. Per non parlare poi della sua, di Zalone, grande qualità di musicista, vedi quella canzone La prima repubblica che fa da leit-motiv al film».

Insomma non resta che formulare il classico «in bocca al lupo».

«Assolutamente sì, e crepi il lupo. Lupo norvegese, credo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie