Lunedì 15 Agosto 2022 | 08:58

In Puglia e Basilicata

Il caso

Foggia, 4 tamponi per il ricovero: muore operatore 118

casa sollievo della sofferenza San Giovanni rotondo

Casa Sollievo della sofferenza

Test negativi nonostante i sintomi tipici del Covid

11 Ottobre 2020

Massimo Levantaci

FOGGIA - Aveva 53 anni l’autista-soccorritore del 118 foggiano deceduto ieri mattina per Covid all’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo.

L’uomo avrebbe contratto il virus non durante il lavoro, ma dal cognato, il primo ad ammalarsi in famiglia secondo quanto riferisce l’Asl dopo essere risalita ai contatti. Tuttavia prima che a Matteo Pompilio, questo il nome della vittima, venissero prestate le prime cure per coronavirus si è dovuto attendere la positività al quarto tampone.

Il 53enne, infatti, si è recato al pronto soccorso la prima volta lo scorso 23 settembre, con febbre persistente da quattro giorni: ma con il test negativo è stato rimandato indietro. La febbre però non diminuiva, il soccorritore si è ripresentato in ospedale il 28 settembre, ma anche in questo caso altro tampone negativo e nuovo ritorno a casa. La sera del 28 Pompilio ha però fatto ritorno in ospedale: all’ennesimo tampone negativo, i sanitari decidevano comunque di ricoverarlo.

La positività veniva riscontrata due giorni dopo, a seguito di un broncolavaggio. Forse troppo tardi: il soccorritore dopo dieci giorni di ricovero è deceduto ieri mattina.

Sessanta nuovi contagi ieri in Capitanata, preoccupa l’aumento di casi nelle «Rsa». Sette nuove positività sono state rilevate presso l’Unione Amici di Lourdes a Foggia dove un focolaio si credeva fosse stato stato spento con venti contagiati fra ospiti e operatori sanitari alcuni dei quali ancora in isolamento nella struttura di viale Ofanto. Altri tre casi nella Rsa dell’ospedale Don Uva di Foggia, nella cui struttura sono in isolamento 35 ospiti mentre altri 37 operatori sanitari sono in isolamento fiduciario nelle proprie abitazioni. Altri tre casi infine registrati ieri dall’Asl in una Rsa di Orta Nova, la San Tarcisio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725