Martedì 22 Giugno 2021 | 00:19

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Foggia, gestione rifiuti tanti i nodi al pettine

Foggia, gestione rifiuti tanti i nodi al pettine

 
Il caso
Foggia, atti vandalici al «Parco città»

Foggia, atti vandalici al «Parco città»

 
La tragedia
Carpino, scontro col furgone: muore anziana coppia

Carpino, scontro col furgone: muore anziana coppia

 
sangue sulle strade
Pedone 70enne travolto e ucciso da auto a Foggia

Pedone 70enne travolto e ucciso da auto a Foggia

 
l'incidente
Foggia, divampa rogo vicino a ghetto migranti: due intossicati

Foggia, divampa rogo vicino a ghetto migranti: due intossicati

 
Covid
Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi i

Puglia, 3.157.341  le dosi di vaccino somministrate fino ad oggi - Stabile al 3% occupazione terapie intensive

 
L'inchiesta
Foggia, mazzette anche a Pompei

Foggia, mazzette anche a Pompei

 
lieto fine
Zapponeta, bimbo in asfissia salvato dai soccorritori

Zapponeta, bimbo in asfissia salvato dai soccorritori

 
Serie C
Calcio, Zeman torna al Foggia: i tifosi rossoneri tornano a sognare

Calcio, Zeman torna al Foggia: i tifosi rossoneri cominciano a sognare

 
L'incidente
Foggia, impatto tra due mezzi pesanti: traffico in tilt sulla SS16

Foggia, impatto tra due mezzi pesanti: traffico in tilt sulla SS16

 
La novità
San Severo , si parte con la sede di via Terranova per il commissariato di polizia

San Severo , si parte con la sede di via Terranova per il commissariato di polizia

 

Il Biancorosso

Calcio
Michele Mignani

Il Bari si affida a Mignani: è lui il nuovo allenatore

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecceil fenomeno
Lecce,  volontari croce rossa

Castro, sbarco di migranti vicino la grotta Zinzulusa

 
BariIl caso
Bari, allarme in città, tre donne picchiate

Bari, allarme in città, tre donne picchiate

 
MateraIl caso
Montalbano pronta a dire no alle scorie

Montalbano pronta a dire no alle scorie

 
PotenzaIl caso
Potenza, frenata sull’acqua cara

Potenza, frenata sull’acqua cara

 
TarantoIl fatto
Taranto, Bus in fiamme ai Tamburi

Taranto, bus in fiamme ai Tamburi

 
BrindisiIl fatto
Fasano, il navigatore «tradisce» camionista traffico in tilt

Fasano, il navigatore «tradisce» camionista traffico in tilt

 
Batil caso nella Bat
Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

Andria, sicurezza, agricoltori nel mirino

 
FoggiaIl caso
Foggia, gestione rifiuti tanti i nodi al pettine

Foggia, gestione rifiuti tanti i nodi al pettine

 

i più letti

l'emergenza

Foggia, vertiginoso aumento delle altre malattie in era Covid

L'allarme del dg di «Casa Sollievo» Michele Giuliani

Foggia, vertiginoso aumento delle altre malattie in era Covid

Foggia - «Quando saremo usciti dal Covid, il vero dramma per tutti noi sarà come riprendere a curare tutte le malattie non Covid, andate avanti a velocità supersonica in questi mesi». Il direttore generale di Casa Sollievo della Sofferenza, Michele Giuliani, vede l’uscita dal tunnel vicina, ma al tempo stesso non si fa illusioni. La pandemia ha fatto tabula rasa negli ospedali, i reparti si sono ridotti all’osso, la gente ha rinunciato a curarsi per evitare di contrarre il virus specie nella prima fase dell’emergenza sanitaria quando ancora non erano state messe a punto le procedure in ambito ospedaliero su come difendersi dal «mostro». E nel frattempo le altre malattie hanno preso il sopravvento proprio perché tralasciate, non curate. Parliamo dei tumori ad esempio, come delle nuove intolleranze sempre più crescenti nella popolazione e tanti altri malanni rimasti inesplorati in questi mesi. «Noi a Casa Sollievo abbiamo sempre accolto tutti - precisa Giuliani - ma non potevamo fare tutto come avremmo voluto. Il Covid ci ha ridotto gli spazi oltre che assorbito il personale sanitario».

Non c’è solo l’aspetto medico, anche sul piano finanziario le cose non girano più come dovrebbero a Casa Sollievo. Cosa rischia un grande ospedale da oltre 3mila posti di lavoro?

«Il Covid ci ha dato una grande lezione, ha messo in risalto anche alcune criticità che ci portiamo avanti da un decennio. Non siamo però in crisi come ci dipingono, chi preconizza un finale inglorioso per la nostra grande struttura non conosce la situazione o lo dice in malafede».

La commissione insediata dal Vaticano cos’altro sarebbe allora?

«La Santa Sede ha nominato un gruppo di lavoro che ci aiuti nell’analisi della situazione e nella stesura di un piano strategico. È un gruppo di lavoro con rapporto consulenziale, ognuno svolge il suo ruolo in altre strutture: tra i cosiddetti commissari c’è anche un consigliere d’amministrazione di Casa Sollievo, Pietro Grasso. Se fossero commissari, come potrebbe la Santa Sede nominare un interno? Gli altri componenti del gruppo di lavoro sono Angelo Tanese (direttore Asl Roma1) e Gino Gumirato, direttore delle attività domiciliari dell’Ospedale Gemelli».

I cento milioni di debiti di cui si vocifera allora come saltano fuori?

«Una cifra spropositata e un numero sparato nel mucchio, così per fare ancora un po’ di confusione. Stiamo lavorando sul bilancio 2020, ci sono uscite e entrate di cassa ancora da contabilizzare come in tutti i bilanci. Voglio solo ricordare che il patrimonio netto della fondazione è in pieno pareggio».

La Regione però è disposta a venirvi incontro.

«Con la Regione stiamo cercando di trovare la soluzione giusta per Casa Sollievo, una struttura fondamentale dell’impianto sanitario regionale. Abbiamo fatto sempre la sua parte sul piano sanitario, mi sembra un’attenzione doverosa».

Quanto è costato però cedere circa 120 posti letto all’assistenza Covid?

«Abbiamo un volume d’affari della fondazione nell’ordine di 300 milioni annui. Durante il Covid abbiamo dovuto sospendere le attività ordinarie, destinando posti letto più le aree e i percorsi di filtro. Ma c’è un altro fattore assolutamente determinante: nel momento in cui occupo la Terapia intensiva con i degenti covid, rendo inutilizzabile al 50% le Chirurgie che non posso portare in sala operatoria».

Un problema comune a tanti altri ospedali Covid.

« Ma per noi è diverso. Al noi il servizio sanitario riconosce una tariffa nell’ambito del “Drg”, vendiamo prestazioni al sistema pubblico. Anche la struttura pubblica vende e riceve finanziamenti: ma il differenziale vero è che se devo comprare la risonanza di ultima generazione devo trovare le risorse all’interno di quella tariffa. Mentre al pubblico vengono riconosciuti finanziamenti ad hoc. Il personale assorbe il 60% dei nostri costi, che noi dobbiamo trovare all’interno delle stesse risorse. E non mandiamo indietro nessuno: la nostra terapia intensiva No Covid ha 21 posti letto, quasi sempre oltre il pieno regime».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie